Home > Informatica > Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware

Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware

scritto da: SABMCS | segnala un abuso

Antivirus “next-gen”: Virustotal non è sempre un buon indicatore del tasso di rilevamento di malware


Le soluzioni antivirus di nuova generazione non funzionano più solo con le signature anti-malware bensì si avvalgono di tecnologie di rilevamento euristiche non misurabili con Virustotal.

Virustotal è stato per anni uno strumento affidabile per chiunque abbia a che fare con i malware a livello professionale. La piattaforma consente di caricare rapidamente un file o utilizzare un valore hash per verificare se i motori di scansione degli antivirus già rilevano i malware più attuali. Allo stesso modo, Virustotal viene anche utilizzato dai media per verificare se esiste una protezione antivirus efficace contro eventuali campagne malware in circolazione.

Tuttavia, e soprattutto quando ci si confronta con attacchi repentini e di breve durata, il servizio presenta spesso un quadro inesatto: nei primi giorni della diffusione di nuovi software dannosi - come nel caso della campagna ransomware ai danni dei dipartimenti delle risorse umane con GandCrab - il malware viene rilevato dai programmi antivirus della maggior parte delle società di sicurezza attraverso tecnologie di rilevamento euristico e tramite confronto dei valori hash dei file con i servizi cloud dei rispettivi produttori. Virustotal mostra però solo il "classico" riconoscimento dei malware, basato sulle firme. Detto questo, "Virus Total è un buon indicatore generale del tasso di rilevamento dei malware, ma è inadatto a determinare se un malware in circolazione proprio in questo momento sia identificato o meno”, afferma Ralf Benzmüller, Executive Speaker dei G DATA Security Labs.

Mentre quindi la panoramica Virustotal – prendendo ad esempio la campagna GandCrab - indicava anche che solo pochi produttori erano in grado di riconoscere i campioni forniti come dannosi, G DATA e certamente altri produttori sono stati in grado di prevenire con successo le infezioni. "Grazie alla nostra tecnologia Filecloud e ad altre tecnologie NGAV (next generation Antivirus), rispondiamo rapidamente alle nuove campagne malware. In alcuni dei casi più recenti ad esempio abbiamo bloccato l'11,6% dei tentativi di infezione solo con questi strumenti", afferma Thomas Siebert, responsabile delle tecnologie di protezione di G DATA.

Software antivirus: da tempo più che solo semplici signature

L'industria antivirus ha vissuto un’enorme evoluzione negli ultimi 20 anni. Poiché i campioni di malware vengono modificati a ritmi sempre più serrati per evitarne il rilevamento, quasi tutti i produttori si affidano a componenti antivirus di prossima generazione. “Noi impieghiamo il Filecloud precedentemente menzionato per bloccare eventuali campioni sospetti molto più velocemente che tramite meri aggiornamenti delle firme, ma Filecloud è solo una parte del nostro sistema di apprendimento automatico” commenta Siebert. Ne fa parte anche la tecnologia anti-ransomware sviluppata da G DATA, che protegge gli utenti in modo affidabile contro la cifratura del disco rigido. Per l’utenza privata, questo componente è attivato di fabbrica, i clienti aziendali invece ne possono beneficiare – se lo desiderano – attivando manualmente la funzione inclusa nelle suite Business G DATA. “Una scelta che non possiamo che raccomandare”, conclude Siebert.

Questa tecnologia monitora in background se vengono attivati comandi sospetti come una cifratura di massa dei file senza alcun ordine preciso da parte dell’utente. "Oltre ad essere un ottimo strumento per la protezione degli utenti, la tecnologia anti-ransomware rappresenta per noi un sistema di allarme precoce", afferma Sana. “Ci consente infatti di bloccare a priori eventuali azioni di danneggiamento da parte di software non riconosciuti e di guadagnare tempo per condurre le analisi necessarie a fornire un'ampia protezione per tutti gli utenti."

Rilevamento euristico del malware

Anche il G DATA Behavior Blocker - ovvero la difesa contro il malware basata sul comportamento dello stesso - rientra nell'area delle tecnologie di prossima generazione. Qui, azioni sospette possono essere bloccate in base a indicatori specifici. Questo tipo di rilevamento euristico dei malware identifica la creazione non autorizzata di nuove voci di avvio automatico o l’alterazione sospetta di stringhe nel registro di sistema di Windows, la moltiplicazione di file .exe o .dll nella directory system32 o la modifica dei file di host. Un processo con cui in passato, ad esempio, venivano eseguiti attacchi ai servizi di online banking. Quando alcuni di questi comportamenti si palesano, si innesca il rilevamento.

"Per assicurare la massima capacità di rilevamento, i G DATA SecurityLabs elaborano diverse centinaia di migliaia di campioni al giorno, inclusa l'esecuzione automatica dei campioni tramite un ampio cluster di sistemi di analisi ("sandbox"). Le caratteristiche rilevate sono archiviate sotto forma di svariati milioni di nuovi nodi e connessioni tra i nodi in una enorme banca dati grafica", spiega Siebert. In questo modo è possibile determinare quali caratteristiche in quale combinazione e ponderazione danno luogo all’identificazione del malware. Un’attività a cui contribuiscono anche i processi di apprendimento automatico.

