Home > Spettacoli e TV > La Campania vince e stravince a Miss Italia

La Campania vince e stravince a Miss Italia

scritto da: Peppebar | segnala un abuso

La Campania vince e stravince a Miss Italia


A Milano Fiorenza D’Antonio, viene preceduta da Carlotta Maggiorana MILANO. Ancora una volta, la Campania sfiora la conquista del titolo di Miss Italia che in questa edizione 2018 è stato assegnato alla ventiseienne marchigiana Carlotta Maggiorana, vedendo giungere seconda l’unica concorrente Fiorenza D’Antonio, per la nostra regione rimasta in gara fra le 33 finaliste che ha Milano negli studi Infont Italy in diretta tv trasmessa da La7 e La7d. La 79° edizione del concorso Miss Italia, che quest’anno ha avuto tante innovazioni, a cominciare dalle prefinali svoltesi a Jesolo, per poi trasferire tutto per la finale a Milano. Una vittoria, che Carlotta ha dedicata al padre scomparso dieci anni fa: “che mi guarda sempre da lassù” sono le sue parole. La bella Maggiorana, ha capelli e occhi castani, è alta 1,73. Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Psicopedagogico, ha frequentato i corsi di danza classica dell’Accademia Nazionale di Danza. È stata valletta in “Avanti un altro”, “Paperissima” e nel mondiale superbike 2016. Ha partecipato a diversi film e fiction di successo e ha recitato una piccola parte nel film “Tree of Life”, diretto da Terrence Malick con Brad Pitt e Sean Penn. Ha inoltre recitato nella commedia “Un fantastico via vai” di Leonardo Pieraccioni e interpretato il ruolo di Sofia nella fiction “L’Onore e il Rispetto”. La neo eletta miss, segna inoltre uno storico record, essendo la prima Miss Italia della storia ad aggiudicarsi la fascia da sposata. Carlotta Maggiorana, nell'estate 2017, si è infatti unita in matrimonio con l'imprenditore pescarese Emiliano Pierantoni. La Campania, può essere veramente fiera di quest’ultima edizione di Miss Italia, perché con dati di fatto, possiamo affermare che con la nostra unica concorrente in gara, giunta fra le 33 finaliste, il successo di vincere e stravincere non è uno slogan ma una concreta realtà. Infatti se è pur vero, che le 33 finaliste sono fra le più belle ragazze d’Italia, e meriterebbero tutte di portare corona e fascia del più prestigioso concorso di bellezza esistente, e anche vero che occorre sceglierne una sola ed a contribuire a questa scelta è preposta una giuria, che come tutte le decisioni prese dai giudici di gara sono insindacabili e definitive, quando come in questo caso, hanno una assoluta trasparenza che però è determinata dai diversi pareri e visioni degli esseri umani. Il caso è emblematico, infatti nell’ultima elezione di Miss Italia, un po' per scherzo, un po' per animare la trasmissione, un po' per dire ognuno la sua il voto dei giudici di Miss Italia 2018 si è non solo differenziato fra loro nelle scelte, ma anche e molto rispetto a quello popolare. Un personaggio storico della televisione partenopea Angelo Manna, conducendo una trasmissione in tv apriva affermando: “E’ ‘o popolo che ‘o vo’ “, ed in questo caso era una stragrande volontà popolare che come confermano i dati: Televoto per Carlotta Maggiorana, 1087 (38,49%), per Fiorenza D’Antonio, 1737 (61,51%); Giuria per Carlotta 5 (71,42%)-(54,95%), per Fiorenza (28,57%)-(45,04%.) portavano alla vittoria voluta con il televoto la nostra Fiorenza D’Antonio. Comunque, anche quest’anno, le nostre bellezze femminili campane hanno sfiorato il successo, e con Fiorenza ancor più di tante altre occasioni, come con Maria Mazza, Mara Carfagna, Christiane Filangieri, Caterina Balivo e tante altre miss che hanno ottenuto puoi grandi successi nella loro vita, nei vari settori professionali, dimostrando quanto possa contribuire la partecipazione al concorso di Enzo Mirigliani da 15 anni gestito dalla figlia Patrizia, nel dare uno slancio alle giovani bellezze italiane. C’è però da notare un altro elemento che, secondo il personale parere dello scrivente, però condiviso da tanti, è che il concorso Miss Italia, dovrebbe essere un vero trampolino di lancio per le ragazze che aspirano a successi in varie discipline di lavoro nella propria vita. Cosa accaduta con le Miss elette negli anni addietro, anche quelle sopra citate, e che non si è verificato in questo 2018 perché le altre ragazze non avevano mai avuto, come tante che hanno partecipato a questa edizione del concorso, veri, seri ed importanti rapporti di lavoro, cosa che nella Maggiorana è ben più diversa perchè ha già accumulato una grande e sostanziale esperienza nel mondo dello spettacolo, partecipando a programmi televisivi e ad alcuni film e fiction. Rivolgendosi alla neo