Home > Cultura > La campagna di Gioventù per i Diritti Umani è stata adottata dall’Università Pubblica del Guatemala

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani è stata adottata dall’Università Pubblica del Guatemala

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani è stata adottata dall’Università Pubblica del Guatemala


Tutto iniziò quando Cynthia Maria Guerra, allora Direttrice della Promozione ed dell’Educazione per il Difensore Civico dei Diritti Umani in Guatemala, stava cercando una soluzione al problema della violazione dei diritti umani che affligge la sua nazione. Tra gli abusi vi sono le violenze e le estorsioni da parte delle organizzazioni criminali, la persecuzione dei giornalisti e dei difensori dei diritti umani, la discriminazione contro la popolazione indigena e il maltrattamento delle donne.

"La violenza è ovunque. A quanto pare è il modo di risolvere tutto qui", afferma Guerra. "Quando cominciai a collaborare con l'Ufficio del Difensore Civico per i Diritti Umani, ho visto come l'educazione ai diritti umani sia un diritto in sé".

Guerra ha scoperto Gioventù per i Diritti Umani quando il Difensore civico le consegnò il libretto “Cosa sono i Diritti Umani?”, il che portò ad una partnership tra l'Ufficio del Difensore Civico e Gioventù per i Diritti Umani. Gli istruttori di Gioventù per i Diritti Umani hanno tenuto corsi a 400 educatori del Guatemala, un programma di 80 ore composto da informazioni sui diritti umani in generale, sui diritti specifici degli indigeni, i diritti delle donne e altri argomenti correlati. I 400 insegnanti hanno poi continuato il programma addestrando altri insegnanti. Inoltre una partnership con l'università ha portato alla formazione di ulteriori 1.300 insegnanti.

Una volta completato il suo mandato nell'ufficio del Difensore civico, Guerra non poteva semplicemente voltare pagina e andarsene: è diventata la direttrice di Gioventù per i Diritti Umani in Guatemala. "Non avevo voglia di tornare ai miei affari privati. Ho dovuto continuare la mia missione, cioè creare una cultura dei diritti umani in Guatemala", ha detto. "Più persone riusciranno a capire quali siano realmente i diritti umani, più possibilità avremo di stabilizzare questa cultura, non una cultura della discriminazione, non una cultura dell’abuso di potere, non una cultura della corruzione".

Il programma di Gioventù per i Diritti Umani è stato adottato dalla Commissione Generale per lo Studio dei Diritti Umani all'Università di San Carlos, l'unica università pubblica nazionale del Guatemala. Il decano dell'università, che conta 153.000 studenti, ha annunciato che il 2018 sarà l’Anno dell'Educazione ai Diritti Umani. Guerra ha dichiarato che: "Vogliamo utilizzare questa opportunità e far sì che un sacco di persone seguano il corso online di Gioventù per i Diritti Umani. Vogliamo che studenti del Guatemala si uniscano a noi come volontari e che siano anche delegati al Summit che si terrà a New York ". Avendo già educato più di 30.000 alla cultura dei diritti umani, Guerra è determinata a realizzare i sogni che coltiva per il Guatemala. "L'educazione per me, come ha detto Nelson Mandela, è l'arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo."

“Gioventù per i Diritti Umani” è un programma sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. È attiva a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani | Guatemala |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Perché un tossicodipendente non ascolta

Perché un tossicodipendente non ascolta
Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate? La principale arma che si ha per far sì che un tossicodipendente accetti di essere aiutato è la comunicazione, o meglio “vera comunicazione”. Tutto ciò che include accuse, imposizioni, ricatti, recriminazioni, aggressività, sarcasmo, ironia, frecciatine, mancate risposte, afflizione, mutismo, ecc. non è vera comunicazione! Sarà solo uno scontro che avrà come unico effetto far allontanare la p (continua)

Perché le droghe sono chiamate “sostanze stupefacenti”?

Perché le droghe sono chiamate “sostanze stupefacenti”?
Non si tratta affatto di sostanze incredibili o meravigliose… la parola stupefacente viene dal latino e ha tutt’altro significato. Come tante parole italiane, “stupefacente” ha più di un significato. “Sono stato al cinema, gli effetti speciali del film erano stupefacenti!” Questo è il più comune, ma ce n’è un altro: Stupefacente viene dal Latino: STUPOR = stordimento, intontimento, FACENTE = che rende in un certo modo Stupefacente significa quindi «che rende stupido». Le droghe rendono le persone stupide. Chi ha (continua)

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi
La droga costa, dà dipendenza e assuefazione, ce ne vuole sempre di più. Ecco che il tossicodipendente chiede i soldi alla famiglia. Che fare? Quando il bisogno di droga diventa pressante, si ha bisogno di tanti soldi. Alcuni tossicodipendenti chiedono i soldi a genitori o parenti, altri rubano in casa. Finanziare» un tossicodipendente equivale ad aiutarlo a distruggersi, diventando complice della sua corsa verso il declino fisico e mentale, o peggio della sua morte. Ecco alcuni consigli su come comportarsi:1.   &nb (continua)

Rave ed Ecstasy, un binomio inscindibile

Rave ed Ecstasy, un binomio inscindibile
I Rave (raduni musicali semiclandestini con musica ossessiva) sono caratterizzati da trasgressione e droga, la più comune è l’Ecstasy. È noto che la droga circola nelle discoteche di tutto il mondo, ma la grande maggioranza dei ragazzi che le frequentano se ne tengono alla larga e si limitano al bicchierino incluso nel biglietto. La scena cambia radicalmente nei “Rave”: grandi raduni, spesso clandestini, in spazi aperti o capannoni abbandonati, a base di musica a volume esagerato e ritmo ossessivo. Nei rave la quasi totalità (continua)

Mischiare alcol e droghe è una pessima idea

Mischiare alcol e droghe è una pessima idea
Già abusare di alcol è assai pericoloso, già le droghe distruggono il corpo e la mente… ma la loro combinazione è micidiale, spesso imprevedibile e a volte letale. L’alcol è legale e spesso non viene percepito come droga. L’uso normale e lecito che moltissimi ne fanno, in piccole dosi e a scopo ricreativo e sociale, porta a pensare che un po’ di più non faccia chissà quanto male. Se poi si aggiunge all’alcol qualche altra sostanza stupefacente… ci si trova a sperimentare una vera e propria roulette russa all’interno del corpo e della mente. ALCOL + C (continua)