Home > Informatica > Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware

Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware

scritto da: SABMCS | segnala un abuso

Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware


Le soluzioni antivirus di nuova generazione non funzionano più solo con le signature anti-malware bensì si avvalgono di tecnologie di rilevamento euristiche non misurabili con Virustotal.

Virustotal è stato per anni uno strumento affidabile per chiunque abbia a che fare con i malware a livello professionale. La piattaforma consente di caricare rapidamente un file o utilizzare un valore hash per verificare se i motori di scansione degli antivirus già rilevano i malware più attuali. Allo stesso modo, Virustotal viene anche utilizzato dai media per verificare se esiste una protezione antivirus efficace contro eventuali campagne malware in circolazione.

Tuttavia, e soprattutto quando ci si confronta con attacchi repentini e di breve durata, il servizio presenta spesso un quadro inesatto: nei primi giorni della diffusione di nuovi software dannosi - come nel caso della campagna ransomware ai danni dei dipartimenti delle risorse umane con GandCrab - il malware viene rilevato dai programmi antivirus della maggior parte delle società di sicurezza attraverso tecnologie di rilevamento euristico e tramite confronto dei valori hash dei file con i servizi cloud dei rispettivi produttori. Virustotal mostra però solo il "classico" riconoscimento dei malware, basato sulle firme. Detto questo, "Virus Total è un buon indicatore generale del tasso di rilevamento dei malware, ma è inadatto a determinare se un malware in circolazione proprio in questo momento sia identificato o meno”, afferma Ralf Benzmüller, Executive Speaker dei G DATA Security Labs.

Mentre quindi la panoramica Virustotal – prendendo ad esempio la campagna GandCrab - indicava anche che solo pochi produttori erano in grado di riconoscere i campioni forniti come dannosi, G DATA e certamente altri produttori sono stati in grado di prevenire con successo le infezioni. "Grazie alla nostra tecnologia Filecloud e ad altre tecnologie NGAV (next generation Antivirus), rispondiamo rapidamente alle nuove campagne malware. In alcuni dei casi più recenti ad esempio abbiamo bloccato l'11,6% dei tentativi di infezione solo con questi strumenti", afferma Thomas Siebert, responsabile delle tecnologie di protezione di G DATA.

Software antivirus: da tempo più che solo semplici signature

L'industria antivirus ha vissuto un’enorme evoluzione negli ultimi 20 anni. Poiché i campioni di malware vengono modificati a ritmi sempre più serrati per evitarne il rilevamento, quasi tutti i produttori si affidano a componenti antivirus di prossima generazione. “Noi impieghiamo il Filecloud precedentemente menzionato per bloccare eventuali campioni sospetti molto più velocemente che tramite meri aggiornamenti delle firme, ma Filecloud è solo una parte del nostro sistema di apprendimento automatico” commenta Siebert. Ne fa parte anche la tecnologia anti-ransomware sviluppata da G DATA, che protegge gli utenti in modo affidabile contro la cifratura del disco rigido. Per l’utenza privata, questo componente è attivato di fabbrica, i clienti aziendali invece ne possono beneficiare – se lo desiderano – attivando manualmente la funzione inclusa nelle suite Business G DATA. “Una scelta che non possiamo che raccomandare”, conclude Siebert.

Questa tecnologia monitora in background se vengono attivati comandi sospetti come una cifratura di massa dei file senza alcun ordine preciso da parte dell’utente. "Oltre ad essere un ottimo strumento per la protezione degli utenti, la tecnologia anti-ransomware rappresenta per noi un sistema di allarme precoce", afferma Sana. “Ci consente infatti di bloccare a priori eventuali azioni di danneggiamento da parte di software non riconosciuti e di guadagnare tempo per condurre le analisi necessarie a fornire un'ampia protezione per tutti gli utenti."

Rilevamento euristico del malware

Anche il G DATA Behavior Blocker - ovvero la difesa contro il malware basata sul comportamento dello stesso - rientra nell'area delle tecnologie di prossima generazione. Qui, azioni sospette possono essere bloccate in base a indicatori specifici. Questo tipo di rilevamento euristico dei malware identifica la creazione non autorizzata di nuove voci di avvio automatico o l’alterazione sospetta di stringhe nel registro di sistema di Windows, la moltiplicazione di file .exe o .dll nella directory system32 o la modifica dei file di host. Un processo con cui in passato, ad esempio, venivano eseguiti attacchi ai servizi di online banking. Quando alcuni di questi comportamenti si palesano, si innesca il rilevamento.