eletta Miss Italia 2018, Fiorenza nei momenti successivi all’elezione, ha affermato “Mi sei piaciuta per modi, eleganza, raffinatezza, professionalità ed impegno e veramente è stata meritata questa corona, perché tu sei come dicono a Napoli: a chiù bella femmena”. Un complimento, che in sala stampa, circondata da tutte le miss titolate, con al centro la patron Patrizia Mirigliani e Carlotta Maggiorana, ha raccolto un corale applauso ed un “brava!!!!” esclamato dai tanti presenti, dei quali tantissimi giornalisti. Avvicinata per una intervista Fiorenza D’Antonio ci ha detto: “Sono ancora sotto chock, adrenalina al massimo, sono consapevole e sicura che questo momento sia al 100% solo l’inizio di una super carriera. La seconda classificata, comunque, non deve sottostare a miliardi di impegni in Italia ed all’estero e quindi sono libera di iniziare, a gamba tesa, i passi per il mio futuro. Ho conquistato un secondo posto, che fra tante bellezze mi è stato assegnato, dopo il grande impegno che io, come tutte le mie compagne di questo favoloso viaggio che è Miss Italia e che ricorderò sempre come uno dei più bei momenti della mia vita vissuta, ho portato avanti fino a giungere ad un passo dalla conquista di fascia e corona di Miss Italia che è stata assegnata a Carlotta Maggiorana. A questa mia vittoria finale, nel giungere ad un passo dalla conquista del massimo titolo del concorso in palio, devo aggiungere che sono entusiasta per la fascia nazionale conquistata come Miss Equilibra 2018, che mi lega ad uno degli sponsor prioritari e di grande importanza per il concorso Miss Italia e per i prodotti che realizza e commercializza. Nel corso della finale, del concorso di bellezza più amato dagli italiani, mi è stata assegnata un ulteriore titolo nazionale, introdotto nel regolamento del concorso, che nell’epoca moderna, è molto significativo ed importante: la fascia di Miss Social 2018, che mi calza proprio a pennello. Sono entusiasta di seguire l’anno prossimo tutte le miss, le metterò in croce poverine, perché sono un tornado e Patrizia Mirigliani, che ho tanto apprezzato per la sua bontà ed umanità verso tutte le sue ragazze, mi dispiace, ma le farò rizzare i capelli con il mio impegno di Miss Social. Utilizzo queste piattaforme per raccontarmi, per dire la mia, cerco di farlo sempre in una maniera appropriata, ma senza nascondere niente del mio carattere e della mia esuberanza. Mi fa piacere aver dato una soddisfazione ai miei genitori che sono venuti a trovarmi in questo mio rusch finale, che al termine mi hanno abbracciata commossi affermando per noi hai vinto, ma devo dire che anche per me è stata una grande vittoria e nonostante l’ora tarda di questa intervista a termine proclamazione Miss, conferenza stampa e foto varie, sono al mille”. Nel consegnare ai presentatori la busta con il nome scelto della miss Social, la più votata sui social network e dalle persone che hanno cliccato Twitter con l'hashtag #MissItalia, che ha portato all’unanimità la scelta effettuata dall’apposita giuria, composta dai varesini Daniel Marangiolo e Jacopo Malnati che, con le loro popolarissime parodie, hanno scalato le classifiche di Youtube superando i 3,8 milioni di fan, Roberta Lanfranchi, attrice e voce di Rds, la fashion blogger Clizia Incorvaia e Giulia Arena, la Miss Italia 2013, ha espresso i propri apprezzamenti per Fiorenza D’Antonio, definendola una persona bellina, perché sa come dire la sua sui social, sa come esprimere e unire il mondo del web, concludendo “mi è piaciuta molto”. Commovente per tutto il pubblico che era nello studio televisivo e pesiamo decisamente per tutti coloro che seguivano la trasmissione da casa è stato il ricordo dell’indimenticabile Fabrizio Frizzi, che fra l’altro ha condotto per 17 anni il concorso Miss Italia, che Patrizia Mirigliani ha voluto onorare assegnando una fascia ad una Miss, scelta dalle stesse Miss. La Standing ovation in memoria del celebre anchorman è andata alla ventenne Mara Boccacci, di Varsi (Parma), perché come affermato dalle compagne di gara: “È davvero l’immagine di Fabrizio, perché gentile in ogni momento della giornata, ha dedizione e passione per tutte le attività che svolge ed è sempre pronta ad aiutare tutte”. Appena avvenuta l’elezione della nuova Miss, tante sono state le polemiche che hanno accompagnato le decisioni della giuria, che ad alcuni non è piaciuta affatto, per le decisioni prese, sia a pubblico che giornalisti, ma sta di fatto che veramente quest’anno è stata una scelta ardua da dover compiere per selezionare, tra le due bellissime finaliste, quella che doveva essere incoronata. Giuseppe De Girolamo

