Home > Altro > Analisi del Centro Studi Abitare Co. Gli studenti fuori sede spingono il mercato immobiliare nei quartieri universitari: aumentano domanda d’acquisto e prezzi di vendita a ritmi superiori alla media degli altri quartier

Analisi del Centro Studi Abitare Co. Gli studenti fuori sede spingono il mercato immobiliare nei quartieri universitari: aumentano domanda d’acquisto e prezzi di vendita a ritmi superiori alla media degli altri quartier

articolo pubblicato da: comunicazioneareapress@gmail.com | segnala un abuso

 Milano, 10 settembre 2018Sono tanti gli studenti che si stanno preparando al nuovo anno accademico e che hanno scelto altre città per i propri studi. In base agli ultimi dati dell’Anagrafe Nazionale Studenti del Miur, nel 2016/2017 gli studenti fuori sede erano più di 400mila. Un esercito che, secondo l’analisi del Centro Studi di Abitare Co. - società attiva nell’ambito dell’intermediazione immobiliare -, contribuisce a dare una spinta al mercato immobiliare nei quartieri vicini alle facoltà delle principali città metropolitane italiane e delle piccole città universitarie.

A livello generale, durante il primo semestre del 2018, in prossimità dei quartieri universitari, la domanda per l’acquisto di un’abitazione è aumentata in maniera più marcata (+5,2% sul 2017) rispetto a quella registrata nelle altre zone (+4,6%). Una spinta che arriva sia da chi preferisce acquistare l’immobile al proprio figlio studente, avendone la possibilità economica, sia da chi vuole investire potendo contare su un bacino ampio di potenziali affittuari e su di una rendita più elevata. Contestualmente, a settembre 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in queste zone cresce del +2,2% il prezzo medio di vendita di un’abitazione usata in buone condizioni (€2.400 a mq) - contro +1,3% degli altri quartieri - con prezzi variabili che si attestano in un ampio range compreso fra i €1.400 a mq di Ferrara sino ad un valore top di €5.100 a Roma nel quartiere Nomentano, vicino alla Sapienza.

Aumenta anche la domanda di abitazioni in affitto del +4,3% (nelle altre zone è del +3,7%), mentre i prezzi medi per un bilocale, che si attestano a circa €800 al mese, sono cresciuti rispetto allo scorso anno del +5,8%, a fronte di un incremento medio registrato negli altri quartieri del +4,6%.

Quanto costa acquistare un’abitazione usata (in buone condizioni) nei pressi delle principali università?

Considerando esclusivamente i quartieri universitari delle città metropolitane, a settembre 2018 la più cara è Roma, con un prezzo medio di €4.100 a mq (+1,8% sul 2017): Tor Vergata risulta il quartiere più economico (€2.800 a mq), mentre i prezzi aumentano nettamente nelle zone di Nomentano (€5.100 a mq), Flaminio (€4.800), San Lorenzo (€4.200) e Garbatella (€ 3.800).

Subito dopo Roma si colloca Milano, dove bisogna prevedere in queste zone una media di €3.700 a mq (+2,2%), con prezzi che variano da €2.200 della zona Bovisa a €6.700 della centralissima Sant’Ambrogio. Per il quartiere Bocconi sono necessari €3.300, mentre in Bicocca il prezzo medio è di circa €2.300.

Al terzo posto si posiziona Firenze, con un valore medio di €2.650 a mq (+2,2%): per chi decide di acquistare nel quartiere Gavinana, il prezzo di €2.300 è sicuramente più conveniente rispetto ai quartieri di Rifredi (€2.700) e Campo di Marte (€2.900).

Proseguendo, i bolognesi devono invece prevedere in media circa €2.600 (+2,1%), ma salgono fino a €3.300 se ci si avvicina al quartiere di San Donato. Nelle zone di Marco Polo e San Vitale sono “sufficienti” rispettivamente €2.200 ed €2.400.

Per acquistare un’abitazione nella città barese, il prezzo medio è di €2.400 a mq (+2,1%), con valori che variano da €1.900 di San Paolo fino a toccare €2.500 di Poggiofranco ed €2.700 di Murat.

A Genova e Napoli, rispettivamente con una media di circa €2.300 a mq (+1,7%) ed €2.150 (+2,1%), i prezzi iniziano a essere più contenuti rispetto alle altre città metropolitane. In particolare, nella città ligure Castelletto è il quartiere più caro (€2.700), mentre nelle altre zone a San Fruttuoso servono €1.500, a Portoria €2.300, a San Martino € 2.500 e nel Centro Storico €2.600. Nella città partenopea, invece, la zona più costosa è il Porto (€2.800), seguita da Corso Umberto (€2.400). Più economiche Foria (€1.500) e San Pietro Martire (€1.900).

Torino, con €1.800 (+1,4%), chiude la classifica delle città metropolitane: qui si va da €1.300 di Vanchiglia a €2.700 di Crocetta, mentre a Santa Rita servono €1.500 e nella zona di San Paolo €1.800.

