Home > Libri > “E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO

scritto da: MIKATA | segnala un abuso

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI  ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO


L'associazione artistica Futur'Arte di Vercelli, con il suo instancabile presidente Franco Ferragatta amplia i suoi orizzonti: insieme alla pittura è nata infatti una sezione dedicata alla letteratura come punto di riferimento per scrittori e poeti emergenti del territorio e più in generale per gli appassionati di scrittura e lettura che desiderano confrontarsi e far conoscere il proprio lavoro con presentazione di libri, reading, concorsi letterari, conferenze ecc. Sarà Andrea Meli, pittore e poeta tra i fondatori dell'Associazione, a coordinare le attività della neonata sezione che debutta alla grande con la presentazione del libro “E alla fine c’è la vita” di Davide Rossi. Chi è Davide Rossi Nato a Sant'Angelo Lomellina, in provincia di Pavia nel 1985, vive e lavora a Vercelli; da sempre grande appassionato di cinema e di scrittura Nel 2013 ha collaborato, insieme ad altri autori, alla sceneggiatura di Benvenuti a casa Verdi (Muccapazza film) e pubblicato racconti brevi, poesie e saggi. Il Libro «E’ ambientato nel 2009 a Pavia – dice Davide Rossi - volevo parlare di una città di provincia, in particolare di un gruppo di ragazzi che passano da un momento in cui la vita viene affrontata come un parco giochi, tra droga, sesso e divertimento… al momento delle scelte importanti. Parliamo dei ragazzi di oggi che non hanno spesso un’idea chiara di cosa vogliono diventare e vivono praticamente alla giornata» La Trama In un gelido inverno padano, tra gli studenti dell'Università di Pavia, si intrecciano le vicende di quattro ragazzi con storie ed esperienze diverse, accomunati dalla ricerca di una propria dimensione personale, persi nell’incertezza esistenziale, testimoni di un malessere sociale che sfocia negli eccessi che li trascinerà in un vortice autodistruttivo. Conosciamo Marco, suo malgrado protagonista della storia, ossessionato dalla la paura legata ad un futuro, ignoto e incerto, poi Mario che proverà sulla sua pelle le devastanti conseguenze di una vita sregolata, e ancora Marianna, schiava del sesso fine a se stesso, ed infine Marika, vittima consapevole di un professore depravato. Ognuno di loro, a modo proprio, si oppone al conformismo che rende incapaci di vedere in modo corretto e disincantato il mondo e allora studio e lezioni lasciano il posto a selvaggi party universitari, a nottate insonni e all’uccisione della propria mente, presentati dall'autore attraverso una concitata sequenza di immagini che si inseguono fino all'epilogo. La Riflessione Quali vite li attendono? Quale destino? Quale professione? Quesiti che vengono soffocati dagli impulsi della carne, dal presente che è troppo imminente e attraente per essere trascurato. Giovani che faticano a sviluppare un progetto di vita, vivono schiacciati sul presente, passando da un’esperienza frammentaria all’altra, intrappolate dall’ansia di vivere la vita al massimo, senza riuscire a costruire un senso comune per la loro esistenza, veri interpreti della generazione a cui appartengono, con la loro mancanza di sicurezze, la confusione mentale e la paura legata non soltanto al futuro, ignoto e incerto, ma anche ad una quotidianità che rischia di schiacciarli. “E alla fine c’è la vita” tira le fila di tutti questi percorsi: è scritto come una sceneggiatura cinematografica o un testo teatrale, con molti dialoghi, un ritmo serrato ed emozionale che lo rende giovane, vivace, intelligente, decisamente piacevole, sicuramente differente. M.C. Ottobre 2018

davide rossi | e alla fine c è la vita | futur arte | vercelli |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LUIGI CATALDI E' ARTISTA SURREALE, SIMBOLISTA E VISIONARIO, ALLA PERENNE RICERCA DELLA BELLEZZA, CONVINTO CHE L'ESSENZA DEL REALE NON E' IN CIO' CHE SI VEDE MA IN CIO' CHE SI PERCEPISCE CON L'ANIMA.

