Home > Cibo e Alimentazione > La Fattoria degli Esposti presenta lo street food “Varchetella”, la tradizione si fa gourmet ai decumani

La Fattoria degli Esposti presenta lo street food “Varchetella”, la tradizione si fa gourmet ai decumani

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

La Fattoria degli Esposti presenta lo street food “Varchetella”, la tradizione si fa gourmet ai decumani


La Fattoria degli Esposti, in via dei Tribunali 57, Napoli, è un Panificio e Tarallificio di alta qualità, dove Maurizio Esposito e Fabiana Noviello, marito e moglie trasmettono nel lavoro quotidiano, tutta l’armonia professionale, che si trasforma in deliziosi manicaretti della tradizione partenopea con lievitazione naturale. Fondamentale il lievito madre, dai grandi risultati, soprattutto per le pizze, con una variegata scelta: patate, pomodorini, scarola, peperoni ecc, la tradizionale pizza rustica o le deliziose graffe, oltre all’assortimento di prodotti secchi, come i taralli ‘nzogna e pepe” (taralli sugna e pepe)", i roccocò, i taralli dolci nasprati al gusto pistacchio, limone, cacao e peperoncino, i biscotti  con cioccolato, i deliziosi arrotale e vinnele (arrotolali e vendili).

 

Un percorso di qualità che conduce alle ricette ideate da Maurizio Esposito, come la nuovissima “Varchetella”, che racchiude in un impasto semplice e genuino lievitato naturalmente una farcitura di fonduta alla birra con polpette e taralli sbriciolati, declinata poi in altre cinque varianti per assecondare tutti i gusti: con pasta e patate, soffritto napoletano, salsicce e friarielli, fagioli alla messicana e fagioli e scarole. Sopra due vele di pane oltre a guarnire la Varchetella, aiutano anche nella degustazione, in packaging adeguato e una forchettina rigorosamente in legno.

 

Una ricetta nuova, che prende spunto dalla tradizione, ma riesce ad essere innovativa, assecondando la curiosità del gusto in continua evoluzione. Soprattutto, il ruolo del "lievito madre", detto anche lievito naturale o pasta acida, che richiede pazienza, tempo, ed esperienza e dove spesso sono necessari più tentativi per ottenere un buon risultato; va "accudito", rinfrescato e controllato. Ma la differenza è sostanziale, infatti il pane fatto con il lievito madre anziché con il lievito di birra ha diversi pregi: migliori caratteristiche organolettiche e sviluppo del prodotto, maggiore digeribilità e conservabilità.  E qui l’esperienza di Maurizio Esposito, fondatore del panificio, la fa da padrona, infatti dopo aver lavorato nei più grandi panifici di Napoli, insieme alla moglie Fabiana, decide di aprire il panificio e tarallificio Fattoria degli Esposti. Prima solo laboratorio e forno per il pane adesso anche negozio aperto al pubblico take away, ma anche con saletta di degustazione, dove assaporare la produzione di taralli, dolci, biscotti, torte, pagnottiello Napoletano ed altre bontà. L’attaccamento alla genuinità dei prodotti in tutta la produzione, ha fatto della fattoria degli Esposti, un punto di riferimento, ed una tappa dove gustare la tradizione napoletana, soprattutto per i tanti turisti assetati di napoletanità che passano in via dei Tribunali. Ancora oggi, è un lavoro lento e di pazienza, il pane, i taralli e le pizze sono frutto di un procedimento di qualità ed i sapori finali sono sempre quelli di una realizzazione artigianale, di chi ha scelto come filosofia aziendale di lavorare sempre con prodotti sani.

food | cibo | napoli | città | gourmet | tradizione | cibo | taralli | pastificio | tarallificio | centro storico | street food |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


Fera energie rinnovabili: La Fattoria Eolica di Santa Luce compie due anni


Purina gourmet per gatti


Food Delivery Management: Arriva Deliverart, il channel manager per i ristoratori


Gatti e gourmet


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma
La Festa della Mamma non ha un dolce simbolo, come il panettone a Natale o la colomba a Pasqua. Perciò Gennaro Volpe, pluripremiato Maestro della storica pasticceria "Volpe" ubicata ai Colli Aminei (Napoli), ha proposto la "Zeppola di San Giuseppe" - già dolce simbolo della Festa del Papà - anche come emblema dei festeggiamenti legati alla Festa della Mamma. Perchè un dolc (continua)

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma
Il covid 19 avrà pure sacrificato la festa del papà e il consueto assaggio delle zeppole di San Giuseppe a marzo, ma non la festa della mamma in questa fase due appena iniziata in Italia. La tradizione vuole che la seconda domenica di maggio, mese mariano, si festeggino le mamme nel nostro paese e non può mancare perciò domenica 10 maggio una torta ad hoc, pensata per l’occasione. Seguendo se (continua)