Home > News > Aria compressa: 7 consigli per un utilizzo sicuro

Aria compressa: 7 consigli per un utilizzo sicuro

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Aria compressa: 7 consigli per un utilizzo sicuro


 

Cresce di giorno in giorno l’utilità dell'aria compressa negli spazi di lavoro in tutto il mondo: dalle fabbriche ai cantieri, fino al settore industriale, sono sempre più le aziende che si servono di questa. Nonostante possa sembrare molto semplice da usare (all’apparenza), l'aria compressa può diventare pericolosa se utilizzata in maniera non corretta. Ecco quindi cosa è necessario sapere quando si tratta di operazioni sicure.

7 piccoli suggerimenti per la sicurezza dell'aria compressa

1.       Pianificare la manutenzione ordinaria - Collaborare con il produttore dell'aria compressa per pianificare la manutenzione ordinaria e configurare i sistemi che avvisano l'utente quando è necessaria la manutenzione. Questo utilizzo di un sistema di monitoraggio remoto, aiuta a mantenere aggiornato sul rendimento delle macchine e sulla eventuale necessità o meno di assistenza.

2.       Controllare i valori massimi di pressione sulle parti del compressore -  Occorre sempre ricordare che tubi e raccordi devono avere lo stesso livello di pressione massima del compressore.

3.       Tenere le valvole di arresto a portata di mano - Nel remoto caso in cui qualcosa vada storto, i lavoratori dovrebbero essere in grado di interrompere immediatamente la fonte d'aria.

4.       Non smettere di mantenere aggiornare i dipendenti - È importante ricordare che tutti i lavoratori dell’azienda devono essere adeguatamente formati sulla sicurezza delle attrezzature per ridurre infortuni e incidenti sul lavoro.

5.       Visualizzare costantemente le indicazioni dell'apparecchiatura - Assicurarsi che le istruzioni del compressore siano perfettamente visibili, cosicché tutto il personale dipendente possa trovare un riferimento.

6.       Indossare indumenti protettivi adeguati - Quando si opera e si lavora con l’aria compressa, è opportuno indossare occhiali di protezione, cuffie per le orecchie e tutti quei dispositivi di protezione adeguati.

7.       Posizionare l'attrezzatura nelle aree visibili ed accessibili - I compressori devono essere accuratamente posizionati in un'area visibile e facilmente accessibile. Questo ovviamente per esigenze di monitoraggio e manutenzione.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento, è sempre opportuno consultare un esperto di aria compressa, soprattutto se si tratta di argomenti che riguardano il funzionamento corretto ed estremamente sicuro di un sistema ad aria compressa. Il primo passo è quindi quello di contattare un concessionario Atlas Copco, ovvero quella serie di partner sul territorio italiano che vantano un filo diretto con la casa madre.

Noi vi suggeriamo Cenci Srl, presente da più di 40 anni sul mercato italiano e concessionario ufficiale dal 1979 per quel che concerne le province di Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Cremona, Lodi e Pavia. Grazie all’impegno costante, alla professionalità e all’affiatamento delle risorse umane che compongono l’azienda, Cenci Srl è riuscita a soddisfare un vasto mercato, affermandosi sia nel settore industriale che nelle costruzioni, conquistando la fiducia delle maggiori società presenti nelle zone di competenza.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Assistenza compressori e utensili? Ci pensa Cenci S.r.l.!


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


Costi di acquisto e di manutenzione di un compressore per officine - Romautomotive


Compressori aria: come rimuovere la condensa


Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

È tempo di arredare i vostri giardini: soluzioni di design made in Italy

È tempo di arredare i vostri giardini: soluzioni di design made in Italy
Stanchi di arredare i vostri giardini in maniera anonima? Cercate soluzioni di design made in Italy che colpiscano per originalità e qualità? Poligoni design è l’azienda che fa per voi. Siamo in piena estate ed è questo il momento di arredare gli spazi esterni della vostra casa. Che siano giardini, verande, terrazze o portici non fa differenza, la cosa che conta è solo una: arredare con lo stile unico e inconfondibile del design made in Italy. Se vi piace la sperimentazione e siete persone che credono fortemente nella commistione di diversi stili di arredamento, sicuramente (continua)

Come funziona un recuperatore di calore

Come funziona un recuperatore di calore
Un recuperatore di calore può evitare la dispersione di energia quando si aprono le finestre e l'aria esterna va ad influire sulla temperatura di quella interna. Aprire le finestre per far cambiare l’aria, in casa così come in ufficio: un gesto quotidiano che tutti noi compiamo, indipendentemente dalla stagione. Proprio la temperatura esterna, però, influisce su quella interna: ogni volta che una finestra si apre e aria fredda o calda entra, il prodotto dei climatizzatori o dell’impianto di riscaldamento si disperde e quindi aumenta il consumo di ener (continua)

Modello Just in time: cos’è e quali sono i vantaggi?

Modello Just in time: cos’è e quali sono i vantaggi?
Just in time o  “appena in tempo”, più frequentemente abbreviato in JIT,è un modello operativo con l’obiettivo di minimizzare gli sprechi di risorse e rinnovare i prodotti in funzione dell’effettiva domanda. Ma quali sono i vantaggi di questo modello? Scopriamoli insiemeJust in time in azienda: quali vantaggi? Per le aziende adottare il modello Just in time è tutt'altro che semplice: (continua)

Rotterdam: la città olandese dove sperimentare l’urban design

Rotterdam: la città olandese dove sperimentare l’urban design
Rotterdam, città olandese sui generis, è famosa per la sua architettura moderna e sperimentale. A lungo nota per la sua povertà e criminalità, è oggi un punto di riferimento in tutto il mondo per l’urban design sostenibile e vero polo di sperimentazione per l’innovazione. Rotterdam: una città sull’acqua Molta della sua fortuna e della sua fama Rotterdam la deve alla presenza del porto (continua)

Trasporti internazionali: cosa cambia a livello europeo

Dopo l’approvazione del Regolamento UE 2020/698 del 25 maggio scorso, il Ministero dell’Interno rende espliciti alcuni cambiamenti che interesseranno il servizio di trasporti internazionali.  Cosa definisce il regolamento? Il regolamento, che definisce il periodo di validità di alcuni importanti documenti in materia di circolazione, dovrà coordinarsi con le normative nazionali vigenti (continua)