Home > Libri > Leucotea Edizioni annuncia l’uscita in formato Ebook del romanzo di Silvio Zenoni “L’Incantesimo”

Leucotea Edizioni annuncia l’uscita in formato Ebook del romanzo di Silvio Zenoni “L’Incantesimo”

scritto da: EdizioniLeucotea | segnala un abuso

Leucotea Edizioni annuncia l’uscita in formato Ebook del romanzo di Silvio Zenoni “L’Incantesimo”


 

Come si fa a sconfiggere un orco? Con un incantesimo

 

 

Protagonista e narratore in prima persona è Giuseppe, detto Giugi, un ragazzo disabile con un ritardo mentale affidato ad una tutrice che ha un fidanzato violento. Giugi ha la passione della scrittura e viaggia sempre con un quaderno in mano su cui annota ogni cosa che succede intorno a lui, a scuola ed a casa. La narrazione, infatti, prevede una precisa alternanza di ambienti e contenuti:

Scuola: la narrazione è più veloce, piena di dialoghi e di episodi anche divertenti. Il protagonista narra con precisione le lezioni che si svolgono nella scuola per disabili, gli scherzi ed i giochi tra i compagni.

Casa: la narrazione è più riflessiva, con la preponderanza del monologo interiore, ed ha come oggetto principale le visite del fidanzato della tutrice (che Giugi chiama orco) e gli episodi di violenza a cui Giugi assiste.

Il titolo fa riferimento, nel pensiero del protagonista, alla possibilità di sconfiggere l’orco e di porre termine agli episodi di violenza. Infatti la tutrice pare una figura che oscilla tra inerzia, paura e desiderio di difendere Giugi, ma nella quale prevale comunque l’accettazione della situazione e la passività. Sarà quindi Giugi stesso, con un doppio colpo di scena, a dare una svolta definitiva alla situazione e a concludere la storia da lui scritta con un finale a sorpresa, ammantato anche di una sfumatura magica. Si tratta quindi di un romanzo con la doppia tematica della disabilità e della violenza sulle donne, ma con un lieto fine ed un registro linguistico leggero, molto semplice e colloquiale, in sintonia con il reale linguaggio del narratore.

 

 

 

Silvio Zenoni è nato a Milano nel 1961, laureato in pedagogia e in psicologia, svolge la duplice professione di psicoterapeuta e docente di lettere. Sposato, con una figlia, vive e lavora a Milano. Autore di numerosi articoli di letteratura e psicoanalisi pubblicati su riviste e del libro di racconti Le parole lontane. Ha già pubblicato con Leucotea i romanzi Vicino a te volo leggera e La bambina che viveva sotto il tavolo. Questo è il suo terzo romanzo.


Fonte notizia: http://www.omniabuk.com/scheda-ebook/silvio-zenoni/lincantesimo-9788899947835-570803.html


edizioni leucotea | violenza sulle donne | disabilità | diversità | scuola | tutore | donne | diversità | fantasia | diario |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Rimedi Eiaculazione Precoce


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Il punto d’appoggio” è il romanzo di Giuseppina Danese.

“Il punto d’appoggio” è il romanzo di Giuseppina Danese.
Nessuno decide di nascere. La chiamata all’esistenza arriva come un dono, ma è difficile percepire la gratuità del dono della vita se il mondo appare ai più per quello che effettivamente esso è: una giungla. Chi sono i veri invisibili oggi? Quelli che non possono essere visti perché sono fuori dal campo visivo dei modelli umani imperanti, quei “modi giusti di stare al mondo” che anche una società come la nostra, così apparentemente tollerante verso ogni diversità, propone. E zia Marta, la protagonista del romanzo è una mite, nel senso evangelico del termine, e come tale è invisibile, perché la mit (continua)

"L’essenza del tempo" arriva in libreria.


Abbiamo tutti la presunzione di tenere saldamente tra le mani le redini della vita, ma ciò che deve accadere, accadrà, con o senza il nostro benestare. Ombretta  è una bimba timida e introversa, quando agli inizi degli anni 70 del secolo scorso, il boom economico esercitava un forte richiamo dal Sud verso il Nord e dalle campagne verso le città. Anche lei, si vede costretta a lasciare la casa in cui è nata e che è appartenuta ai suoi avi, per seguire i genitori che vanno a lavorare alle dipendenze di un Conte in una zona nell'hinterland (continua)

“Il contraccolpo” è il nuovo romanzo di Roberta Chemel.

“Il contraccolpo” è il nuovo romanzo di Roberta Chemel.
Anna Stelvio è una donna di quarantacinque anni, figlia della contemporaneità, che vive il dramma della mancata maternità, in un lungo dialogo interiore che percorre gli ultimi vent’anni della sua vita. In una tiepida mattina primaverile nel prato della cascina dove è cresciuta, sulle rive del Lago di Garda, in preda ai mille pensieri che le travolgono la mente, decide che è arrivato il momento di fare il punto della sua situazione, per districare il groviglio interiore che la tiene in ostaggio. Attraverso la memoria, rivive il percorso che ha attraversato dal momento in cui sognava di esser (continua)

Michele antagonista

Michele antagonista
Il nuovo romanzo di Nicola Brizio sarà disponibile in tutti gli scaffali Caposaldo della letteratura contemporanea o eterno impostore?È una delle domande che assillano Michele Evani, autore misantropo e ipocondriaco impegnato in maniera maldestra nella ricerca di sé stesso e della propria dimensione in un mondo che non sembra an-dargli a genio. Assistenti alcolizzate, ragazze tanto belle quanto li-bertine e produttori televisivi intenzionati ad ogni costo a trasfo (continua)

“Anime predestinate” è il nuovo romanzo di Erica Brusco

“Anime predestinate” è il nuovo romanzo di Erica Brusco
Dopo “Dimmi chi sono” Aurora e Nicolas ritornano con una nuova avventura... Se la città di Venezia riflette l’eternità delle sue mura e rimane nella sua bellezza immutabile, Nicolas è più maturo. Ritornato a Venezia, da solo, senza dare spiegazioni, trova rifugio nella sua casa d’infanzia. Sofferente e con il cuore spezzato, si è separato dalla sua Aurora. L’unica cosa che può dare senso ai suoi giorni è la dedizione al lavoro come insegnante di psicologia all’Univer (continua)