Home > Altro > Alla ricerca della verità

Alla ricerca della verità

scritto da: FraPro | segnala un abuso

Alla ricerca della verità


 A volte le persone che ci sono vicine ci nascondo delle scomode verità

 

Alla radice dell’investigazioni c’è spesso la ricerca della giustizia, insieme al piacere della conoscenza, due moventi propriamente e splendidamente umani. Inoltre, bisogna ricordare alcune conseguenze peculiari del fatto che l’investigazione è una sfida e un’avventura nell’ambito più complesso della dimensione cognitiva, eminentemente depositaria della nostra razionalità ma anche delle nostre passioni, incertezze e, perché no, presunzioni.

Soprattutto, chi per vocazione lavora nel campo delle investigazioni compie questa scelta professionale perché sente una vera e propria attrazione fatale: una propensione fortissima per la giustizia ma anche (non sempre ma certamente in molti casi) un interesse verso la propria ombra, cioè verso la parte più oscura e misteriosa della realtà e di se stessi. A volte, anche la scelta di schierarsi professionalmente dalla parte del bene, contro il male, può essere espressione di un’intima solidità ma anche di un modo per puntellare, sostenere, ancorare la propria vacillante interiorità.

Come agisce un investigatore privato e perché ricorrere ai suoi servizi? L’assistenza di un investigatore privato è necessaria nel momento in cui si inizia ad avere dubbi e sospetti nei confronti di altre persone. Sospetti che possono essere sia in ambito familiare (presumendo ad esempio una relazione extraconiugale da parte del marito o della moglie), che in ambito lavorativo.

Prima di mettersi nelle mani di un investigatore però è fondamentale assicurarsi che questo sia abilitato ad operare sul territorio nazionale e che possa vantare un’esperienza pluriennale nel settore. Questo perché le prove ottenute dall’investigatore nel corso delle indagini possano essere utilizzate in sede legale: per questo motivo è necessario che siano raccolte nel completo rispetto della legge.

Ti consideri uno stalker?
Santoni: Esistono alcuni paralleli, perché entrambi seguiamo degli sconosciuti nelle loro vite private. Uno stalker però non ha limiti, mentre noi durante l'osservazione dobbiamo tenerci entro determinati confini. Se vediamo persone fare cose molto private, è solo perché succedono fuori dalla loro porta d'ingresso. Se un marito infedele fa sesso con la sua amante in un parcheggio deserto, è nostro dovere osservarlo. L'obiettivo è raccogliere prove di un reato o risolvere controversie private; a spingere uno stalker è invece l'ossessione. Una volta, uno dei miei investigatori è stato ingaggiato proprio da una stalker. Per farci credere di essere lei stessa la vittima aveva messo su una storia di tradimento credibilissima, ma subito dopo l'inizio dell'indagine ci siamo accorti di come stavano realmente le cose e ne abbiamo parlato con il diretto interessato.

Investigazioni | infedeltà | tradimenti | violenza | bullismo | assenteismo | Gianluca Santoni investigazioni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Prevenzione online antidroga


Creare specialisti della prevenzione alla droga


L’istruzione per porre fine alla droga.


DISTRIBUZIONE DI OPUSCOLI INFORMATIVI SULLA DROGA A PADOVA


Prevenzione alla droga a Padova


PREVENZIONE ALLA DROGA: RAGGIUNGERE MILIONI DI PERSONE CON IL MESSAGGIO “DICEVANO... MENTIVANO”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Massimiliano Zannoni stile Consulting

Massimiliano Zannoni stile Consulting
 Dietro la scelta dell’immagine un po’ spavalda c’è un ragazzo umile che le persone scelgono e riscelgono. Classe 74 professionale, giovane e dinamico, apre la sua prima agenzia nel febbraio del 2005. La fiducia che le persone ripongono in lui hanno permesso a Massimiliano Zannoni di fare il passo e di dare il servizio che in una cittadina come Ciampino mancava ma dal (continua)

A 25 anni Dalla morte del piccolo Giuseppe Di Matteo il 18 Gennaio 2019 alle ore 18:00 presso Libreria Minerva di Piazza Fiume a Roma

A 25 anni   Dalla morte del piccolo Giuseppe Di Matteo       il 18 Gennaio 2019 alle ore 18:00 presso  Libreria Minerva di Piazza Fiume a Roma
 A 25 anni   Dalla morte del piccolo Giuseppe Di Matteo      il 18 Gennaio 2019 alle ore 18:00 presso  Libreria Minerva di Piazza Fiume a Roma sarà presentato il libro:   HO SCONFITTO la mafia. IO SONO VIVO! di   Marina Paterna   Con la Prefazione di Giommaria Monti Giornalista,  Scrittore e Autore&nb (continua)

Fabrizio Corona e l’amore smisurato per Belen: si racconta nel suo libro in uscito il 22 gennaio “ non mi avete fatto niente “

Fabrizio Corona e l’amore smisurato per Belen: si racconta nel suo libro in uscito il 22 gennaio “ non mi avete fatto niente “
    Fabrizio Corona e l’amore smisurato per Belen: si racconta nel suo libro in uscito il 22 gennaio “ non mi avete fatto niente “   Amo ancora Belen, tra noi c'è sempre magia". Bomba di Fabrizio Corona. Non finisce di stupire l'ex agente dei paparazzi. Le ultime esternazioni sono contenute nel libro autobiografico di prossima uscita. Chi, in edicol (continua)

Lazio. Restituita la scorta a Capitano Ultimo

Lazio. Restituita la scorta a Capitano Ultimo
 Lazio. Restituita la scorta a Capitano Ultimo. L’autrice Marina Paterna davanti le notizie delle ultime ore dichiara:  “Il TAR si è espresso. Al Capitano Ultimo la scorta spetta di diritto. Poche ore fa e a distanza di qualche minuto dal lancio della fiction interpretata da Raul Bova, ispirata all’uomo che fece arrestare Totò Riina, un’Audi, appare (continua)

La capsule collection Ellebi di Livia Bonanni in mostra a Roma da sabato 22 dicembre presso Area Contesa Via Margutta - Roma

La capsule collection Ellebi  di Livia Bonanni in mostra a Roma da sabato 22 dicembre presso Area Contesa Via Margutta - Roma
    La capsule collection Ellebi  di Livia Bonanni in mostra a Roma da sabato 22 dicembre presso Area Contesa Via Margutta - Roma   Livia Bonanni nasce a Roma nell'Ottobre del 1981. Affascinata fin da piccola dal tintinnio e dalla struttura del gioiello nel 2015 frequenta l'Accademia di Arti Orafe a Roma lavorando a banchetto e realizzando piccoli gioielli in argento. Da (continua)