Home > Lavoro e Formazione > Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

articolo pubblicato da: claudiamarchi | segnala un abuso

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

 

Chi lavora nel settore è consapevole che ottenere una lavorazione perfetta per le lamiere non è affatto semplice. Se da un lato la tecnologia ha fatto passi da giganti, dall’altro non tutte le realtà sono già formate riguardo all’utilizzo dei macchinari di ultima generazione. Per questo motivo, è importante conoscere i metodi più innovativi e imparare come eseguire il fattore K e il calcolo di sviluppo lamiera.

Fattore K

Il fattore K si può definire come il rapporto tra la distanza dell’interno della piega e il piano neutro e lo spessore totale del pezzo. Tutto chiaro? Ovvio che no. Occorre infatti definire il piano neutro per comprenderla meglio.

Il piano neutro è una zona che non si accorcia e non si allunga, ma rimane pressoché fissa. Tendenzialmente, si considera che il piano neutro sia più o meno un terzo dello spessore della lamiera, a partire dall’interno.

Per il calcolo dello sviluppo di una lamiera occorre quindi realizzare un sistema che ci consenta di trovare il fattore K. La formula generale è questa:

K(doppio) = log(ri/s) x 0,5+0.65

Con questo calcolo si ottiene il doppio del valore del fattore K, per cui il risultato andrà poi diviso per due. Vista la delicatezza del calcolo, non è affatto consigliabile effettuarlo a mano. Vi consigliamo quindi di utilizzare alcuni software pensati per aiutare i tecnici nel loro lavoro: noi vi permettiamo di consigliarvi LogiTrace, uno dei sistemi più apprezzati da chi opera nel settore.

Arrivati a questo punto e compreso cosa sia il fattore K, è giusto chiedersi perché sia importante conoscere questo dato. Il motivo è riconducibile al fatto che l’acciaio è un materiale più facile da stirare che da comprimere: per questa ragione, una volta individuato il fattore K, sarà molto più facile modellare la lamiera a nostro piacimento. Una soluzione per niente difficile che consentirà a chi opera nel settore di rendere numerosi procedimenti aziendali molto più rapidi ed efficaci.

Nel settore della lavorazione lamiera è quindi importante scegliere un’azienda affidabile e aperta all’introduzione di nuove tecnologie che possano migliorare e velocizzare i processi. Noi vi consigliamo di rivolgervi a professionisti comprovati come Tecnomeccanica Fidenza, azienda leader nel campo della lavorazione acciai a Parma e provincia. La trentennale presenza sul mercato dell’azienda le ha permesso di collocarsi tra le principali aziende che si occupano del trattamento di acciai speciali bonificati ad alto limite elastico Strenx / Weldox ed acciai antiusura Hardox.

lamiera | lavorazione lamiera | acciaio | lavorazione acciaio | fattore K |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lavorazione acciaio: modalità e utilizzo della piegatura lamiera


Piegatura lamiera: i 5 metodi più utilizzati


Inferriate di sicurezza: solidità e bellezza di grate per porte e finestre per sentirsi più sicuri.


Dal 14 al 17 maggio 2014 Bologna ospita la nuova edizione della fiera Lamiera


Lamiera forata: come un prodotto semplice sa reinventarsi continuamente sfidando i cambiamenti delle diverse epoche


Lavorazione lamiera: guida alla scelta dei macchinari


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Taglio al plasma: cosa c’è da sapere

Taglio al plasma: cosa c’è da sapere
Con il termine di “taglio al plasma” parliamo di un processo siderurgico con il quale si apportano migliorie a metalli di diverso tipo, tra cui l’acciaio.   Come funziona il taglio al plasma L’operazione del taglio al plasma viene effettuata grazie all’impiego di uno strumento detto torcia al plasma. Tramite questa un gas fuoriesce ad alta velocità da u (continua)

Come rendere il tuo brand cosmetico più competitivo

Come rendere il tuo brand cosmetico più competitivo
  Ogni persona è unica: pensa a modo suo, segue le proprie idee, ha i propri bisogni personali. Spesso è difficile trovare un prodotto o una linea di prodotti in grado di dare ciò di cui hai veramente bisogno e che riesca a risolvere un problema specifico. Girovagando per negozi o navigando su Internet, ti sarà sicuramente capitato di trovare un marchio che si ad (continua)

Stampanti 3D: come funzionano?

Stampanti 3D: come funzionano?
Il funzionamento alla base della stampa 3D Diffuse soprattutto per la loro facilità d’uso, le stampanti 3D basano il loro funzionamento su di un estrusore, che prende il posto della testina tipica della stampa 2D. A differenza di quest’ultima che utilizza l’inchiostro, l’estrusore impiega i polimeri del materiale scelto, ma si muove allo stesso modo della testina si (continua)

Compressori: come sono fatti e a cosa servono?

 A chi di noi non è capitato almeno una volta di avere bisogno di un compressore? Stiamo parlando di uno strumento versatile utilizzato tanto in ambiente domestico quanto industriale per lavorazioni meccaniche e di manutenzione. Vediamo più nel dettaglio quali elementi costituiscono i compressori e quali attività svolgono.   Gli elementi che costituiscono i compres (continua)

Impianto di condizionamento guasto in zona Milano? Ci pensa Condimax!

Impianto di condizionamento guasto in zona Milano? Ci pensa Condimax!
  Sei rientrato al lavoro e l’impianto di climatizzazione dell’ufficio ha smesso di funzionare? Niente panico, chiama Condimax Impianti!   Dopo due settimane di ferie sei rientrato in ufficio e hai scoperto, con sommo dispiacere, che l’impianto di climatizzazione ha smesso di funzionare. Capisco giustamente la tua angoscia: come farai a lavorare degnamente con questo (continua)