Home > Lavoro e Formazione > Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera


 

Chi lavora nel settore è consapevole che ottenere una lavorazione perfetta per le lamiere non è affatto semplice. Se da un lato la tecnologia ha fatto passi da giganti, dall’altro non tutte le realtà sono già formate riguardo all’utilizzo dei macchinari di ultima generazione. Per questo motivo, è importante conoscere i metodi più innovativi e imparare come eseguire il fattore K e il calcolo di sviluppo lamiera.

Fattore K

Il fattore K si può definire come il rapporto tra la distanza dell’interno della piega e il piano neutro e lo spessore totale del pezzo. Tutto chiaro? Ovvio che no. Occorre infatti definire il piano neutro per comprenderla meglio.

Il piano neutro è una zona che non si accorcia e non si allunga, ma rimane pressoché fissa. Tendenzialmente, si considera che il piano neutro sia più o meno un terzo dello spessore della lamiera, a partire dall’interno.

Per il calcolo dello sviluppo di una lamiera occorre quindi realizzare un sistema che ci consenta di trovare il fattore K. La formula generale è questa:

K(doppio) = log(ri/s) x 0,5+0.65

Con questo calcolo si ottiene il doppio del valore del fattore K, per cui il risultato andrà poi diviso per due. Vista la delicatezza del calcolo, non è affatto consigliabile effettuarlo a mano. Vi consigliamo quindi di utilizzare alcuni software pensati per aiutare i tecnici nel loro lavoro: noi vi permettiamo di consigliarvi LogiTrace, uno dei sistemi più apprezzati da chi opera nel settore.

Arrivati a questo punto e compreso cosa sia il fattore K, è giusto chiedersi perché sia importante conoscere questo dato. Il motivo è riconducibile al fatto che l’acciaio è un materiale più facile da stirare che da comprimere: per questa ragione, una volta individuato il fattore K, sarà molto più facile modellare la lamiera a nostro piacimento. Una soluzione per niente difficile che consentirà a chi opera nel settore di rendere numerosi procedimenti aziendali molto più rapidi ed efficaci.

Nel settore della lavorazione lamiera è quindi importante scegliere un’azienda affidabile e aperta all’introduzione di nuove tecnologie che possano migliorare e velocizzare i processi. Noi vi consigliamo di rivolgervi a professionisti comprovati come Tecnomeccanica Fidenza, azienda leader nel campo della lavorazione acciai a Parma e provincia. La trentennale presenza sul mercato dell’azienda le ha permesso di collocarsi tra le principali aziende che si occupano del trattamento di acciai speciali bonificati ad alto limite elastico Strenx / Weldox ed acciai antiusura Hardox.

lamiera | lavorazione lamiera | acciaio | lavorazione acciaio | fattore K |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Moby Spa: a Canton il taglio della lamiera per la nuova “Moby Fantasy”


Lavorazione lamiera: tutto quello che devi sapere


Le Diverse Tipologie di Piega Lamiera


Lavorazione acciaio: modalità e utilizzo della piegatura lamiera


La piegatura della lamiera


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Composizione e impiego degli acciai speciali

Gli acciai speciali, altrimenti definiti acciai legati, contengono, oltre al ferro e al carbonio, altri elementi chimici in percentuale tale da conferire al prodotto proprietà particolari. Solitamente gli elementi aggiunti sono: nichel, cromo, molibdeno, silicio, rame, piombo, manganese, tungsteno, ecc. Questi elementi speciali aggiunti negli acciai, oltre a produrre variazioni di caratteristiche e proprietà, determinano lo spostamento dei punti critici, un ritardo dell’inizio della trasformazione e l’aumento della durata della trasformazione.A seconda della lega, un impiego (continua)

L’importanza della piegatura nella lavorazione della lamiera

Cos’è una lamiera? Il termine “lamiera” identifica una placca metallica (di acciaio, rame, ottone o alluminio) derivata dalla trasformazione di bramme, ovvero prodotti semilavorati siderurgici a sezione rettangolare, e sono ottenute attraverso una colata continua di metallo allo stato liquido. A seconda della funzione a cui viene destinata tale lastra, le sue caratteristiche possono ess (continua)

Le tecniche di smussatura per un lavoro impeccabile

La smussatura è una delle lavorazioni meccaniche che serve per preparare i metalli alla saldatura. Si tratta, in particolare di quell’operazione di preparazione degli angoli, che fornisce loro una particolare forma adatta ad accogliere al meglio il procedimento della saldatura.Gli strumenti da utilizzare Per effettuare questa lavorazione vengono utilizzate le smussatrici, ovvero macchine ideate per eseguire smussi o cianfrini per mezzo di frese. A influire sulla scelta di tale (continua)

Tutto sull’acciaio antiusura: caratteristiche e applicazioni

Scegliere la giusta lamiera antiusura è importante: incrementa la performance e la produttività di attrezzature e componenti. Le qualità degli acciai antiusuraAffidarsi all’utilizzo di acciai speciali permette di ottenere prodotti finiti in grado di far fronte a importanti sollecitazioni, riducendo eventuali problematiche da consumo. Questa tipologia di acciai speciali resiste infatti alle sollecitazioni dell’usura e degli sfregamenti con durezze decisamente superiori ai normali acciai da costruzione, anche in (continua)

Taglio delle lamiere: funzionamento e vantaggi del taglio al plasma

Una delle procedure più vantaggiose ed efficiente per tagliare con facilità qualunque tipo di lamiera è il taglio al plasma. Ma come funziona e perché conviene? Procedimento per effettuare il taglio Ossitaglio, taglio a getto d'acqua, plasma, laser sono solo alcune delle tecniche che possono essere impiegate per tagliare diversi tipi di lamiere. La tecnologia più diffusa nel mondo dell’industria e di cui ti parleremo oggi è quella del taglio al laser, un procedimento brevettato nel 1995 da Robert Gage per la Union Carbide.  Basandosi su (continua)