missiItalia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Miss Campane in partenza per Jesolo


A Saint Vincent, l’elezione della Miss 365


Miss Italia verso la celebrazione degli 80 anni


La giuria delle prefinaliste di Miss Italia, ha decretato le 80 Miss in gara per il 6 settembre


I momenti finali del concorso Miss Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Anche a Cancello ed Arnone, riparte la scuola dopo il periodo di lockdown

Anche a Cancello ed Arnone, riparte la scuola dopo il periodo di lockdown
La scuola a Cancello ed Arnone è ripartita dopo la forzata interruzione da marzo  Da Marzo, bambini e ragazzi hanno visto la loro routine stravolgersi e, finalmente, qualche giorno fa, hanno ripreso il contatto quotidiano con scuola, compagni ed insegnanti, dopo il periodo di lockdown.L’inizio dell’anno scolastico 2020/2021 lo ricorderemo tutti per sempre: bambini, genitori, insegnanti e personale non docente.È stato un po’ diverso il modo di entrare a scuola, di far (continua)

Il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, ha nominato Matteo Lorito nuovo Rettore dell’Università di Napoli

Il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, ha nominato Matteo Lorito nuovo Rettore dell’Università di Napoli
Il prof. Lorito, Magnifico Rettore della Federico II, ha affermato: Al Sud l’Università è una sfida da vincere In una intervista rilasciata a Giuseppe De Girolamo e pubblicata sul numero di dicembre 2018 di Politica meridionalista il neo rettore della Federico II, prof. Matteo Lorito, all’epoca direttore del Dipartimento di Agraria dell’università di Napoli ”Federico II”, ricorda il suo prestigioso percorso accademico in Italia e all’estero. Quale significato rappresenta per lei  l’assegnazione d (continua)

A “Villa Imperiale” di Napoli annunciata la serata “Cenando sotto un Cielo Diverso”

A “Villa Imperiale” di Napoli annunciata la serata “Cenando sotto un Cielo Diverso”
La 12a edizione dell’evento solidale si svolgerà lunedì 28 a Villa Alma Plena a Casagiove CE Presentata con un successo di presenze di giornalisti e altri invitati, la 12° edizione della manifestazione “Cenando sotto un Cielo Diverso” ideata e realizzata, come da anni, con un impegno solidale di Alfonsina Longobardi (psicologa, sommelier ed esperta di food & beverage), che con la sua associazione “Tra cielo e mare”, si occupa di sostegno a persone con disagi psichici e di alt (continua)

L’Amira sezione Napoli Campania programma nuovi eventi

L’Amira sezione Napoli Campania programma nuovi eventi
Un incontro all’Hotel Paradiso, per un sempre maggiore successo nella nostra regione, guardando lo sviluppo nazionale Prosegue con attività intensa il lavoro di Dario Duro, instancabile fiduciario della Sezione Napoli Campania dell’AMIRA (Associazione Maître Italiani Ristoranti e Alberghi). Appena superato il periodo di restrizioni per il Covid, mettendo in atto tutte le misure cautelative per la non diffusione del virus, Duro ha realizzato diversi incontri con i soci ed anche un evento di portata storica p (continua)

Rideterminazione tariffe tari per gli anni 2015/2016 e 2017 ai cittadini di Cancello ed Arnone

Rideterminazione tariffe tari per gli anni 2015/2016 e 2017 ai cittadini di Cancello ed Arnone
Durante l’ultimo consiglio comunale, tra i punti all’ordine del giorno, vi era anche la rettifica delle deliberazioni di Consiglio Comunale nn. 49/2015 – tariffe 2015, riconfermate anche per l’anno 2016, nonché la 18/2017, con le quali venivano approvati i piani finanziari e le tariffe TARI per gli anni 2015/2016 e 2017.Così come esplicitato dal Presidente del Consiglio Comunale dott.ssa Ersi (continua)