Home > Eventi e Fiere > GERMANIA, UNA RESPONSABILITÀ PERENNE: INCONTRO DI PAROLA AL MARTE DI CAVA DEI TIRRENI

GERMANIA, UNA RESPONSABILITÀ PERENNE: INCONTRO DI PAROLA AL MARTE DI CAVA DEI TIRRENI

scritto da: Silviadecesare | segnala un abuso

GERMANIA, UNA RESPONSABILITÀ PERENNE: INCONTRO DI PAROLA AL MARTE DI CAVA DEI TIRRENI


Dopo il vernissage di domenica scorso prendono forma gli eventi che ruotano intorno a L’esclusione del Diverso. Le leggi razziali ottanta anni dopo", la mostra organizzata dall’ Associazione Culturale “C’è Cultura su Marte” in programma da novembre 2018 a gennaio 2019 al Marte – Mediateca Arte Eventi di Cava dei Tirreni.

Giovedì 22 novembre (alle 19) il primo dei tre incontri di parola”, happening moderati dal dottor Giuseppe Scognamiglio (direttore di Eastwest, rivista di geopolitica) nel corso dei quali verrà affrontato il tema portante dell’evento. Si discuterà sull’argomento: “Germania, una responsabilità perenne”. Interverranno anche Beatrice Benocci (Unisa), Danilo Taino (Corriere della Sera).

«Quando si parla di Germania la prima cosa che ci viene in mente è il suo passato di guerra, le leggi razziali e i campi di concentramento – anticipa la docente Benocci - ma è opportuno chiedersi se questo grande paese, oggi una potenza economica e politica riconosciuta a livello globale, ha fatto i “conti” con la guerra e le sue conseguenze. E se lo ha fatto, occorre ancora chiedersi in che modo le diverse generazioni tedesche hanno affrontata la triste pagina della Shoah».

LA MOSTRA L’esposizione iconografica si distingue in due sezioni, la prima: “A lezione di razzismo. Scuola e libri durante la persecuzione antisemita (1938 – 1943)”, a cura di Pamela Giorgi e Giovanna Lambroni, con la collaborazione di Dora Liscia BemporadIrene Zoppi.

Durante il fascismo, i temi dell’appartenenza etnica e del culto della razza furono veicolati in vari modi, tra i quali il rigoroso intervento sulla scuola, sull’editoria scolastica, sulla letteratura giovanile d’evasione e su un genere molto amato dalle giovani generazioni: il fumetto. Educatori, scrittori, artisti e illustratori, in molti contribuirono a diffondere il seme del razzismo, traducendo in linguaggio pedagogico e in figure accattivanti temi e atteggiamenti in cui la diffidenza pregiudiziale verso l’altro contribuiva alla realizzazione di un progetto educativo di creazione del “noi”.

All’interno del percorso espositivo, l’Archivio storico di Indire ha messo a disposizione il suo patrimonio documentario fatto di quaderni, materiali didattici, libri e fotografie che delineano i processi formativi con i quali si tentò di costruire il nuovo “uomo fascista”, attraverso la creazione del nemico interno, l’esclusione dei diversi, il mito della razza e della “pura stirpe italica”. La mostra intende portare alla luce anche alcuni aspetti spesso poco considerati, relativi all’applicazione delle leggi razziali del 1938 nella scuola fascista; tra i documenti figurano anche quaderni e album di piccoli studenti ebrei alla vigilia delle leggi razziali.

Ad essa è affiancata la seconda sezione dal titolo “Una storia diversa” dedicata al territorio campano ed al Museo della Memoria “Giovanni Palatucci” di Campagna, luogo in cui in quegli stessi anni furono istituiti due campi di reclusione per ebrei provenienti dal Nord Italia e che hanno visto come protagonisti i cugini Giovanni e Giuseppe Maria Palatucci, rispettivamente funzionario della Polizia a Fiume e Arcivescovo di Campagna. In mostra documenti, pannelli e materiale video riferiti all’unico museo della memoria in Campania e provenienti anche dall’Archivio di Stato di Salerno.

