Home > Economia e Finanza > Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi

Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

La nuova escalation che sta avvenendo riguardo alla guerra commerciale fà ancora fanni allo Yuan. La valuta cinese infatti è scesa fino a un minimo di 10 anni nei confronti del dollaro, e la situazione non sembra essere affatto vicina a una soluzione.

La guerra dei dazi e lo yuan

yuan cineseLa situazione è molto delicata. Da un lato ci sono gli Usa che potrebbero presto varare nuove tariffe che andrebbero a colpire i restanti 257 miliardi di import cinesi non ancora colpiti. Dall'altro c'è la Cina, che potrebbe dimezzare le tasse sulle auto per tenere vivo il mercato, ma anche operare una svolta tramite le autorità di vigilanza. Queste ultime infatti potrebbero garantire la liquidità degli scambi, favorendo piani di riacquisto di azioni proprie (buy-back) e operazioni di fusione e acquisizione per le società quotate. Mosse e contromosse quindi, come quella della People’s Bank of China, che nei giorni scorsi ha ridotto la banda di oscillazione dello yuan.

Questa situazione tesa sta facendo sentire i suoi effetti proprio sulla valuta cinese. Lo yuan (CNY) è infatti sceso ai minimi dal 2008 nei confronti dell’USD, toccando quota 6,9641 e con l'awesome oscillator forex trading che manda ancora segnali di debolezza della valuta cinese. Ormai la coppia di valute è a un passo dal livello 7.00, da fortissimo valore psicologico. Da quando in primavera è cominciata questa battaglia tariffaria, la svalutazione dello yuan è giunta al 10% contro il dollaro.

Consiglio: per fare investimenti su valute occorre anzitutto scegliere un buon broker, Potete consulare la lista broker regolamentati Consob.

Il Vertice

Vista la situazione, non stupisce il fatto che i mercati stiano tutti aspettando con ansia l'esito dei colloqui del 30 novembre fra il presidente Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping. Se dovesse esserci un fallimento, allora scatterà la nuova ondata di dazi USA per un valore totale di $257 miliardi.

Bisogna considerare bene che una situazione del genere non coinvolge certo soltanto Stati Uniti e Cina. Gli effetti infatti si riverserebbero a cascata sull'intera economia globale, cominciando ovviamente da quelle economie (le emergenti) che più di tutte sono già provate dalla lunga crisi. Non è un caso se il Fondo monetario Internazionale ha ammonito proprio riguardo ai rischi che una escalation nella guerra tariffaria potrebbe portare sull'intera crescita economica globale. Nessuno quindi potrebbe sentirsi escluso dalle conseguenze di un inasprimento di questa situazione.

yuan | dazi | awesome oscillator trading | lista broker regolamentati | broker autorizzati consob |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino


Yuan in ripresa contro il dollaro. Occhio ai dati macro in arrivo


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


Nomenclatura doganale: cosa sono Taric e Tdc


Jaway Stainless steel prices help boost company performance


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Prezzo del grano in volo (+6%) e la Russia deve fermare le esportazioni

Continua a marciare spedito il prezzo del grano, che nell'ultima settimana è schizzato di oltre il 6%. Un incremento che è diretta conseguenza del Covid-19. Infatti la diffusione della pandemia se da un lato ha scosso i mercati finanziari e azionari, dall'altra ha dato una spinta fortissima a quello dei beni di prima necessità, soprattutto i prodotti agricoli. La spinta al pr (continua)

Borse Europee toniche, la settimana si chiude con un altro rialzo

Le mosse dei governi e delle Banche centrali hanno dato un po' di respiro alle Borse europee, mentre Wall Street chiude con un bilancio pesante l'ultima seduta della settimana, complice il nuovo capitombolo del petrolio e le misure restrittive adottate a New York. L'andamento delle Borse Europee L'Europa ha vissuto un venerdì all'insegna degli acquisti, grazie allo stimolo della Bce che h (continua)

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse
Arriva come una stoccata improvvisa la decisione della FED di tagliare il costo del denaro di 50 punti base. Powell ruba così la scena ai ministri del G7 con l'annuncio di una manovra accomodante, decisa all'unanimità dal board dell'istituto centrale americano. La Fed e il costo del denaro Quello che scuote i mercati non è tanto il taglio in sé, che porta il costo del (continua)

Prezzi dell'oro ancora sostenuti, domina la scena ancora il Coronavirus

I compratori spingono ancora il prezzo dell'oro, che ha toccato il livello più alto da due mesi a questa parte e non accenna a lasciare quota 1550 dollari l'oncia. Il virus e i prezzo dell'oro Mercoledì gli entusiasmi dei mercati sono stati congelati dall'Organizzazione mondiale della sanità, che ha minimizzato le notizie riguardo alla scoperta di nuove cure per le persone i (continua)

Rublo sempre più forte, toccati i massimi da aprile 2018 sul dollaro

L'anno è cominciato benissimo per il rublo russo, che aveva anche concluso bene il 2019, durante il quale aveva segnato un +10,5%. A premiare la moneta di Mosca è stato soprattutto l’andamento delle quotazioni del Brent, che ha beneficiato del clima di tensione tra USA e Iran. Ma un sostegno è arrivato anche dall'impennata dell'oro, metallo prezioso custodito in grandi (continua)