Home > Economia e Finanza > Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi

Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La nuova escalation che sta avvenendo riguardo alla guerra commerciale fà ancora fanni allo Yuan. La valuta cinese infatti è scesa fino a un minimo di 10 anni nei confronti del dollaro, e la situazione non sembra essere affatto vicina a una soluzione.

La guerra dei dazi e lo yuan

yuan cineseLa situazione è molto delicata. Da un lato ci sono gli Usa che potrebbero presto varare nuove tariffe che andrebbero a colpire i restanti 257 miliardi di import cinesi non ancora colpiti. Dall'altro c'è la Cina, che potrebbe dimezzare le tasse sulle auto per tenere vivo il mercato, ma anche operare una svolta tramite le autorità di vigilanza. Queste ultime infatti potrebbero garantire la liquidità degli scambi, favorendo piani di riacquisto di azioni proprie (buy-back) e operazioni di fusione e acquisizione per le società quotate. Mosse e contromosse quindi, come quella della People’s Bank of China, che nei giorni scorsi ha ridotto la banda di oscillazione dello yuan.

Questa situazione tesa sta facendo sentire i suoi effetti proprio sulla valuta cinese. Lo yuan (CNY) è infatti sceso ai minimi dal 2008 nei confronti dell’USD, toccando quota 6,9641 e con l'awesome oscillator forex trading che manda ancora segnali di debolezza della valuta cinese. Ormai la coppia di valute è a un passo dal livello 7.00, da fortissimo valore psicologico. Da quando in primavera è cominciata questa battaglia tariffaria, la svalutazione dello yuan è giunta al 10% contro il dollaro.

Consiglio: per fare investimenti su valute occorre anzitutto scegliere un buon broker, Potete consulare la lista broker regolamentati Consob.

Il Vertice

Vista la situazione, non stupisce il fatto che i mercati stiano tutti aspettando con ansia l'esito dei colloqui del 30 novembre fra il presidente Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping. Se dovesse esserci un fallimento, allora scatterà la nuova ondata di dazi USA per un valore totale di $257 miliardi.

Bisogna considerare bene che una situazione del genere non coinvolge certo soltanto Stati Uniti e Cina. Gli effetti infatti si riverserebbero a cascata sull'intera economia globale, cominciando ovviamente da quelle economie (le emergenti) che più di tutte sono già provate dalla lunga crisi. Non è un caso se il Fondo monetario Internazionale ha ammonito proprio riguardo ai rischi che una escalation nella guerra tariffaria potrebbe portare sull'intera crescita economica globale. Nessuno quindi potrebbe sentirsi escluso dalle conseguenze di un inasprimento di questa situazione.

yuan | dazi | awesome oscillator trading | lista broker regolamentati | broker autorizzati consob |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Denaro, flussi in uscita dalla Cina. Pechino pensa ai future sullo yuan sul mercato onshore


Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


Nomenclatura doganale: cosa sono Taric e Tdc


Nomenclatura combinata e tariffe doganali in EU


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valut (continua)

Mercato azionario tedesco, si avvicina la svolta: listino principale a 40 titoli

Deutsche Boerse dovrebbe annunciare i nuovi entranti nell'indice blue-chip venerdì, mentre la variazione diventerà pienamente operativa a partire dal 20 settembre Si avvicina sempre di più il momento della svolta epocale per il mercato azionario tedesco. L'indice principale, il DAX, infatti passerà dagli attuali 30 membri a 40. Questo renderà più “vivace” l'indice stesso, oltre a portare uan ventata di aria nuova sul listino.  Cosa succederà al mercato azionario tedesco Il cambiamento è (continua)

Investitori in commodities attenti all'evoluzione dello scenario sul mercato del rame

Gli analisti di Goldman Sachs continuano a sottolineare i problemi di fornitura che caratterizzeranno il mercato del prossimo anno Il mese di agosto non è stato ricco di soddisfazioni per gli investitori del rame. Il metallo rosso infatti si è mosso ben poco rispetto al livello dei 9500 dollari a tonnellata, intiepidendosi rispetto a qualche settimana prima.Il quadro che si presenta agli investitoriSe guardiamo al lato dell'offerta, non c'è dubbio che la cosa sorprende. Infatti ci sono diversi fattori rialzisti, che giustific (continua)

Investitori, è di nuovo massima allerta sulle prossime mosse della FED

Le due settimane a cavallo di ferragosto dovrebbero essere più blande per gli investitori, anche per via di un calendario economico scarno di eventi. Eppure si trovano di fronte a scenari da svolta, dopo la forte crescita degli occupati Usa (943 mila posti di lavoro in più a luglio) che ha aumentato le chance di tapering a parte della banca centrale americana.I dati macro USA e gli investitoriDi (continua)

Mercato delle valute, dopo il meeting FED la sterlina scatta verso 1,40

Il meeting della Federal Reserve non riguardava soltanto gli USA, ma ha avuto impatto sull'intero sistema finanziario globale. E chiaramente ha avuto anche delle ripercussioni sul mercato delle valute. Dove la sterlina corre, tanto da arrivare ai massimi di oltre un mese rispetto al biglietto verde.Dollaro, sterlina e mercato delle valuteIl cambio GBP/USD infatti è cresciuto dopo la riunione del F (continua)