LUIGI CATALDI E' ARTISTA SURREALE, SIMBOLISTA E VISIONARIO, ALLA PERENNE RICERCA DELLA BELLEZZA, CONVINTO CHE L'ESSENZA DEL REALE NON E' IN CIO' CHE SI VEDE MA IN CIO' CHE SI PERCEPISCE CON L'ANIMA.
Luigi Cataldi raggiunge una perfetta sintesi tra ispirazione, contenuto e stile, frutto della della sua straordinaria maturità umana, spirituale e tecnica, guidato com'è nel suo processo creativo da un equilibrio innato e da una fervida immaginazione. Luigi Cataldi, classe 1963, pittore autodidatta con la passione per l’arte fin da ragazzo, ha sperimentato svariate tecniche: matita, carboncino, china finchè il colore non lo ha attratto e definitivamente conquistatato. La sua pittura è essenzialmente espressione dei suoi stati stati d’animo, dei suoi pensieri e delle sue riflessioni interiori su ciò che lo circonda, sulla meraviglia de (continua)

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA
CON L'ARTE SI RIPARTE - A Vercelli presso lo Studio d’Arte 256 del pittore Ezio Balliano prende via la prima edizione della “Biennale d’Arte Città di Vercelli” 2021/2022. Il ProgettoUn’idea nata quasi per gioco, complici le possibilità di comunicazione che offre il WEB, per esorcizzare l’incubo sanitario dal quale, seppure a fatica, stiamo faticosamente uscendo: la formula è semplice: uno spazio espositivo, una mostra collettiva che presenta ogni due settimane una selezione di opere di un gruppo di artisti sempre diverso, che permetta loro di presentare i pr (continua)

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.
Creatività compositiva e razionalità in sintesi perfetta con l’armonia e la ricerca del bello e del vero sono alla base della produzione artistica di Anna Callegari. Il tratto e la pennellata risultano istintive, la mano felice e leggera, Anna ha il dono dell'equilibrio e delle proporzioni, e ciò rende le opere di piacevole godimento, con forme geometriche semplici, zone piatte di colore delimitate da contorni scuri, volumi sovrapposti e compenetrati fra loro, esaltazione della memoria e dell’immaginazione; opere lontane da ogni accademismo e mai banali. In ogni creazione di Anna è possibile ritrovare traccia della sua personale ricerca di un ideale di bellezza; Ciascuna opera svela il costante tentativo di realizzare un equilibrio tra la tradizione e la modernità in una concezione soggettiva dello spazio con l’utilizzo dei moduli espressivi - forma e contenuto, volume e colore - in maniera più congeniale al suo temperamento, elaborati in una sua (continua)

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.
Sicurezza del tratto, gestualità dinamica e grande senso del colore svelano un’indiscutibile maturità pittorica; la sperimentazione, il collage, l’assemblaggio, fondendo estetica antica con tecnica contemporanea, pongono Pier Giorgio Doimo, con i suoi lavori più recenti, in sintonia con il linguaggio informale, offrendo allo spettatore una forma espressiva aliena da riferimenti realistici o citazioni di maniera. E’ possibile leggere le vicende dell’arte del novecento secondo due linee parallele: in arte come in natura istinto e razionalità si incontrano e si scontrano, determinando i comportamenti. Questa sorta di dualismo affonda le sue radici nel mondo classico che collegava questi due diversi modi di espressione all’influsso di Apollo e Dionisio: il primo, Apollo, simbolo di perfezione, che si affida a (continua)

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale
Oltre settanta anni di attività artistica, una produzione vastissima che esplora tendenze e stili, tecniche e materiali, dal figurativo all’astratto, dall’impressionismo all’espressionismo fino all’informale: ritratti, nature morte, paesaggi soprattutto, evocati da memorie remote, immersi in un’atmosfera di sognante malinconia che impregna le opere di luminosa trasparenza, resi con una emotività tale da renderli unici ed inimitabili, poiché il senso profondo della sua arte è il reale, vissuto intensamente nelle sue espressioni di gioia, dolore, estasi o pace. L'UOMO:Nato nel 1926 ad Ancona, Pio Mario Arini dimostra da subito vivace intelligenza e grande curiosità per tutto ciò che lo circonda. Naturalmente portato per l'espressione artistica comincia giovanissimo a disegnare e poi a dipingere e comporre versi. Le drammatiche e concitate vicende belliche segneranno la sua adolescenza e faranno crescere il suo desiderio di libertà, la capacità di ap (continua)