Home > Altro > Analisi del Centro Studi Abitare Co. Gli studenti fuori sede spingono il mercato immobiliare nei quartieri universitari: aumentano domanda d’acquisto e prezzi di vendita a ritmi superiori alla media degli altri quartier

Analisi del Centro Studi Abitare Co. Gli studenti fuori sede spingono il mercato immobiliare nei quartieri universitari: aumentano domanda d’acquisto e prezzi di vendita a ritmi superiori alla media degli altri quartier

articolo pubblicato da: comunicazioneareapress@gmail.com | segnala un abuso

 Milano, 10 settembre 2018Sono tanti gli studenti che si stanno preparando al nuovo anno accademico e che hanno scelto altre città per i propri studi. In base agli ultimi dati dell’Anagrafe Nazionale Studenti del Miur, nel 2016/2017 gli studenti fuori sede erano più di 400mila. Un esercito che, secondo l’analisi del Centro Studi di Abitare Co. - società attiva nell’ambito dell’intermediazione immobiliare -, contribuisce a dare una spinta al mercato immobiliare nei quartieri vicini alle facoltà delle principali città metropolitane italiane e delle piccole città universitarie.

A livello generale, durante il primo semestre del 2018, in prossimità dei quartieri universitari, la domanda per l’acquisto di un’abitazione è aumentata in maniera più marcata (+5,2% sul 2017) rispetto a quella registrata nelle altre zone (+4,6%). Una spinta che arriva sia da chi preferisce acquistare l’immobile al proprio figlio studente, avendone la possibilità economica, sia da chi vuole investire potendo contare su un bacino ampio di potenziali affittuari e su di una rendita più elevata. Contestualmente, a settembre 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in queste zone cresce del +2,2% il prezzo medio di vendita di un’abitazione usata in buone condizioni (€2.400 a mq) - contro +1,3% degli altri quartieri - con prezzi variabili che si attestano in un ampio range compreso fra i €1.400 a mq di Ferrara sino ad un valore top di €5.100 a Roma nel quartiere Nomentano, vicino alla Sapienza.

Aumenta anche la domanda di abitazioni in affitto del +4,3% (nelle altre zone è del +3,7%), mentre i prezzi medi per un bilocale, che si attestano a circa €800 al mese, sono cresciuti rispetto allo scorso anno del +5,8%, a fronte di un incremento medio registrato negli altri quartieri del +4,6%.

Quanto costa acquistare un’abitazione usata (in buone condizioni) nei pressi delle principali università?

Considerando esclusivamente i quartieri universitari delle città metropolitane, a settembre 2018 la più cara è Roma, con un prezzo medio di €4.100 a mq (+1,8% sul 2017): Tor Vergata risulta il quartiere più economico (€2.800 a mq), mentre i prezzi aumentano nettamente nelle zone di Nomentano (€5.100 a mq), Flaminio (€4.800), San Lorenzo (€4.200) e Garbatella (€ 3.800).

Subito dopo Roma si colloca Milano, dove bisogna prevedere in queste zone una media di €3.700 a mq (+2,2%), con prezzi che variano da €2.200 della zona Bovisa a €6.700 della centralissima Sant’Ambrogio. Per il quartiere Bocconi sono necessari €3.300, mentre in Bicocca il prezzo medio è di circa €2.300.

Al terzo posto si posiziona Firenze, con un valore medio di €2.650 a mq (+2,2%): per chi decide di acquistare nel quartiere Gavinana, il prezzo di €2.300 è sicuramente più conveniente rispetto ai quartieri di Rifredi (€2.700) e Campo di Marte (€2.900).

Proseguendo, i bolognesi devono invece prevedere in media circa €2.600 (+2,1%), ma salgono fino a €3.300 se ci si avvicina al quartiere di San Donato. Nelle zone di Marco Polo e San Vitale sono “sufficienti” rispettivamente €2.200 ed €2.400.

Per acquistare un’abitazione nella città barese, il prezzo medio è di €2.400 a mq (+2,1%), con valori che variano da €1.900 di San Paolo fino a toccare €2.500 di Poggiofranco ed €2.700 di Murat.

A Genova e Napoli, rispettivamente con una media di circa €2.300 a mq (+1,7%) ed €2.150 (+2,1%), i prezzi iniziano a essere più contenuti rispetto alle altre città metropolitane. In particolare, nella città ligure Castelletto è il quartiere più caro (€2.700), mentre nelle altre zone a San Fruttuoso servono €1.500, a Portoria €2.300, a San Martino € 2.500 e nel Centro Storico €2.600. Nella città partenopea, invece, la zona più costosa è il Porto (€2.800), seguita da Corso Umberto (€2.400). Più economiche Foria (€1.500) e San Pietro Martire (€1.900).

Torino, con €1.800 (+1,4%), chiude la classifica delle città metropolitane: qui si va da €1.300 di Vanchiglia a €2.700 di Crocetta, mentre a Santa Rita servono €1.500 e nella zona di San Paolo €1.800.