L’esclusione del Diverso è organizzato dall'Associazione Culturale C'è Cultura su Marte, in collaborazione con Marte Mediateca Arte Eventi di Cava de’ Tirreni, con il contributo di INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa) e Biblioteca Marucelliana (MIBAC) di Firenze, Fondazione Ambron Castiglioni, Museo Ebraico di Bologna, Archivio di Stato di Salerno (MIBAC), Museo della Memoria e della Pace - Centro Studi "Giovanni Palatucci" di Campagna, Associazione Fuori Tempo - Teatro Luca Barba, Musiké, Compagnia dell'Eclissi di Salerno, Arcoscenico - La Bottega della Ribalta, Eastwest - Rivista di Geopolitica, Liceo Artistico Sabatini-Menna; con il patrocinio di Regione Campania, Provincia di Salerno e Comune di Cava de’ Tirreni. L’evento è stato reso possibile grazie al sostegno di: TransItalia, Easy Tech, Del Priore, Banca Sella, V&G Costruzioni Srl, Cava Cuscinetti Srl, TR 2000 Srl.

INFO UTILI La mostra è visitabile tutti i giorni, dal lunedì alla domenica dalle 10:00 alle 13.00 e dalle 16:30 alle 20:00; Il costo del biglietto è di € 3,00 per il solo ingresso al percorso espositivo, il sabato è prevista la visita guidata teatralizzata alle ore 19:00 al costo di € 4,00. Il biglietto per gli spettacoli   serali è di €10,00 ingresso al percorso espositivo incluso.

Per informazioni e prenotazioni: 089 9481133 - 333 6597109 - www.facebook.com/martemediatecaarteeventi/

marte mediateca | cava dei tirreni | eventi | mostre | razzismo | leggi razziali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BRUSCIANO - CAVA DE' TIRRENI GEMELLAGGIO ANTONIANO. BALLATA DEL GIGLIO DI BRUSCIANO IN ONORE DI SANT'ANTONIO DI PADOVA IL 21 GIUGNO 2015 ORE 21. di Antonio Castaldo


Ultimo week end per Marte in Danza


MARTE IN DANZA II EDIZIONE


LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL’IPOVISIONE


Al Marte Picasso rivive nell'opera di Francesco Puccio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Si apre il set di “Un premio per la vita”, fra danza e disagio sociale

Si apre il set di “Un premio per la vita”, fra danza e disagio sociale
Sono iniziate le riprese di due mediometraggi a sfondo sociale firmati DGPhotoArt Cinema, la casa cinematografica presieduta dal videomaker e regista Davide Guida, da  sempre impegnato in temi profondi dai drammi dello spettacolo, allo stalking, al bullismo, alla violenza alle donne. Davide Guida, dopo anni di esperienza nella produzione di tecnologie multimediali, ha esordito come sceneggi (continua)

Festival di Napoli New Generation

Festival di Napoli New Generation
Ritorna, con la quinta edizione, il “Festival di Napoli New Generation", giunto alla quinta edizione. Il direttore artistico del festival è il maestro Massimo Abbate, figlio di Mario Abbate il più grande interprete della canzone Napoletana dal dopo guerra ad oggi. Massimo è un artista poliedrico, organizzatore di eventi, direttore artistico, regista, attore e canta (continua)

Dall’architettura al teatro: è la vita (di Francesco Maria Siani) che riparte

Dall’architettura al teatro: è la vita (di Francesco Maria Siani) che riparte
Da ragazzo suonava il pianoforte da grande sognava di diventare un musicista, scrivere canzoni, ma non ebbe il coraggio di tentare e intraprese gli studi in architettura. Quando era tempo di costruire il suo futuro, perse il suo migliore amico: “Continua a batterti – gli disse – quando un giorno ti sarai realizzato, io sarò lì con te”.  Il dolore fu talme (continua)

RADUNO DI VESPE D’EPOCA ALL’IRNO CENTER

RADUNO DI VESPE D’EPOCA ALL’IRNO CENTER
Quando la forma del gusto incontra il ciclomotore italiano più amato di sempre. Venerdì 19 luglio alle 18.30 all’Irno Center il Raduno di Vespe d’epoca, appuntamento realizzato con il patrocinio del Comune di Salerno in collaborazione con i Vespa Club di Salerno e Paestum. L’happening dà il via ad un fitto programma di eventi estivi, Le vie del Gusto, calend (continua)

TERSICORE IN ARENA CON CAMPANIA…IN DANZA TERZA EDIZIONE

TERSICORE IN ARENA CON CAMPANIA…IN DANZA TERZA EDIZIONE
Per il terzo anno consecutivo si ripete la magia di “Campania…in Danza”, la terza edizione dell’evento in programma lunedì 8 luglio alle 21, all’Arena del Mare (Piazzale della Concordia) di Salerno. L’appuntamento, che rientra nella ricca e variegata ricca programmazione di eventi e spettacoli di musica, danza, teatro, lirica, cabaret e cinema che si sus (continua)