Home > Cultura > Gli psicofarmaci, medicinali risolutivi o pericolosi

Gli psicofarmaci, medicinali risolutivi o pericolosi

scritto da: Scientology Brescia | segnala un abuso

Gli psicofarmaci, medicinali risolutivi o pericolosi


Prosegue la distribuzione degli opuscoli "Gli psicofarmaci possono creare violenza e suicidio" a Palazzolo sull'Oglio. Altre decine di opuscoli sono stati posizionati presso alcuni locali che supportano l'iniziativa.

Gli psicofarmaci, la violenza e il suicidio.

Questa settimana sono stati distribuiti oltre 50 opuscoli che informano sugli effetti degli psicofarmaci. Inevitabilmente, oltre agli effetti che ne motivano la prescrizioni, gli psicofarmaci, producono di fatto, una serie di altri effetti che il medico non desiderava, ma che inevitabilmente vengono prodotti dalle sostanze assunte. Tali effetti sono spesso gravi, come intontimento, irritabilità, ansia, vertigini, violenza e suicidio tanto per citarne alcuni.

C’è un chiaro incremento nell'utilizzo di psicofarmaci. Sembra che le persone preferiscano aggiustare i loro problemi di relazione con gli altri o con la vita in generale, assumendo uno psicofarmaco, piuttosto che agire in modo più responsabile. Sanno benissimo che lo psicofarmaco non li curerà minimamente. Non riescono a sopportare il disagio della vita e preferiscono assumere una sostanza che annebbi sufficientemente la coscienza in modo da superare la difficoltà.
Una madre al cui figlio erano stati prescritti degli psicofarmaci, dopo aver visto il figlio tredicenne rimanere silenzioso e fermo per giorni interi, si è rifiutata di continuarne la somministrazione. Evidentemente lei stessa, non la poteva considerare una cura.

E' necessario informare sugli effetti collaterali e non, semplicemente, considerarli rari.

Di fatto, basterebbe riflettere. Quanti depressi hai visto guarire grazie agli psicofarmaci ? Guarire non avere qualche momento di euforia, per quello basterebbe un buon amico.

La cultura della pillola è molto comoda: Il "paziente" impaziente di dimenticare le proprie difficoltà preferisce risolvere con una semplice pillola pagata dal servizio sanitario. Invece di reagire ed impegnarsi in qualche attività.

Il comitato

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus, è un'organizzazione di volontariato non a scopo di lucro, finalizzata a investigare e denunciare le violazioni psichiatriche dei diritti umani.

Il CCDU è stato fondato in Italia nel 1979 ed è diventato una Onlus nel 2004. Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus è una organizzazione indipendente ed è collegato ideologicamente al CCHR (Citizen Commission on Human Rights), che ha sede a Los Angeles.

Il CCHR International è stato fondato nel 1969 dalla Chiesa di Scientology e dal Professor Thomas Szasz, professore emerito di psichiatria all'Università di Syracuse, Stato di New York e autore di fama internazionale. A quel tempo le vittime della psichiatria erano una minoranza dimenticata, segregate in condizioni terribili nei manicomi sparsi nel mondo. In seguito a ciò, il CCHR elaborò una dichiarazione dei Diritti Umani sulla Salute Mentale che è diventata la linea guida per le riforme nel campo della salute mentale.

I volontari del CCDU, con questa campagna informativa, si sono ispirati alle parole di L. Ron Hubbard: “un essere è di valore solo nella misura in cui può essere utile agli altri”.
Dal sito della campagna: "ccdu.it" è possibile richiedere un kit informativo gratuito. 


Fonte notizia: http://www.ccdu.it/videos/marketing-of-madness/


Informazione | Prevenzione | Scientology | Psicofarmaci | Depressione | Stragi | Follia | Psichiatri | Mente | Psicologia | Trattamento | ADHD | Discalculia | Dislessia | Minori |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Micoterapia, come impiegare i funghi medicinali


Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici


Psicofarmaci e comportamento violento


Informazioni sugli Psicofarmaci alle Bettole e Buffalora


Ares Ambiente: perché scegliere l’azienda fondata da Marco Nicola Domizio


Disastro Germanwings, ennesima strage causata da psicofarmaci?  


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La responsabilità individuale sostenuta dai volontari di Scientology

La responsabilità individuale sostenuta dai volontari di Scientology
Un nuovo intervento dei Ministri Volontari di Scientology al parco Falcone Borsellino, nei pressi della loro sede, per sostenere la responsabilità individuale. Questa settimana 9 Ministri Volontari di Scientology sono intervenuti al parco Falcone Borsellino, nei pressi della sede di Via Fratelli Bronzetti a Brescia. Come consuetudine hanno provveduto ha raccogliere rifiuti abbandonati sotto le siepi. L'iniziativa, pur concretizzandosi nella raccolta di 4 sacchetti di oggetti abbandonati, desidera incentivare l'assunzione di una maggiore responsabilità e (continua)

I volontari di Scientology promuovono l'impegno civico individuale

I volontari di Scientology promuovono l'impegno civico individuale
I Ministri Volontari di Scientology al parco Ducos per segnalare la necessità di un impegno civico individuale. Una squadra di 6 Ministri Volontari di Scientology si è recata al parco Ducos, in Viale Piave a Brescia. Si sono attivati, raccogliendo i rifiuti abbandonati nel parco, con l'intento di diffondere la necessità per ogni cittadino ad assumere un maggiore impegno civico. In base al loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo" e con la consueta dotazione di guanti, pinze e sacchi e  indossan (continua)

I volontari di Scientology per una responsabilità consapevole e condivisa

I volontari di Scientology per una responsabilità consapevole e condivisa
Una iniziativa dei Ministri Volontari di Scientology per portare un messaggio di comunità. Sabato pomeriggio i Ministri Volontari di Scientology sono intervenuti al parco dei Poeti, nei pressi del Villaggio Badia. In base al loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo" si sono occupati della raccolta di rifiuti abbandonati nel parco, con l'intento di sensibilizzare i cittadini per una assunzione necessariamente consapevole di responsabilità verso la comunità di cui si fa parte.Con la co (continua)

Promuovere l'educazione con i volontari di Scientology

Promuovere l'educazione con i volontari di Scientology
Diffondere una buona educazione anche negli spazi pubblici, ecco il contributo dei Volontari di Scientology al parco Castelli. I Ministri Volontari di Scientology, sabato pomeriggio, si sono recati al parco Castelli, nei pressi dello stadio. Ancora una volta, spinti dal loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo" si sono impegnati per una sempre maggiore diffusione della educazione civica.Indossando le immancabili magliette gialle e con la dotazione di guanti, pinze e sacchi, i volontari perlustrato il parco e le siepi c (continua)

I volontari di Scientology per un rinnovato senso civico

I volontari di Scientology per un rinnovato senso civico
I Volontari di Scientology hanno raccolto rifiuti abbandonati al parco Tarello ottenendo apprezzamenti per l'opera di sensibilizzazione verso un maggiore senso civico. Una squadra di 9 Ministri Volontari di Scientology Hanno percorso il parco Tarello che corre a fianco del cavalcavia J.F. Kennedy. Come di consueto, si sono mossi sulla base del loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo" che li spinge ad attuare iniziative anche semplici, ma che posso sostenere messaggi positivi. Un rinnovato senso civico adottato a livello individuale, è indispensabile perché (continua)