Analizzando, invece, le piccole città universitarie, non tenendo conto dei quartieri per le dimensioni più contenute del territorio, si vede come Pisa in media sia la città più cara, con €2.800 a mq (+2,7%), seguita da Padova (€2.400), Urbino (€1.900) e Trieste (€1.800). La più economica in assoluto è Ferrara (€1.400).

 

 

Azienda

Abitare Co. nasce nel 1997 dall’esperienza quarantennale maturata nell’ambito immobiliare dai tre soci fondatori. Dopo oltre 20 anni di attività nell’ambito delle vendite immobiliari, con una particolare attenzione all’edilizia residenziale e di nuova costruzione, Abitare Co. è presente in Lombardia capillarmente con 15 uffici e, ad oggi, gestisce la vendita di soluzioni abitative di oltre 50 cantieri sul territorio milanese, di cui 10 dislocati nell’Hinterland. Abitare Co. si distingue da sempre per l’alta professionalità dei suoi 40 professionisti e per la velocità del processo di vendita. Professionalità, competenza, affidabilità e puntualità sono i principi su cui Abitare Co basa la sua attività e il servizio offerto, ottenendo in cambio la fiducia e la credibilità dei suoi interlocutori. Grazie ad un lavoro di raccolta costante di dati, attraverso ricerche di mercato mirate, Abitare Co. è in grado di garantire ai propri clienti servizi personalizzati. Per maggiori informazioni: www.abitareco.it

mercato | immobiliare |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Osservatorio Abitare Co. sul mercato residenziale milanese delle nuove costruzioni


Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


Intervista Sergio Alberti: un approfondimento sul mercato immobiliare di Dubai


Abitare Co.: nel 2017 quarto anno di crescita per il mercato immobiliare residenziale. I primi tre mesi del 2018 confermano la vivacità del mercato, con l’aumento della domanda per le nuove abitazioni del +3,5%. Buone le


Abitare Co.: in Italia negli ultimi dieci anni sono stati investiti circa 1,5 miliardi di euro in progetti immobiliari di Social Housing, progetti nati per sostenere la socialità, la solidarietà e la condivisione e dare


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Con l’arrivo del caldo attenzione alle prime zanzare. Fondamentale la collaborazione delle amministrazioni locali e dei cittadini

 Anticimex lancia la guida di consigli pratici per prevenire e proteggersi dai fastidiosi insetti. Per difendere le abitazioni con giardini o aree verdi un aiuto arriva dalle nuove tecnologie, sistemi che utilizzano prodotti naturali. Milano, 12 giugno 2019 – Il clima incerto degli ultimi giorni ha visto anche l’arrivo della prima ondata di caldo, soprattutto nel Centro e Sud Ita (continua)

BNP Paribas Cardif: gli studenti a scuola di “tecnologia” progettano il loro futuro

  La Compagnia assicurativa rafforza il proprio impegno verso i giovanissimi partecipando anche quest’anno all’iniziativa formativa TechCamp@POLIMI. 20 borse di studio per gli studenti delle scuole superiori che vogliono approfondire i temi più sfidanti in ambito tecnologico come la robotica, i veicoli autonomi e il coding     Robotica, Intelligenza Artificial (continua)

Abitare Co.: in Italia negli ultimi dieci anni sono stati investiti circa 1,5 miliardi di euro in progetti immobiliari di Social Housing, progetti nati per sostenere la socialità, la solidarietà e la condivisione e dare

  Obiettivo per il 2020: aver realizzato nell’ultimo decennio circa 20.000 nuovi appartamenti di qualità a prezzi e canoni ridotti convenzionati. A Milano, in Via Moneta e Via Rizzoli, due esempi di progetti che rivoluzionano il modo di vivere la periferia a beneficio della collettività   Milano, 30 maggio 2019 – Secondo le stime elaborate da Abitare Co. sui (continua)

Anticimex Italia Nel 2018 crescono i ricavi a € 31 mln (+11%), il MOL a € 4,2 mln (+24%) e l’occupazione (+10%). Positive le attese per il 2019

Ai buoni risultati hanno contribuito il rafforzamento dell’area commerciale, la strategia di espansione attraverso mirate acquisizioni, e un’offerta che si basa sempre più su servizi tecnologici innovativi. Nel 2018 l’uso dei sistemi intelligenti green è cresciuto del +81%.   Milano, 29 maggio 2019 – Crescono i ricavi della sede italiana di Anticimex - (continua)

FotoFinder presenta la prossima generazione di sistemi per la diagnosi precoce del tumore della pelle

    Un sistema di imaging intelligente e altamente automatizzato definisce i nuovi standard della diagnostica del tumore della pelle al 24° Congresso Mondiale di Dermatologia   Bad Birnbach (Germania), 23 maggio 2019 - FotoFinder Systems GmbH, uno dei principali produttori al mondo di sistemi di medical imaging per la dermatologia, annuncia il lancio di Bodystudio ATBM maste (continua)