Home > Economia e Finanza > Controllo di gestione e Temporary Food Management

Controllo di gestione e Temporary Food Management

articolo pubblicato da: claudiamarchi | segnala un abuso

Controllo di gestione e Temporary Food Management

 

Per il settore agroalimentare il controllo di gestione della filiera logistica è fondamentale: il Temporary Food Management può rappresentare una svolta per le aziende.

 

Con il controllo di gestione l'impresa impegnata nel settore agroalimentare analizza continuamente la propria attività tenendo sotto controllo l’aspetto finanziario, strutturale, amministrativo, commerciale e industriale. Le analisi preventive, infatti, sono fondamentali per misurare le future performance aziendali, per conoscere i flussi di cassa necessari al sostegno della continuità aziendale.

Per calcolare in modo corretto i flussi di cassa futuri, l'azienda deve acquisire un’adeguata conoscenza della propria capacità industriale, commerciale e finanziaria, ma anche delle dinamiche del settore merceologico di riferimento e dei principali competitor.

È necessario, quindi, diffondere la consapevolezza dell’importanza del controllo di gestione come strumento ordinario di lavoro, come buona pratica di ogni buon imprenditore. I benefici derivanti dall'adozione di tale programma miglioreranno il rapporto con il sistema finanziario e si rileveranno ottimi alleati nel ridurre i rischi di default.

Purtroppo, l'esperienza dimostra che le PMI italiane, caratterizzate da un tessuto composto più da piccole che medie imprese, sono poco inclini o poco strutturate sul controllo di gestione.

Temporary Food Management: la svolta aziendale

Rendere sistematiche le best practice di buona conduzione aziendale può essere compito della professione di un commercialista, ma ancor più di un manager che viva l'azienda dal suo interno e ne apprenda i segreti, le routine e i programmi di tutti i reparti. In quest'ottica – soprattutto per le PMI - si inserisce il Temporary Food Management che sempre più interessa le aziende, siano esse grandi o piccole, e che può veramente rappresentare una svolta epocale nella gestione della supply chain.

Il Temporary Manager vende esperienza, ha un bagaglio culturale utile ad affrontare le più disparate esigenze aziendali, organizzative, finanziarie, amministrative e in parte legali, possiede le competenze per raggiungere gli obiettivi circondandosi di professionisti alla propria altezza.

Il Temporary Management ha un taglio molto operativo, al contrario dei classici servizi di consulenza, è sempre svolto da personale con una lunga esperienza diretta e operativa in azienda. Questo lo distingue sia dalle classiche società di consulenza, sia dai servizi offerti dal commercialista, con il quale per altro deve collaborare e confrontarsi per ottimizzare l'efficienza aziendale.

Concludendo, possiamo dire che il Temporary Management è un servizio che può diventare lo standard di fruizione per le piccole e medie aziende dell’agroalimentare, in quanto si pone come convergenza delle macro aree aziendali, quali amministrazione, finanza e controllo, organizzazione e legale.

temporary food management |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

POLI.design, CONSORZIO DEL POLITECNICO DI MILANO ALLA MILANO DESIGN WEEK 2015


TEMPORARY SHOP & RETAIL DESIGN: dopo il successo della prima edizione, torna il corso di POLI.design dedicato alla progettazione di spazi retail temporanei


Matteo Cosmi e il tema dell’introduzione dei Voucher Internazionalizzazione


Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


Energo Logistic: Francesco Pavolucci, siamo presenti su Logistica Management 2018


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Interior design: spazi sempre più aperti e condivisi

Interior design: spazi sempre più aperti e condivisi
Queste sono le nuove tendenze dell’interior design del futuro. Scopriamo insieme in cosa consistono. Si sa, la casa e l’ufficio sono i due luoghi dove quotidianamente trascorriamo più ore durante le nostre giornate. Ma molto spesso questi spazi non rispecchiano le nostre esigenze o le nostre necessità. L’interior design si occupa proprio di questo: rendere gli (continua)

Personalizzazione cosmetici: il conto terzi è il futuro

Personalizzazione cosmetici: il conto terzi è il futuro
  La cosmetica conto terzi è il futuro del mercato del beauty: ecco a chi rivolgersi per commercializzare le proprie linee di prodotti.     Il mercato cosmetico è uno dei più fiorenti d’Italia e uno dei pochi ad aver reagito positivamente alle trasformazioni provocate dalla crisi economica. Numerosi studi condotti dal Centro Studi di Cosmetica Italia h (continua)

Impiattare a regola d’arte: servono affettatrice e grattugie!

Impiattare a regola d’arte: servono affettatrice e grattugie!
  Cosa decreta il successo di uno show cooking in TV? Tolti sapori e odori, che lo spettatore non può assaporare, rimangono i colori e le composizioni, gli unici elementi a rendere invitante e appetibile la ricetta. L’arte di rendere gustoso un piatto quando viene meno la possibilità di assaggiarlo si chiama impiattamento. Rondelle, julienne e ratatuille di frutta e verd (continua)

Automatizzare le tapparelle con un sistema domotico

Automatizzare le tapparelle con un sistema domotico
  Avete mai pensato ad un impianto domotico per regolare l’apertura o la chiusura delle tapparelle in casa? I sistemi domotici sono utili a risparmiare energia e denaro!   Avere l’opportunità di modificare la quantità di luce all’interno dell’abitazione, soprattutto quando non siamo presenti, è una delle cose che possono venir effettuate gr (continua)

La fattura elettronica è emessa in ritardo: cosa fare?

L’emissione tardiva della fattura elettronica è una violazione sanabile, ma è sempre meglio organizzarsi per evitare che accada.     Emettere una fattura elettronica in ritardo è una delle grandi paure delle aziende e dei professionisti che si devono occupare della contabilità online. Quando questo succede, cosa si dovrebbe fare? Innanzitutto, va con (continua)