Analizzando, invece, le piccole città universitarie, non tenendo conto dei quartieri per le dimensioni più contenute del territorio, si vede come Pisa in media sia la città più cara, con €2.800 a mq (+2,7%), seguita da Padova (€2.400), Urbino (€1.900) e Trieste (€1.800). La più economica in assoluto è Ferrara (€1.400).

 

 

Azienda

Abitare Co. nasce nel 1997 dall’esperienza quarantennale maturata nell’ambito immobiliare dai tre soci fondatori. Dopo oltre 20 anni di attività nell’ambito delle vendite immobiliari, con una particolare attenzione all’edilizia residenziale e di nuova costruzione, Abitare Co. è presente in Lombardia capillarmente con 15 uffici e, ad oggi, gestisce la vendita di soluzioni abitative di oltre 50 cantieri sul territorio milanese, di cui 10 dislocati nell’Hinterland. Abitare Co. si distingue da sempre per l’alta professionalità dei suoi 40 professionisti e per la velocità del processo di vendita. Professionalità, competenza, affidabilità e puntualità sono i principi su cui Abitare Co basa la sua attività e il servizio offerto, ottenendo in cambio la fiducia e la credibilità dei suoi interlocutori. Grazie ad un lavoro di raccolta costante di dati, attraverso ricerche di mercato mirate, Abitare Co. è in grado di garantire ai propri clienti servizi personalizzati. Per maggiori informazioni: www.abitareco.it

mercato | immobiliare |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Osservatorio Abitare Co. sul mercato residenziale milanese delle nuove costruzioni


Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


Intervista Sergio Alberti: un approfondimento sul mercato immobiliare di Dubai


Abitare Co.: nel 2017 quarto anno di crescita per il mercato immobiliare residenziale. I primi tre mesi del 2018 confermano la vivacità del mercato, con l’aumento della domanda per le nuove abitazioni del +3,5%. Buone le


Abitare Co.: in Italia negli ultimi dieci anni sono stati investiti circa 1,5 miliardi di euro in progetti immobiliari di Social Housing, progetti nati per sostenere la socialità, la solidarietà e la condivisione e dare


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Risparmio Casa ha donato 50mila euro agli eroi dell’Ospedale Spallanzani. Previste ulteriori iniziative nelle prossime settimane

 Roma, 17 marzo 2020 – Risparmio Casa, azienda italiana con oltre 100 punti vendita e riferimento nei segmenti dell’igiene della casa e della persona, ha donato 50 mila euro all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”. Oggi, in un clima di massima attenzione verso i comportamenti virtuosi che pervade tutta Italia, la migliore risposta che un& (continua)

BYD espande la sua capacità produttiva e annuncia la prossima generazione Battery-Box Premium

La nuova linea di produzione automatizzata può essere scalata fino a 10 volte la sua attuale capacità mensile di sistema e permette a BYD di produrre più sistemi di ogni altro fornitore La linea di prodotti Battery-Box di BYD Co. Ltd., uno dei maggiori produttori al mondo di batterie ricaricabili, è stata accolta in maniera entusiasta dal mercato. Sin dal lancio del si (continua)

6a edizione di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif: sono Midori e Healthy Virtuoso i progetti vincitori con il più alto fattore “Human Data Science”

6a edizione di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif: sono Midori e Healthy Virtuoso i progetti vincitori con il più alto fattore “Human Data Science”
Midori e Healthy Virtuoso, che si è aggiudicato anche il premio social, sono i vincitori della 6a edizione di Open-F@b Call4Ideas 2019, il contest internazionale lanciato per la prima volta nel 2014 da BNP Paribas Cardif, tra le prime dieci compagnie assicurative in Italia[1], in collaborazione con InsuranceUp.it.   L’evento di premiazione che si è tenuto ieri a Milano (continua)

DIGITAL&BIM ITALIA 2019 L’edilizia ridisegna il proprio futuro. Dalla produzione alla progettazione: gli imprenditori italiani iniziano ad abbracciare la rivoluzione digitale e il BIM. E nel 2020 spazio a intelligenza ar

Digitalizzazione e innovazione per l’ambiente costruito tornano protagoniste a BolognaFiere il 21 e 22 novembre con un appuntamento dedicato. Obiettivo: capire i trend del momento e le opportunità di domani   Milano, 19 novembre 2019 – La tecnologia e la digitalizzazione hanno trasformato anche il settore delle costruzioni e dell’impiantistica. E i risultati inizian (continua)

Gli italiani nel 2019: continuano a fare nuovi progetti nonostante le preoccupazioni e contano sulle assicurazioni per proteggere famiglia e patrimonio

La ricerca internazionale di BNP Paribas Cardif mostra un’Italia poco soddisfatta ma che non rinuncia a fare progetti. Per realizzarli è determinante il ruolo delle compagnie assicurative, di cui gli italiani si fidano e da cui vorrebbero polizze sempre più flessibili, semplici e accessibili   In un mondo che cambia, caratterizzato da iper-digitalizzazione e globalizzazi (continua)