Home > Cibo e Alimentazione > BeCheffy”, progetto di social show cooking and Lessons per conoscere i segreti e le cucine dei grandi chef

BeCheffy”, progetto di social show cooking and Lessons per conoscere i segreti e le cucine dei grandi chef

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

BeCheffy”, progetto di social show cooking and Lessons per conoscere i segreti e le cucine dei grandi chef


 S’inaugura martedì 18 dicembre alle ore 18,00 a Pozzuoli (NA), presso gli spazi di Villa Taurinus, l’attività di BeCheffy, il nuovo progetto che mette insieme lezioni di cucina, socialità reale e cene negli spazi eccellenti della Campania e dell’intera Penisola.

BeCheffy è la grande community dei “cuochi per passione”, di coloro che amano la cucina e vogliono imparare divertendosi i segreti degli chef. BeCheffy intende essere una piattaforma digitale multicanale che, partendo dalla Campania, mette in rete i migliori chef e i produttori delle eccellenze agroalimentari e vitivinicole italiane accomunati dalla volontà di diffondere e contaminare i consumatori con la propria esperienza legata alla dieta mediterranea e ai prodotti eccellenti del nostro territorio nazionale.

“Passione, Divertimento, Tradizione e sua Evoluzione, Genuinità e Salubrità, Formare e Informare, Condivisione on/off line, Convivialità, Experience, Emozione e Cultura sono le parole chiave di BeCheffy – spiega l’ideatore del progetto Ciro Antinolfi. A un certo punto della mia vita ho deciso di rivoluzionare tutto. Cambiare scenari, relazionarmi con persone di cultura, riprendere un percorso di crescita che avevo interrotto da troppo tempo. Le mie passioni sono tutte racchiuse nella comunicazione, nel marketing innovativo e ovviamente nella cucina. Ecco, per questo mi è piaciuto partire dalle mie esigenze come imparare nuovi ingredienti, nuovi piatti, nuove commistioni di sapori, crescere non solo mangiando ma assaporando nuove culture non solo gastronomiche. L’idea è quella di consentire al pubblico degli appassionati della cultura enogastronomica di essere per una sera non solo plaudenti degustatori dei piatti degli chef ma vivere con essi un’esperienza di brigata, ritrovando così la socialità e facendo comunità intorno al cibo”.

Il claim del progetto recita infatti “Social Cooking & Lessons”, ponendo pertanto al centro dell’attenzione il valore della socializzazione tra le persone. “S’impara di più quando si vive un’esperienza che ci rende felici – continua Antinolfi – ed è questo che proveremo a fare preparando (e degustando) in ogni puntata del format tre piatti diversi, selezionati tra quelli che hanno portato al successo gli chef. Quattro saranno i format previsti. Il primo Back to Basics è dedicato a far conoscere le ricette della storia; il secondo Evolution narra la tradizione quando viene stravolta, innovata, l’alta cucina e le sue affascinanti tecniche; il terzo, Italian Academy, è pensato per i grandi alberghi e le strutture ricettive, per far sì che i turisti imparino ricette della nostra tradizione sia in chiave classica che contemporanea; infine sotto il titolo All Starssaranno calendarizzati gli incontri con i tanti chef stellati del territorio nazionale”.

Fanno già parte della squadra di BeCheffy gli chef Paolo Barrale, Gianluca D’Agostino, Pasquale Palamaro, Ciro Scamardella, Alfonso Crisci, Francesco Fusco, Maurizio De Riggi e Anna Chiavazzo.

Protagonista della prima lezione sarà lo chef Alfonso Crisci. Classe 1977, il suo motto è “saper guardare al futuro senza trascurare il passato”. Ambizioso e pacato, non si lascia abbagliare dalle luci dei riflettori. Possiede un piccolo laboratorio in cui con l’azoto produce distillati e profumi alimentari, in particolar modo quelli alla mandorla e al limone che vengono usati per i suoi dessert. Il suo obiettivo è quello di incuriosire i suoi ospiti, di fargli avere delle aspettative e di stravolgerle alla grande. I suoi piatti sono realizzati con cura, la stessa cura con cui sceglie i suoi ingredienti al mercato, dove trova l’ispirazione per le sue creazioni.

Il menù che Alfonso Crisci preparerà con i partecipanti alla serata inaugurale di BeCheffy sarà composto da: Panzanella vesuviana, con gamberi marinati con latte di cocco, fibre di sedano, passion fruit; Tagliolini di pasta fresca (burro chiarificato, pomodoro confit , tartufo nero e salsa bouillabaisse; Sovrapposto di pescatrice e patate con latte di bufala e champignon marinati.

Per saperne di più: www.becheffy.com / su Facebook e Instagram: BeCheffy

fod | cibo | pozzuoli | chef | alfonso crisci | villa | villa taurinus | cucina | cucine | tavola | show | cooking | evento |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cucine su misura Venezia- NOVITA' da falegnameria


this speech collected Zi Zi students usually written down


Sung Ho Choi, ultrarunner: C'è tempo per lo sport e anche tempo per divertirsi!


La prima edizione del calendario “Un anno da Chef ”, nata da un’idea di Gianni Cesariello e Allegra Ammirati


Consultant Jean-Jacques Picart Dispenses His Best Career Advice


Eleganza aggraziata per gli aspiranti ballerini a Monte Carlo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv
Cesira, Filumena, Adelina, Manuela, Olimpia, Cersei, Elizabeth e Dany (Daenerys): la festa della mamma più dolce e cinefila va in scena ai Quartieri Spagnoli di Napoli Anche quest'anno la pasticceria Seccia ai Quartieri Spagnoli, storico locale di via Concordia a Montecalvario a Napoli, ha realizzato per la festa della mamma, domenica 9 maggio, una linea di nove torte dai nomi insoliti, ispirati alle madri famose delle serie tv, del cinema e persino a quelle della classicità.Sono nati così in laboratorio la millefoglie e il pan di Spagna "Olimpia", le Chant (continua)

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia
La Pasticceria Seccia, fiore all'occhiello dei Quartieri Spagnoli e da sempre legata al tifo e all'amore per il pibe de oro, lancia nell'ultima domenica di novembre una mignon dedicata alla memoria del compianto Diego Armando Maradona: un bignè craquelin panna e caramello da condividere sui social con l'hashtag #elpibe. La notizia della scomparsa di Diego Armando Maradona ha lasciato tutti sgomenti a Napoli, seconda casa del Pibe de Oro, e le manifestazioni d'affetto che stiamo vedendo in questi giorni ne sono la prova tangibile. Se allo Stadio San Paolo, che presto cambierà nome in suo onore a quanto pare, l’abbraccio di tifosi e appassionati è stato forse il più pittoresco e degno di una rockstar, con le candel (continua)

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)