Home > Altro > FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.

scritto da: MIKATA | segnala un abuso

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO  RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.


Franco Ferragatta nasce, il 13 agosto 1969, a Vercelli, ove risiede quando non è in giro per il mondo per il suo lavoro di consulente aziendale e formatore free lance. Il suo retroterra culturale è scientifico, ma fin da giovanissimo si appassiona all’arte, all’archeologia, al giornalismo e alla musica. Insieme ad un gruppo di entusiasti nel 2016 fonda “Futur’Arte”, Associazione Culturale che - come spiega egli stesso - accoglie cultori ed amatori dell’Arte con la finalità di curare con ogni mezzo possibile la diffusione dell’amore verso l’Arte nelle sue varie forme espressive, incoraggiare artisti, letterati e studiosi, organizzare conferenze e convegni, allestire esposizioni artistiche e promuovere visite guidate e pubblicazioni di interesse culturale, specialmente in ambito locale”. Franco Ferragatta si accosta alla pittura completamente da autodidatta seguendo l’impulso - parafrasando Pollock maestro dell’Action painting – di “ esprimere i suoi sentimenti, non illustrarli”. Ama definirsi “naif moderno” e si cimenta nella pittura con l’entusiasmo e il disincanto di un fanciullo, traendo ispirazione e spunto dai luoghi della memoria e dalle emozioni più intime che riaffiorano sulla tela con uno stile sempre teso alla sperimentazione, liberato da ogni pastoia prospettica e formale, essenziale, quasi ingenuo ma capace di esprimere uno stato d'animo seguendo l’incontrollabile impulso del profondo. Ben presto sente il bisogno di superare la cifra espressiva che ha caratterizzato fino a quel punto la sua ricerca artistica e allora rielabora con il suo spirito inquieto un’ampia gamma di spunti stilistici del moderno, manifestando, con rara sensibilità, una coraggiosa sperimentazione tecnica e materica che rivela una versatilità eclettica straordinaria. Esplora perciò una declinazione originale del linguaggio pittorico, che non insegue figure razionali o surreali, ma il ritmo emotivo della vita, sviluppando un suo linguaggio personale, innovatore e visionario, fantastico e mitico. Nel farlo rievoca il grande movimento delle avanguardie storiche del secondo dopoguerra, emblema a tutti gli effetti della modernità, trasfigurando l’atto pittorico in azione, trasformando l’energia mentale in gesto fisico e vitale, che permettono di “leggere” il quadro come specchio vitalistico di un’azione. La dimensione sperimentale alterna sgocciolature, sciabolate di colore e vivaci sovrapposizioni cromatiche dando forma a intricate strutture. Colori e segni diventano gli strumenti per la sua personale espressione e testimonianza di un’esplorazione emotiva e intima della propria anima. Semplificando il gioco delle colate, con una materia pittorica densa e fitta, Ferragatta dimostra una virtuosa padronanza della pittura astratta. Le forme liberate dalle pennellate e dal gesto cosciente, voluto, meditato, studiato insieme all’intenso ed approfondito apporto cromatico, riescono ad esprimere i moti profondi dell’essere, l’intensità dell’emozione, il senso angosciante della condizione dell’uomo, opere nelle quali la forza dell’astrazione informale lascia spazio ad una meditata riflessione interiore, immersa in un’atmosfera contemplativa pervasa di sogno e mistero. Ferragatta conserva dentro di sé lo stupore di un bambino, cioè la curiosità di conoscere, la voglia di comunicare. Nella sua pittura mescola con sorprendente vivacità istinto e gioco, inventando immagini che sono espressione di semplicità e essenzialità. Osserva il mondo con lo sguardo disincantato e lo rappresenta con spirito fantastico e visionario. Ogni sua opera è un viaggio, un’escursione compiuta nei territori dell’immaginazione. Ciascuna opera è gesto, è sguardo, è respiro, è un piccolo universo manifestato con l’interesse di chi sa dare valore alle cose semplici. M. C. , maggio 2018

Franco Ferragatta | vercelli | Futur Arte |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ARTE HA FATTO 13! : PRESSO IL SALONE DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE DI VERCELLI “CALEIDOSCOPIO DI EMOZIONI” INAUGURATA LA MOSTRA COLLETTIVA DEI SOCI DI “FUTUR'ARTE”.


Alberto bebo Guidetti (Lo Stato Sociale) presenta la rivista da lui fondata “Fantastico!”


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


Intervista di Alessia Mocci ad Ernesto Venturini: vi presentiamo Il sale e gli alberi


I nuovi timorati di Dio


Elena Puglisi presenta il romanzo fantasy “Liberland. Il fantastico Regno dei libri”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LUIGI CATALDI E' ARTISTA SURREALE, SIMBOLISTA E VISIONARIO, ALLA PERENNE RICERCA DELLA BELLEZZA, CONVINTO CHE L'ESSENZA DEL REALE NON E' IN CIO' CHE SI VEDE MA IN CIO' CHE SI PERCEPISCE CON L'ANIMA.