In tal senso, gli utenti privati come aziendali che fruiscono di soluzioni antivirus di nuova generazione, possono sentirsi ben protetti anche contro nuove famiglie di malware, a dispetto di quanto può essere segnalato in primo acchito su Virustotal.


Fonte notizia: https://sabcommunications.net/it/antivirus-next-gen-virustotal/


Antivirus next-gen | Filecloud | G DATA Security Labs | GandCrab malware | NGAV | ransomware | Sicurezza informatica | Virustotal |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NASCE REFPLACE, L'UNICO PORTALE PROFESSIONALE AL MONDO CHE VALORIZZA IL PROFILO DEI CANDIDATI ATTRAVERSO REALI REFERENZE


Poltrone himolla, il design non è mai stato così comodo


Acronis annuncia la partnership con VirusTotal di Google


REFPLACE.COM: I POTENZIALI PROFILI PROFESSIONALI PRESENTI NEL MERCATO LAVORO VALORIZZABILI E VALUTABILI CON UN SEMPLICE CLICK


Come attivare il Motion Detection nelle teecamere Foscam


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione
In alcuni settori industriali, diversamente da altri, non è facile integrare le nuove tecnologie. Il motivo? Le condizioni sono sempre diverse. Ad esempio può essere necessario coprire grandi superfici, servire un elevato numero di dipendenti o, ancora, conformarsi a complessi standard specifici. Quest’ultimo caso si verifica, in particolare, nel settore farmaceutico.Se da una parte la comunicazione è un aspetto chiave per la produzione, dall'altra nell'industria farmaceutica vanno rispettati sempre protocolli stringenti. Questo vuol dire (continua)

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria
Le misure adottate in tutto il mondo per contenere la pandemia hanno generato enormi cambiamenti anche nell’ambito delle risorse umane. Tuttavia, un ritorno ai vecchi schemi non è più concepibile e nemmeno voluto. Una relazione sulla gestione delle risorse umane 2021. Berlino | La lotta contro il coronavirus non ha avuto solo conseguenze macroeconomiche negli ultimi 18 mesi. In tutte le organizzazioni di tutte le dimensioni e in tutti i settori, sono state adottate le più svariate misure per evitare il contagio, in conformità con le normative in vigore nei diversi Stati. Questo è stato un periodo molto impegnativo, specialmente per le aziende con sedi dislocate (continua)

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite
Negli ospedali la corsa contro il tempo è una circostanza quotidiana, soprattutto in strutture sanitarie spesso sotto pressione. Snom evidenzia i vantaggi che scaturiscono dall'ottimizzazione della comunicazione ospedaliera. Berlino - Un trattamento ottimale può essere garantito solo in condizioni ottimali. Nelle strutture sanitarie questo principio andrebbe applicato non solo alle condizioni di lavoro del personale infermieristico ma anche alle attrezzature di lavoro.La digitalizzazione del sistema sanitario promossa dai governi di tutta l’Unione Europea dall'inizio del 2000 non può prescindere dal rinnovamento dell' (continua)

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni
Nonostante l'uso di moderne infrastrutture VoIP, le aziende beneficiano solo in minima parte dell'impareggiabile potenziale di ottimizzazione derivante dall'integrazione di telecomunicazioni, IT e OT. Con la sua tecnologia Beacon, Snom porta sul mercato le sue ultimissime innovazioni nell’ambito dell’integrazione di soluzioni per la localizzazione precisa (al metro), protezione antifurto e chiamate di emergenza. Berlino | Quando si tratta di telecomunicazioni IP professionali, i clienti che non vogliono scendere a compromessi in merito alla robustezza e versatilità dei terminali si rivolgono volentieri a Snom. Il marchio premium su scala globale per la moderna telefonia IP nelle aziende e nell'industria fa leva sulle sue potenti soluzioni DECT per la telefonia VoIP cordless professionale e molto altro: co (continua)

Quando la moderna telefonia addolcisce le vacanze

Quando la moderna telefonia addolcisce le vacanze
Gradualmente per molti inizia la pianificazione delle vacanze. Grazie alle attuali regolamentazioni è possibile spostarsi a tale scopo sia all'interno del proprio Paese si all’estero. A fronte di un anno in cui i più hanno rinunciato a viaggiare, molti vorrebbero coglierne l'opportunità questa estate. Ora più che mai, l’implementazione di buone misure igieniche da parte dell’hotel dove si soggiorna è garante di una vacanza spensierata. Dopo tutto, le ferie sono fatte per rilassarsi e sfuggire alla vita quotidiana. Berlino | Nel corso dello scorso anno l'industria alberghiera ha dovuto sopportare misure draconiane. Poter finalmente riaprire per la stagione estiva è quindi ancora più gratificante, ma per  soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, sono necessari strumenti efficaci che supportino l’erogazione di servizi discreti e affidabili.Snom, marchio premium di caratura globale per la moderna tele (continua)