Home > Primo Piano > AUTOSTRADE PER L’ITALIA :I PONTI SALTANO, LA GENTE MUORE E CI SI PREOCCUPA DELLE PENALI!

AUTOSTRADE PER L’ITALIA :I PONTI SALTANO, LA GENTE MUORE E CI SI PREOCCUPA DELLE PENALI!

articolo pubblicato da: ciminogelsomina | segnala un abuso

AUTOSTRADE PER L’ITALIA :I PONTI SALTANO, LA GENTE MUORE E CI SI PREOCCUPA DELLE PENALI!
AUTOSTRADE PER L’ITALIA :I PONTI SALTANO, LA GENTE MUORE E CI SI PREOCCUPA DELLE PENALI! Le tristi cronache di questi giorni, impongono una breve riflessione. Mentre oltre quaranta famiglie piangono per la morte dei loro cari, i nostri capi di governo si arrovellano intorno alla possibilità e alle conseguenze di una revoca della concessione riconosciuta sin dal 2007 a Autostrade per l’Italia. Al di là del fatto che la sensazione è quella che si voglia distogliere l’attenzione dal vero problema – ben quarantacinque vittime! – v’è da dire che la circostanza per cui lo Stato possa essere, in caso di effettiva revoca, sottoposto all’obbligo di dover corrispondere una penale che pare si aggiri intorno ai 20 miliardi di euro, è un’ipotesi che toccherebbe noi cittadini Italiani solo di riflesso ma certo non rincuora le vittime del tragico evento né ci rassicura sul fatto che simili tragedie non si verifichino più. Il solito rimbalzo di responsabilità; la ricerca spasmodica di coloro che abbiano fattivamente siglato il contratto “capestro”; l’enunciazione ad opera di Autostrade di tutti gli impegni assunti, degli obblighi assolti, non danno e non tolgono nulla alle povere vittime di oggi o a quelle di domani. Ben può continuare l’Amministratore delegato di Autostrade a declinare tutti i lavori eseguiti, gli obblighi perfettamente assolti in ottemperanza del contratto di concessione: questo può bastare per difendere Autostrade dagli attacchi di Stato Italia ma non sarà sufficiente per “lavarsi le mani” di fronte alle vittime. Lo dimostrano le decine di ponti esistenti in Italia per i quali da anni si denunciano inefficienze e pessima manutenzione eppure, continuano ad essere parole al vento o addirittura l’ennesima occasione per fare ideologia politica o addirittura economica. Nella “guerra politica” verso lo Stato potrà forse bastare l’aver assolto agli obblighi derivanti dal Contratto; nei confronti delle vittime bisognerà dimostrare di aver adottato ogni cautela per evitare che il tragico evento si verificasse; NOXA CAPUT SEQUITUR: la colpa segue il colpevole. @Produzione Riservata Studio Legale Cimino www.studiolegalecimino.eu

AVVOCATO | AVVOCATO A ROMA | AVVOCATO ROMA | AVVOCATO CIMINO | GELSOMINA CIMINO | STUDIO LEGALE CIMINO | STUDIO LEGALE | STUDIO LEGALE ROMA | AUTOSTRADE PER L ITALIA | SOCIETA AUTOSTRADE | PONTE MORANDI | PONTE GENOVA | CROLLO PONTE | PONTE | A 10 | MINISTERO INFRASTRUTTURE | MINI |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Autostrade per l’Italia: il punto sul progetto della Gronda Autostradale di Ponente


Consigli di viaggio per un Esodo di Natale senza stress


Le Autostrade del Mare


Pasqualino Monti: Carte in regola per essere protagonisti nelle Autostrade del mare


Vendita autodiagnosi a Roma da Romautomotive la soluzione per tutte le officine


 

Stesso autore

Pratica commerciale scorretta:Escluso il controllo dell’Antitrust sull’attività di recupero crediti

Pratica commerciale scorretta:Escluso il controllo dell’Antitrust sull’attività di recupero crediti
Il Consiglio di Stato, irrompendo rispetto a innumerevoli precedenti adottati per la stessa materia, in un procedimento patrocinato dall’Avv. Gelsomina CIMINO, ha infine riconosciuto che L’Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato non ha competenza circa l’applicazione di sanzioni a carico di società di recupero di crediti, già assoggettate al rilascio di apposita Licenza di Polizia (ar (continua)

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile
Il Tribunale di Palermo, in una causa patrocinata dall’Avv Gelsomina CIMINO ha confermato l’orientamento della Cassazione, opportunamente richiamato dalla parte ricorrente, per cui è stato ritenuto insussistente il diritto all’attribuzione dell’assegno divorzile. Il Tribunale infatti, dopo aver dato atto delle opposte reazioni succedutesi alla rivoluzionaria sentenza n. 11504/2017 della I sez. ci (continua)

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza
Il Tribunale di Monza, PER PRIMO in una causa patrocinata dall’avv. Gelsomina CIMINO ha riconosciuto – discostandosi profondamente dagli ordinari criteri di liquidazione generalmente adottati – la responsabilità del danno da invalidità temporanea per la durata di ben otto anni. Il caso traeva origine da un intervento chirurgico cui si era sottoposto l’attore e a seguito del quale, aveva riportat (continua)

festa delle donne

festa delle donne
Vite Dimenticate è l’Associazione no-profit costituita da professioniste che aiutano le vittime di violenza e maltrattamenti a ritrovare serenità e autostima per far si che possano tornare a sorridere e ad essere felici grazie alla realizzazione di un nuovo progetto di vita. Vite Dimenticate svolge la propria attività sociale e di volontariato a titolo gratuito a tutela dei diritti civili dei s (continua)

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’
MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’ Prendendo le mosse dalla oramai ben nota Sentenza De Tommaso della Corte EDU (23.02.2017 nel procedimento n. 43395/09) la quale condannava l’Italia per la violazione dell’art. 2 prot. 4 CEDU, per il ritenuto deficit di prevedibilità e tassatività della disciplina delle misure di prevenzione nella descrizione (continua)