LUIGI CATALDI E' ARTISTA SURREALE, SIMBOLISTA E VISIONARIO, ALLA PERENNE RICERCA DELLA BELLEZZA, CONVINTO CHE L'ESSENZA DEL REALE NON E' IN CIO' CHE SI VEDE MA IN CIO' CHE SI PERCEPISCE CON L'ANIMA.
Luigi Cataldi raggiunge una perfetta sintesi tra ispirazione, contenuto e stile, frutto della della sua straordinaria maturità umana, spirituale e tecnica, guidato com'è nel suo processo creativo da un equilibrio innato e da una fervida immaginazione. Luigi Cataldi, classe 1963, pittore autodidatta con la passione per l’arte fin da ragazzo, ha sperimentato svariate tecniche: matita, carboncino, china finchè il colore non lo ha attratto e definitivamente conquistatato. La sua pittura è essenzialmente espressione dei suoi stati stati d’animo, dei suoi pensieri e delle sue riflessioni interiori su ciò che lo circonda, sulla meraviglia de (continua)

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA
CON L'ARTE SI RIPARTE - A Vercelli presso lo Studio d’Arte 256 del pittore Ezio Balliano prende via la prima edizione della “Biennale d’Arte Città di Vercelli” 2021/2022. Il ProgettoUn’idea nata quasi per gioco, complici le possibilità di comunicazione che offre il WEB, per esorcizzare l’incubo sanitario dal quale, seppure a fatica, stiamo faticosamente uscendo: la formula è semplice: uno spazio espositivo, una mostra collettiva che presenta ogni due settimane una selezione di opere di un gruppo di artisti sempre diverso, che permetta loro di presentare i pr (continua)

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.
Creatività compositiva e razionalità in sintesi perfetta con l’armonia e la ricerca del bello e del vero sono alla base della produzione artistica di Anna Callegari. Il tratto e la pennellata risultano istintive, la mano felice e leggera, Anna ha il dono dell'equilibrio e delle proporzioni, e ciò rende le opere di piacevole godimento, con forme geometriche semplici, zone piatte di colore delimitate da contorni scuri, volumi sovrapposti e compenetrati fra loro, esaltazione della memoria e dell’immaginazione; opere lontane da ogni accademismo e mai banali. In ogni creazione di Anna è possibile ritrovare traccia della sua personale ricerca di un ideale di bellezza; Ciascuna opera svela il costante tentativo di realizzare un equilibrio tra la tradizione e la modernità in una concezione soggettiva dello spazio con l’utilizzo dei moduli espressivi - forma e contenuto, volume e colore - in maniera più congeniale al suo temperamento, elaborati in una sua (continua)

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.
Sicurezza del tratto, gestualità dinamica e grande senso del colore svelano un’indiscutibile maturità pittorica; la sperimentazione, il collage, l’assemblaggio, fondendo estetica antica con tecnica contemporanea, pongono Pier Giorgio Doimo, con i suoi lavori più recenti, in sintonia con il linguaggio informale, offrendo allo spettatore una forma espressiva aliena da riferimenti realistici o citazioni di maniera. E’ possibile leggere le vicende dell’arte del novecento secondo due linee parallele: in arte come in natura istinto e razionalità si incontrano e si scontrano, determinando i comportamenti. Questa sorta di dualismo affonda le sue radici nel mondo classico che collegava questi due diversi modi di espressione all’influsso di Apollo e Dionisio: il primo, Apollo, simbolo di perfezione, che si affida a (continua)

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale
Oltre settanta anni di attività artistica, una produzione vastissima che esplora tendenze e stili, tecniche e materiali, dal figurativo all’astratto, dall’impressionismo all’espressionismo fino all’informale: ritratti, nature morte, paesaggi soprattutto, evocati da memorie remote, immersi in un’atmosfera di sognante malinconia che impregna le opere di luminosa trasparenza, resi con una emotività tale da renderli unici ed inimitabili, poiché il senso profondo della sua arte è il reale, vissuto intensamente nelle sue espressioni di gioia, dolore, estasi o pace. L'UOMO:Nato nel 1926 ad Ancona, Pio Mario Arini dimostra da subito vivace intelligenza e grande curiosità per tutto ciò che lo circonda. Naturalmente portato per l'espressione artistica comincia giovanissimo a disegnare e poi a dipingere e comporre versi. Le drammatiche e concitate vicende belliche segneranno la sua adolescenza e faranno crescere il suo desiderio di libertà, la capacità di ap (continua)