Home > Cibo e Alimentazione > Il novembre de “La prova del cuoco” prende il via con chef Shady

Il novembre de “La prova del cuoco” prende il via con chef Shady

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Il novembre de “La prova del cuoco” prende il via con chef Shady


Il mese di novembre de “La prova del cuoco” prende il via con chef Shady. Il più importante programma di RaiUno dedicato alla cucina andrà in onda anche nella festività di Ognissanti di giovedì 1 novembre con una puntata che avrà ancora per protagonista il noto chef aretino che, per l’occasione, volerà direttamente da Gerusalemme agli studi di Roma. Chef Shady, infatti, ha trascorso gli ultimi quindici giorni in Terra Santa per tenere un corso di formazione orientato a far crescere cuochi locali specializzati in cucina italiana e capaci di riproporla in futuro nel loro territorio. Il percorso si è prima aperto con una selezione nelle scuole di un gruppo di ragazzi a cui proporre questo iter professionale, poi ha previsto una serie di lezioni dedicate a pasta fresca, pasta secca e risotti dove i prodotti palestinesi sono stati utilizzati come basi per realizzare i piatti tipici anche della tradizione toscana e aretina. L’iniziativa è promossa dall’Ambassador Hotel Jerusalem e continuerà anche nei prossimi mesi, con chef Shady che passerà lunghi periodi a Gerusalemme per fornire ai suoi allievi conoscenze e tecniche necessarie per concretizzare questo progetto di incontro tra la gastronomia italiana e quella mediorientale.

Di ritorno dalla Palestina, l’aretino si recherà immediatamente nella trasmissione diretta da Elisa Isoardi dove parteciperà alla sfida conclusiva che vede appassionati di cucina e professionisti sfidarsi ai fornelli divisi nelle due squadre del “Pomodoro rosso” e del “Peperone verde”. Chef Shady fa parte del team di questa edizione de “La prova del cuoco” e, di puntata in puntata, sta ricevendo apprezzamenti dalla conduttrice e dai giudici per la sua capacità di proporre una cucina capace di unire prodotti tipicamente italiani a profumi orientali garantiti da spezie e erbe aromatiche, dando così alla trasmissione un tocco esotico e internazionale. Nella sua ultima puntata, proprio prima di partire per la Palestina, ha realizzato uno speciale tacchino impanato al gusto di hommos con farina di ceci, semi di sesamo, limone, cumino e maionese all’aglio, spiegando la peculiarità e gli accostamenti di ogni ingrediente. Domenica 4 novembre, infine, chef Shady sarà impegnato anche nella vicina Firenze per un evento di beneficenza, preparando due piatti salutari e adatti anche per chi fa sport da servire nel buffet dell’AILoveRunning dell’Associazione Italiana Leucemia. «“La prova del cuoco” - spiega chef Shady, - rappresenta uno stimolo sempre nuovo per ideare piatti innovativi con i prodotti messi a disposizione dallo staff della trasmissione, un’opportunità per confrontarmi con colleghi di tutta Italia e, ovviamente, un’occasione per far parlare di Arezzo. Questa puntata si colloca proprio all’indomani del mio ritorno da Gerusalemme dove ho insegnato tante ricette ai miei allievi ma dove, allo stesso tempo, sono stato arricchito di nuove conoscenze che potrò riportare ora su RaiUno e nella quotidianità della mia cucina».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Sudafrica a portata di click con ShadyB Lifestyle


Chef Shady porta la cucina maremmana a “La prova del cuoco”


Prima manche e duello: chef Shady si fa in due a “La prova del cuoco”


Una prova del cuoco tutta cortonese tra diciotto aspiranti chef


Le ricette di Chef Shady in gara su RaiUno da Elisa Isoardi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Un posto per tutti” al via il tesseramento 2022 delle Acli

“Un posto per tutti” al via il tesseramento 2022 delle Acli
Le Acli di Arezzo aprono la campagna di tesseramento 2022. “Un posto per tutti” è lo slogan lanciato a livello nazionale e sposato a livello locale per rilanciare l’importanza dell’associazionismo e il valore della cittadinanza attiva che, nella visione aclista, sono intesi come strumenti di ripartenza economica e sociale dall’attuale situazione di emergenza sanitaria. Il tesseramento, al via (continua)

Il Tennis Giotto piazza due colpi in vista dei campionati di B

Il Tennis Giotto piazza due colpi in vista dei campionati di B
Il Tennis Giotto avvia il cammino verso la serie B del 2022. La nuova stagione vedrà il circolo aretino impegnato in ben due campionati di livello nazionale con la prima squadra maschile che militerà per il settimo anno consecutivo in B1 e con la prima squadra femminile che vivrà le emozioni del debutto in B2, con gli incontri che prenderanno per entrambe il via dal 15 maggio. La scelta del T (continua)

La Scuola Basket Arezzo torna in campo nei campionati regionali

La Scuola Basket Arezzo torna in campo nei campionati regionali
La Scuola Basket Arezzo torna in campo nei campionati regionali giovanili. La ripresa delle partite dopo lo stop natalizio era stata posticipata a causa della situazione sanitaria, ma l’attesa sta volgendo al termine: sabato 29 e domenica 30 gennaio sono le date fissate per la ripartenza delle diverse categorie dall’Under13 all’Under19. I cestisti della Sba, dunque, potranno vivere le emozion (continua)

Prevenzione, formazione e controllo per stoppare le morti sul lavoro

Prevenzione, formazione e controllo per stoppare le morti sul lavoro
Prevenzione, formazione e controllo come strumenti per stoppare le morti sul lavoro. Le Acli di Arezzo avanzano l’urgenza di prevedere urgenti interventi finalizzati ad uno sviluppo di una più incisiva cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, attraverso un impegno congiunto tra istituzioni, aziende, associazioni e sindacati. Il decesso avvenuto in Casentino ha riacceso in terra d’Arezzo (continua)

Il Centro di Certomondo ha riattivato i trattamenti per i pazienti adulti

Il Centro di Certomondo ha riattivato i trattamenti per i pazienti adulti
Il Centro Ambulatoriale di Riabilitazione di Certomondo è tornato ad ospitare i trattamenti di pazienti adulti con problematiche neuro-muscolari. La struttura di Ponte a Poppi, gestita dall’Istituto “Madre della Divina Provvidenza” dei Padri Passionisti di Agazzi, ha conosciuto un lungo periodo di stop a causa dell’emergenza sanitaria ma è stata riattivata lo scorso novembre in collaborazion (continua)