Home > Economia e Finanza > Mauro Ticca: le considerazioni del manager sulla gestione del reso in e-commerce

Mauro Ticca: le considerazioni del manager sulla gestione del reso in e-commerce

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


La percentuale di resi sul totale dei prodotti venduti è destinata a salire, principalmente a causa delle politiche adottate dai principali siti di e-commerce. Mauro Ticca spiega l'importanza di gestire efficacemente le dinamiche legate alla reverse logistics, sia per ridurre i costi che per soddisfare il cliente.

Mauro Ticca

Mauro Ticca: le cause che innescano il processo di reverse logistics

"Controllare e gestire in modo adeguato il flusso inverso dei prodotti può comportare una notevole riduzione dei costi, che sono evidentemente da considerare costi certi", sottolinea il manager Mauro Ticca, occupandosi dell'importanza di gestire efficacemente i resi nell'era dell'e-commerce. "Ad oggi spesso il flusso non è controllato in quanto le aziende si concentrano sul flusso di logistica diretta. Diviene necessario sottolineare che la gestione del reso a livello di marketing è un elemento fondamentale per non perdere quote di mercato." La customer experience e la soddisfazione generale del cliente dipendono anche dalla gestione del reso e del magazzino, soprattutto in un contesto in cui numerose ricerche confermano che la percentuale dei resi sul totale dei prodotti venduti è destinata a salire ulteriormente. Mauro Ticca mette in chiaro le possibili cause che possono attivare un processo logistico inverso, che sono importanti da tenere a mente per capire il fenomeno: il prodotto potrebbe non essere conforme alle esigenze del cliente, che lo rimanda al produttore o al commerciante, anche se perfettamente funzionante. Ci possono essere problemi di installazione o di utilizzo, derivati da istruzioni o procedure complicate, che scoraggiano l'utilizzo dell'oggetto. Il prodotto potrebbe essere difettoso, ma se è nel periodo di garanzia è diritto del consumatore restituirlo per chiederne la riparazione. Infine, la causa potrebbe essere un processo distributivo non corretto, che non ha permesso al cliente di ricevere il prodotto in tempo, o che comunque ha provocato una spedizione incompleta.

Mauro Ticca: i costi derivanti dal magazzino e legati alla gestione del reso

Secondo il manager Mauro Ticca, appare chiaro che "per riuscire ad aumentare i profitti, le aziende devono prendere in considerazione la gestione della reverse logistics riorganizzando il processo di recupero per essere in grado di controllarlo al fine di minimizzare i costi associati". Secondo una ricerca annuale sul largo consumo realizzata da "The Retail Equation", il tasso di ritorno equivale a circa il 10% del totale delle vendite. Da questo derivano diverse spese: il costo di ricevimento, legato al processo di accettazione e di controllo, e il costo di selezione, che è invece correlato alla valutazione necessaria a definire se il prodotto va riparato o sostituito. In quest'ultimo caso, se si tratta di un prodotto tecnologico, il tempo impiegato si dilata drasticamente. Vi sono inoltre i costi di riparazione o di sostituzione, associati alla fase di controllo e di riparazione: se il costo della riparazione sorpassa il valore effettivo del prodotto, questo viene sostituito e si perde il costo del bene stesso. Infine possono esserci le spese di reintegro a magazzino e di deprezzamento, legate all'insieme di fasi logistiche che precedono la rimessa in vendita. I costi amministrativi, gli ultimi nominati nell'analisi del manager Mauro Ticca, sono legati all'eventuale rimborso del cliente.


Fonte notizia: https://www.economiafinanza.eu/tag/mauro-ticca/


Mauro Ticca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mauro Ticca riflette sul cargo aereo italiano


Le considerazioni di Mauro Ticca in merito all’avvio di una attività di e-commerce


Mauro Ticca: “La calma di un NO, come forma elegante di volersi bene”


Mauro Ticca riflette su un argomento di grande attualità: lo smart working


Al via il progetto smart road a Torino: il pensiero di Mauro Ticca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I requisiti della rivalutazione dei beni d’impresa illustrati da Massimo Rizza

I requisiti della rivalutazione dei beni d’impresa illustrati da Massimo Rizza
Il Decreto Legge n. 104 concede la rivalutazione di alcuni beni d’impresa: Massimo Rizza spiega nel dettaglio i requisiti del Decreto Legge n. 104 La misura introdotta dal Governo offre la possibilità di rivalutare determinati beni d'impresa. Massimo Rizza illustra nel dettaglio i requisiti stabiliti dal Decreto Legge n. 104Il Decreto Legge 104 spiegato da Massimo RizzaTra le diverse misure introdotte dal Governo a supporto di imprese e lavoratori per far fronte all'emergenza sanitaria, la rivalutazione dei beni d'impresa (Decreto (continua)

Pietro Vignali: nuove politiche a supporto di città, famiglie e donne

Pietro Vignali: nuove politiche a supporto di città, famiglie e donne
Piano casa, politiche familiari e di incentivazione per le donne: Pietro Vignali illustra le priorità per la ripartenza post Covid-19 Pietro Vignali spiega la necessità di introdurre nuove politiche a sostegno di famiglie e città per affrontare i cambiamenti causati dalla pandemia.La famiglia, Pietro Vignali: "Baluardo capace di opporsi alla pandemia"Come già sottolineato da Pietro Vignali, per reagire ai cambiamenti generati dalla pandemia è necessario attuare importanti interventi nelle città italiane. Una rigenerazi (continua)

Il team di Antonio Franchi al lavoro per la rivalorizzazione di Palazzo Ravasio

Il team di Antonio Franchi al lavoro per la rivalorizzazione di Palazzo Ravasio
Antonio Franchi è a capo della società che sta trasformando Palazzo Ravasio in un complesso sostenibile, innovativo e moderno The Residenze, società guidata da Antonio Franchi e specializzata nel settore immobiliare residenziale di alta gamma, è all'opera su un progetto il cui obiettivo è l'antico edificio veronese di Palazzo Ravasio.La storia di Palazzo Ravasio, edificio rivalorizzato dal team di Antonio FranchiLa società guidata da Antonio Franchi, The Residenze, ha preso in carico diversi progetti di ri (continua)

Italchimica chiude il 2020 con un incremento del fatturato del 50%

Italchimica chiude il 2020 con un incremento del fatturato del 50%
Italchimica ha superato brillantemente l’anno della pandemia, incrementando il proprio fatturato. L’obiettivo ora è far diventare la società a impatto zero Italchimica è tra le poche realtà italiane ad aver concluso l'anno della pandemia con un grosso incremento del fatturato, parte di questo sarà investito in innovazione di prodotto.L'anno della pandemia in ItalchimicaSe per la maggior parte delle realtà italiane il 2020 ha rappresentato un periodo poco felice dal punto di vista dei guadagni, per Italchimica l'anno della pandemia ha p (continua)

Gruppo Riva: sostenibilità ed economia circolare nel settore siderurgico

Gruppo Riva: sostenibilità ed economia circolare nel settore siderurgico
Materiali di scarto come scorie e polimeri per produrre l’acciaio in modo sostenibile: il modello di Gruppo Riva, leader europeo nel comparto siderurgico L'impiego di scorie nere, scorie bianche, polveri di acciaieria e polimeri consente a Gruppo Riva di ottenere una produzione siderurgica ispirata ai principi dell'economia circolare.Gruppo Riva: l'utilizzo delle scorie e delle polveri nella produzione circolareRidurre al minimo gli sprechi è uno degli elementi alla base dell'economia circolare. Nello specifico del settore siderurgico, ci (continua)