Home > Cibo e Alimentazione > I Principi Carlo e Camilla di Borbone all’Archivio Storico per il ventesimo anniversario di matrimonio

I Principi Carlo e Camilla di Borbone all’Archivio Storico per il ventesimo anniversario di matrimonio

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

I Principi Carlo e Camilla di Borbone all’Archivio Storico per il ventesimo anniversario di matrimonio


 Principi Carlo e Camilla di Borbone hanno festeggiato a Napoli il loro ventesimo anniversario di matrimonio e i 25 anni del Movimento Neoborbonico. 

Il Principe Carlo di Borbone, Capo della Casa Reale Borbone Due Sicilie, con la moglie Camilla e le figlie Maria Carolina e Maria Chiara, con la Principessa Beatrice, hanno condiviso parte di questi festeggiamenti con parenti, amici e rappresentanti del Movimento presso l’ “Archivio Storico”, locale napoletano che omaggia la cultura borbonica in ogni suo angolo: le sale principali sono dedicate ai Re Borbone delle Due Sicilie Carlo, Ferdinando I, Francesco I, Ferdinando II  e Francesco II (con le rispettive Regine) ed all’ultimo pretendente al trono, l’erede legittimo, Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone, Duca di Castro e Gran Maestro di tutti gli Ordini Dinastici. Così sabato 3 novembre tra un brindisi, una chiacchiera e qualche foto, i Principi – che hanno particolarmente appezzato il progetto ristorativo di Luca Iannuzzi, che oltre ad essere il patron del’Archivio Storico è anche Cavaliere di Merito del Sacro Militare ordine costantiniano di San Giorgio – hanno degustato e apprezzato anche alcuni piatti proposti nel menù del ristorante. Da  più di un anno, infatti, il locale divulga un patrimonio culinario che Luca Iannuzzi ha riscoperto indagando nei testi dell’epoca e riproposto con l’ausilio di professionisti del gusto del calibro di Pasquale Palamaro, chef stellato che ha firmato il nuovo menù “borbonico” dell’Archivio.



Domenica 4 novembre le Loro Altezze Reali si sono recate presso la Chiesa di San Ferdinando per visitare il "presepe degli artisti" in cui è stata collocata una nuova statuina raffigurante l'ultimo re Napoli, Francesco II di Borbone. La famiglia reale ha poi preso parte alla Santa Messa per la festività di San Carlo, festa onomastica del Principe e della figlia, Principessa ereditaria, presso la Basilica di San Francesco di Paola in piazza del Plebiscito a cura della delegazione campana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. Questa cerimonia è significativamente legata alla storia di Napoli ed è l’emblema del profondo rapporto tra le tradizioni religiose, il popolo napoletano e la dinastia che fece grandi la Città e il Sud. La festa onomastica del Re e dei suoi familiari era celebrata con devozione autentica, affetto e partecipazione così come l'allestimento del presepe era un rito che dai Borbone in poi diventò una grande e diffusa tradizione artistica e culturale ancora oggi vivissima.

 

Ph. Paola Tufo  

napoli | principessa | principe | food | cibo | archivio | borbone | vomero | città | ristorante | locale | piatti | cucina | tavola |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come organizzare un matrimonio in Italia


Cucina Borbonica “di classe” e menu borbonico all’Archivio Storico di Napoli con lo chef stellato Palamaro


Melamina, la rivoluzione sostenibile nel mondo del taleware


Consigli Per Chi Vive All'Estero Per Organizzare un Matrimonio in Italia


Foto divertenti di matrimonio: quando scegliere un fotografo professionista


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Nei nostri sogni", il libro di Antonella Capobianco sarà presentato a Piazza Dante a Napoli


“Nei nostri sogni”, il libro dell’esordiente Antonella Capobianco, che affronta tematiche sociali come omofobia e coming out familiari attraverso una vicenda soprannaturale, sarà presentato mercoledì 7 luglio, ore 18.30, in Piazza Dante presso il caffè bistrot letterario “Il Tempo del Vino e delle Rose. "Che stupidi che siamo: quanti inviti respinti, quante parole non dette, quanti sguardi non ricambiati. Tante volte la vita ci passa accanto e noi non ce ne accorgiamo nemmeno". Il discorso che Stefano Accorsi ci regalava 20 anni fa nel bel film di Ferzan Ozpetek, “Le fate ignoranti”, si presta bene a raccontare la vicenda di Emma, protagonista del libro di Antonella Capob (continua)

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv
Cesira, Filumena, Adelina, Manuela, Olimpia, Cersei, Elizabeth e Dany (Daenerys): la festa della mamma più dolce e cinefila va in scena ai Quartieri Spagnoli di Napoli Anche quest'anno la pasticceria Seccia ai Quartieri Spagnoli, storico locale di via Concordia a Montecalvario a Napoli, ha realizzato per la festa della mamma, domenica 9 maggio, una linea di nove torte dai nomi insoliti, ispirati alle madri famose delle serie tv, del cinema e persino a quelle della classicità.Sono nati così in laboratorio la millefoglie e il pan di Spagna "Olimpia", le Chant (continua)

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia
La Pasticceria Seccia, fiore all'occhiello dei Quartieri Spagnoli e da sempre legata al tifo e all'amore per il pibe de oro, lancia nell'ultima domenica di novembre una mignon dedicata alla memoria del compianto Diego Armando Maradona: un bignè craquelin panna e caramello da condividere sui social con l'hashtag #elpibe. La notizia della scomparsa di Diego Armando Maradona ha lasciato tutti sgomenti a Napoli, seconda casa del Pibe de Oro, e le manifestazioni d'affetto che stiamo vedendo in questi giorni ne sono la prova tangibile. Se allo Stadio San Paolo, che presto cambierà nome in suo onore a quanto pare, l’abbraccio di tifosi e appassionati è stato forse il più pittoresco e degno di una rockstar, con le candel (continua)

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)