"Per assicurare la massima capacità di rilevamento, i G DATA SecurityLabs elaborano diverse centinaia di migliaia di campioni al giorno, inclusa l'esecuzione automatica dei campioni tramite un ampio cluster di sistemi di analisi ("sandbox"). Le caratteristiche rilevate sono archiviate sotto forma di svariati milioni di nuovi nodi e connessioni tra i nodi in una enorme banca dati grafica", spiega Siebert. In questo modo è possibile determinare quali caratteristiche in quale combinazione e ponderazione danno luogo all’identificazione del malware. Un’attività a cui contribuiscono anche i processi di apprendimento automatico.

In tal senso, gli utenti privati come aziendali che fruiscono di soluzioni antivirus di nuova generazione, possono sentirsi ben protetti anche contro nuove famiglie di malware, a dispetto di quanto può essere segnalato in primo acchito su Virustotal.


Fonte notizia: https://sabcommunications.net/it/antivirus-next-gen-virustotal/


Antivirus next-gen | Filecloud | G DATA Security Labs | GandCrab malware | NGAV | ransomware | Sicurezza informatica | Virustotal |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NASCE REFPLACE, L'UNICO PORTALE PROFESSIONALE AL MONDO CHE VALORIZZA IL PROFILO DEI CANDIDATI ATTRAVERSO REALI REFERENZE


Poltrone himolla, il design non è mai stato così comodo


REFPLACE.COM: I POTENZIALI PROFILI PROFESSIONALI PRESENTI NEL MERCATO LAVORO VALORIZZABILI E VALUTABILI CON UN SEMPLICE CLICK


Acronis annuncia la partnership con VirusTotal di Google


Come attivare il Motion Detection nelle teecamere Foscam


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

VoIP: In Europa un utente su due vincola la sicurezza dei telefoni IP alla notorietà del marchio

VoIP: In Europa un utente su due vincola la sicurezza dei telefoni IP alla notorietà del marchio
Mentre per metà degli utenti VoIP europei il brand è determinante ai fini della sicurezza e dell’interoperabilità dei terminali con le più moderne soluzioni VoIP, l’altra metà è convinta che qualsiasi terminale IP sia sicuro e si interessa poco delle funzionalità avanzate, «basta poter telefonare». Due atteggiamenti del tutto dicotomici, oltre che errati, emersi dal recente studio di Snom Technology. Dei 3156 utenti aziendali intervistati in occasione del sondaggio condotto da Snom Technology con l’ausilio dell’istituto di ricerche di mercato indipendente Norstat in Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo 2020, solo il 14% non dispone di un telefono da scrivania. Una media che in Italia è ancora inferiore: ben il 94% degli utenti continua a (continua)

Platino e oro per i distributori Snom

Platino e oro per i distributori Snom
Snom, noto produttore di telefoni IP premium per aziende, professionisti e per ambienti industriali, ha annunciato i distributori premiati per gli eccellenti risultati conseguiti nel corso dell’anno fiscale 19/20, conclusosi a fine marzo. Determinante ai fini dell’assegnazione degli ambiti riconoscimenti non solo il quantitativo di terminali venduti ma anche l’assistenza qualificata erogata ai rivenditori. Tra i premiati figurano due distributori italiani.Per la prima volta dopo sette anni Snom Technology GmbH torna a premiare i partner commerciali più meritevoli su scala globale. Si tratta di aziende annoverate a buon ragione tra (continua)

Intervento contro la solitudine: 100 nuovi telefoni IP Snom presso Silbernetz e. V.

Intervento contro la solitudine: 100 nuovi telefoni IP Snom presso Silbernetz e. V.
Anche senza il coronavirus, la solitudine e il silenzio caratterizzano la quotidianità di milioni di anziani. Cento nuovi telefoni Snom per i volontari e i collaboratori della „rete d’argento“ Silbernetz e.V. contribuiscono a cambiare le cose. Quando i figli hanno lasciato il nido da tempo, il coniuge è deceduto e la TV o la radio sono l’unico collegamento co (continua)

Una conversazione é più efficiente dell’e-mail: Snom offre la migliore qualità audio per le Huddle Rooms

Una conversazione é più efficiente dell’e-mail: Snom offre la migliore qualità audio per le Huddle Rooms
Mai prima d’ora abbiamo comunicato così tanto e spesso. Per il solo 2019 gli esperti hanno previsto un volume di circa 293,6 miliardi di e-mail scambiate in tutto il mondo – ogni giorno! Entro il 2023 questa cifra dovrebbe salire a 347,3 miliardi ogni 24 ore*. Nel contempo i dipendenti sono sempre più mobili e svolgono il proprio lavoro ovunque sia possibile: in uffi (continua)

Nuovo accessorio - Snom A190: headset DECT multicella

Nuovo accessorio - Snom A190: headset DECT multicella
Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per professionisti e aziende presenta il nuovo A190 cordless DECT multicella. Un headset in grado di passare senza soluzione di continuità da una cella all’altra e di eseguire il roaming in installazioni DECT multicella. Insieme alla stazione base DECT M900 annunciata di recente , gli utenti dispongono di una soluzione complet (continua)