Home > Altro > La Tecnologia di Studio di Scientology La terza barriera allo studio: la parola malcompresa

La Tecnologia di Studio di Scientology La terza barriera allo studio: la parola malcompresa

scritto da: Carla | segnala un abuso

La Tecnologia di Studio di Scientology La terza barriera allo studio: la parola malcompresa


 

Abbiamo già spiegato che esiste una tecnologia di studio sviluppata da Ron Hubbard, che consiste di una metodologia funzionale che permette di individuare e abbattere barriere che impediscono di apprendere; abbiamo anche parlato delle prime due barriere allo studio: l'assenza di massa e il gradiente di studio troppo ripido. La terza e, più importante barriera allo studio, fu chiamata da Mr Hubbard la parola malcompresa e pose questa domanda per spiegarla: “Sei mai arrivato alla fine di una pagina èper poi renderti conto di non ricordare quello che avevi letto?”

Ecco uno degli aspetti della parola malcompresa, tutto diventa un vuoto di memoria dopo una parola che non è stata compresa o che è stata compresa erroneamente. Al contrario, quando una parola che procura guai viene trovata e definita, tutto diventa chiaro, quasi magicamente. Si troverà di sicuro una parola malcompresa o non definita appena prima di “ una sensazione di vuoto o di sfinimento”. La faccenda è molto più critica di quello che si potrebbe immediatamente dedurre, e delle tre barriere, quella della parola malcompresa è quella che ha maggior influenza sulle relazioni, la mente e la comprensione. Di fatto, è la parola mal compresa che stabilisce la propensione o la mancanza di propensione per qualcosa. Produce un vasto panorama di effetti mentali ed è il fattore primario della stupidità. Inoltre determina se una persona possa effettivamente eseguire una tecnica che ha imparato e, a che livello di efficienza.

In aggiunta alla parola malcompresa. Mr Hubbard inoltre, fa la distinzione tra le parole non definite e non comprese. E, come fa notare in modo enfatico, la parola problematica non sempre è difficile o molto tecnica; al contrario molto spesso potrebbe essere che uno studente non comprenda un semplice articolo, preposizione o congiunzione, e si tratta di una cosa molto diffusa e insidiosa.

Infatti, serie di test, hanno rivelato che perfino dei laureati non sono in grado di definire delle parole fondamentali come “un”, “il”, “su” e “a”. A causa di ciò si ha quello che Mr Hubbard descrive come “piccoli problemi” con la lingua, che non permettono di comprendere le sfumature del significato delle parole e, una frase dopo l'altra, un paragrafo dopo l'altro, possono portare qualcuno a mal comprendere il filo del discorso.

Ecco per la prima volta il soggetto dello studio e una tecnologia di studio che ha dato risultati straordinari.

“Il nostro intento non è solo quello di salvare qualche studente. Il nostro intento è di invertire il declino dell'istruzione del XX secolo” L. R. Hubbard


Fonte notizia: https://www.scientology.it/faq/scientology-and-dianetics-training-services/what-is-study-technology.html


tecnologia | barriera | studio | gradiente |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SCIENTOLOGY - COSA DICONO GLI ESPERTI?


Una Nuova Chiesa di Scientology apre nel Cuore di Mosca


SCIENTOLOGY - COSA DICONO GLI ESPERTI


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


Portare pace e costruire civiltà: la Chiesa di Scientology saluta un 2016 di incontenibile crescita e innumerevoli risultati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Impegno sociale contro l'uso e lo spaccio di droga

 Impegno sociale contro l'uso e lo spaccio di droga
I Volontari della campagna "Mondo libero dalla Droga", continuano il loro impegno sociale distribuendo ogni giorno centinaia di migliaia di opuscoli informativi sui pericoli delle droghe in ogni parte del pianeta . Portare informazione corretta ai giovani con l'intento di formare una coscienza e una responsabilità consapevole all'approccio alle droghe, riveste una importanza fondamentale in qu (continua)

Conoscere “ La Via della Felicità”

Conoscere “ La Via della Felicità”
  Lo scopo è quello di vivere in un mondo più felice, nello stesso mondo in cui molte persone sembra invece ne abbiano perso, oltre il senso, anche il sentiero per ritrovarla La felicità consiste nell'impegnarsi in attività di valore, ed esiste solo una persona che può dire con certezza cosa ti farà felice: te stesso! I 21 precetti contenuti nel pi (continua)

Una corretta informazione punto chiave nella prevenzione all'uso di droga

Una corretta informazione punto chiave nella prevenzione all'uso di droga
La corretta informazione per quanto riguarda le droghe e, con esse i pericoli legati all'uso che se ne fa, oltre ad una visione chiara e corretta di tutti i disturbi e gli effetti che le stesse hanno sul coprpo e sulla mente a breve e lungo termine, rappresentano i punti cardine della campagna di prevenzione all'uso di droga che, la Fondazione per Un Mondo Libero dalla Droga, diffonde su scala int (continua)

Cocaina: la polvere bianca letale

Cocaina: la polvere bianca letale
 Una componente centrale del programma di prevenzione La Verità sulla Droga, è una serie di opuscoli di educazione sulle droghe. Sono stati distribuiti milioni di copie in 80 nazioni in ben 22 lingue. Fornendo cifre e fatti nudi e crudi riguardo ai pericoli delle comuni droghe da strada, questi opuscoli hanno un impatto positivo sui giovani. Molti di loro, dopo aver letto uno (continua)

La scuola, ruolo vitale nella prevenzione dell'abuso di droga

La scuola, ruolo vitale nella prevenzione dell'abuso di droga
L'istruzione gioca un ruolo vitale sulla prevenzione dell'abuso di droga, ma la sfida che il docente, nei panni dell'educatore, deve affrontare è come parlare ai giovani riguardo alle droghe e sapere che ascolteranno. La Fondazione per Un Mondo Libero dalla Droga fornisce gli strumenti che attirano l'attenzione dei giovani, smascherano i miti comuni e permettono loro di resistere alle pres (continua)