Home > Eventi e Fiere > ANTEPRIMA CHIARETTO: A LAZISE TORNA LA DUE GIORNI DEI VINI ROSA GARDESANI

ANTEPRIMA CHIARETTO: A LAZISE TORNA LA DUE GIORNI DEI VINI ROSA GARDESANI

scritto da: Studiocru | segnala un abuso

ANTEPRIMA CHIARETTO: A LAZISE TORNA LA DUE GIORNI DEI VINI ROSA GARDESANI


Appuntamento domenica 10 e lunedì 11 marzo alla Dogana Veneta con il Chiaretto di Bardolino e della Valtènesi. In degustazione oltre 120 rosé della nuova annata
 
In primavera torna sul Lago di Garda la grande festa dei vini rosa. Domenica 10 e lunedì 11 marzo la Dogana Veneta di Lazise ospiterà l’undicesima edizione di Anteprima Chiaretto, organizzata dal Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino, in collaborazione con il Consorzio Valtènesi e il Comune di Lazise. In degustazione ci sarà l’annata 2018 di oltre 120 vini provenienti dalle DOC della riviera veronese e bresciana del lago.
Il banco d’assaggio accoglierà 60 produttori e sarà aperto al pubblico dalle 10 alle 18 di domenica, mentre il lunedì sarà unicamente dedicato agli operatori di settore dalle 14 alle 20. Durante la due giorni dedicata ai vini rosa saranno inoltre organizzate alcune degustazioni guidate, che si terranno nella sala consiliare del Municipio del Comune di Lazise.
“A Lazise – spiega Franco Cristoforetti, Presidente del Consorzio Tutela del Chiaretto e del Bardolino – presenteremo i vini rosa da vasca assaggiati durante Il Chiaretto che verrà, ma in una fase più evoluta. Entro marzo saranno tutti sul mercato e, visti gli ottimi riscontri ottenuti in occasione dell’evento di dicembre, siamo sicuri che l’annata 2018 ci saprà regalare delle belle sorprese anche in bottiglia”.
Il costo del calice è di € 15 per l'intero e di € 10 per il ridotto, riservato a coloro che prenoteranno online tramite il sito www.anteprimachiaretto.it e per i soci Ais, Onav, Fis, Slow Food, Fisar. Ulteriori agevolazioni sono previste per i residenti nel Comune di Lazise e l’ingresso sarà gratuito per gli operatori lunedì 11 marzo.
Sono in programma, inoltre, delle degustazioni guidate, che si terranno nella sala consiliare del Municipio del Comune di Lazise, patrocinatore dell’Anteprima Chiaretto.
 
Carlotta Flores Faccio
Michele Bertuzzo
 


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ANTEPRIMA CHIARETTO: A LAZISE IL ROSÉ DELLE DUE RIVIERE DEL LAGO DI GARDA


ANTEPRIMA CHIARETTO: LA ROSÉ REVOLUTION SI È COMPIUTA


GARDA IN LOVE E JESOLO IN LOVE, BRINDISI ALL’AMORE CON IL CHIARETTO DI BARDOLINO


CHIARETTO DI BARDOLINO, IL VINO ROSA DEL GARDA VOLA VERSO PARIGI E GLI STATI UNITI


L’ANTEPRIMA DEL CHIARETTO DIVENTA INTERNAZIONALE: INSIEME AL VINO ROSA DI BARDOLINO E DELLA VALTÈNESI ANCHE I FRANCESI DEL TAVEL


I DUE GIORNI DEL BARDOLINO E DEL CHIARETTO: AL VIA L'APPUNTAMENTO CON I VINI DEL GARDA VERONESE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

VILLA CORDEVIGO RIAPRE IL 18 GIUGNO: ALLA GUIDA DEL RISTORANTE OSELETA, STELLA MICHELIN, ORA C’È MARCO MARRAS

VILLA CORDEVIGO RIAPRE IL 18 GIUGNO: ALLA GUIDA DEL RISTORANTE OSELETA, STELLA MICHELIN, ORA C’È MARCO MARRAS
Giuseppe D’Aquino lascia dopo dieci anni per una nuova esperienza professionale e lo sostituisce, in piena continuità, il suo ex sous chef Il Villa Cordevigo Wine Relais & Spa di Cavaion Veronese (VR), primo hotel cinque stelle lusso del Garda Veronese, e il suo ristorante Oseleta, stella Michelin, si apprestano alla riapertura. L’albergo e l’annesso bistrot gastronomico riaprono agli ospiti il 18 giugno, mentre l’attività del ristorante riprenderà in estate con una significativa novità: dopo dieci anni, lo chef Giuseppe D’Aquino (continua)

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS
Riaprono a Oderzo i locali di chef Breda: prudenza e distanziamento, ma senza rinunciare a coperti. A pranzo il bistrot Nyù, a cena il Gellius, tutti i giorni il bar della piazza centrale Riaprono le porte del Gellius. Da domani sera, venerdì 5 giugno, il ristorante stellato di Oderzo (TV) tornerà ad ospitare appassionati e gourmet di tutta Italia dopo tre mesi di chiusura. Erano infatti i primi giorni di marzo quando, per precauzione, in piena ondata Covid-19 lo chef e patron Alessandro Breda aveva deciso di chiudere il ristorante, l’annesso bistrot Nyù e il bar della piazza (continua)

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET
Dall’8 giugno in diretta Facebook Cantina Tramin dialoga con l’alta ristorazione che riparte. Con Schöneck, Il Pagliaccio, Agli Amici e Uliassi A partire dall'8 giugno per quattro lunedì Cantina Tramin incontrerà alcuni protagonisti della ristorazione di qualità nel format Tramin e la nuova vita della cucina d'autore. Appuntamento alle ore 18,00 con chef, titolari e sommelier di quattro ristoranti stellati italiani coinvolti in un ciclo di conversazioni con l'enologo Willi (continua)

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA
Il rebranding sottolinea il forte legame della tradizione del Prosecco con il territorio di Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia, e i consumatori italiani ritengono inscindibile il connubio fra il nome Asolo e il nome Prosecco L’Asolo Prosecco cresce e vara la sua nuova strategia, totalmente indirizzata a mettere in luce, sia nei vini che nella comunicazione, il fortissimo legame fra la tradizione locale del Prosecco, le colline del territorio di Asolo e dei paesi vicini.Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019 e aver messo a segno un’ulteriore crescita a doppia cifra nel primo quadrimestre 2020 (+ (continua)

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI
La Tenuta toscana tra Bolgheri e Castagneto Carducci si propone nella Penisola con i suoi quattro vini a firma dell’enologa Elena Pozzolini Tenuta Sette Cieli si affaccia sul mercato del vino italiano grazie alla collaborazione con il distributore Pellegrini. L’Azienda vitivinicola, i cui terreni sono situati tra Bolgheri e Castagneto Carducci, ha deciso di destinare il 25% della sua produzione all’Italia, mentre il 75% continuerà a rivolgerla all’estero, in particolare a US, Svizzera, Regno Unito, Benelux, Germania, Russia, (continua)