Home > Economia e Finanza > Banca centrale turca ferma, ma invece la Lira si muove eccome

Banca centrale turca ferma, ma invece la Lira si muove eccome

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

Qualche spiraglio di luce continua a intravedersi in Turchia. Lo dice anche la Banca centrale di Ankara, che ha deciso infatti di non ritoccare la propria politica monetaria.

La mossa della banca centrale

lira turchiaLa CBRT (istituto centrale) ha lasciato il suo tasso di interesse di riferimento al 24%, nella riunione del Comitato di politica monetaria avvenuta mercoledì 16 gennaio. Ricordiamo la banca centrale aveva portato il costo del denaro a questo livello a settembre scorso. In quei giorni, per contenere un'inflazione galoppante ed arginare il deprezzamento continuo della sua valuta, la CBRT decise con una mossa imponente di aumentare il tasso di riferimento addirittura di 625 punti base, portandolo così dal 17,75% (già altissimo) al ​​24%.

Quella mossa - che probabilmente fu anche molto tardiva, a causa dell'opposizione del presidente Erdogan - ha funzionato. Come si può vedere sul miglior broker CFD trading, la Lira infatti si è ripresa nel corso di questi mesi, mentre l'inflazione ha frenato. La dinamica dei prezzi aveva toccato il livello massimo di 15 anni al 25,2% lo scorso mese di ottobre, prima di rallentare fino al 20,3% a dicembre.

I rischi ancora presenti

Va detto che anche se le prospettive di inflazione sono migliorate, la CBRT vede ancora presenti dei rischi per la stabilità dei prezzi. Anche per questo motivo s'è deciso di mantenere la stretta monetaria (almeno fino a quando le prospettive di inflazione non mostreranno un miglioramento significativo). Inoltre la decisione del comitato di politica monetaria è stata presa vista l'esistenza di un "trend di riequilibrio" nell'attività economica della Turchia. Secondo le autorità monetarie turche, la domanda esterna è rimasta forte, mentre è stato registrato un indebolimento di quella interna.

Per tutti questi motivi s'è deciso di mantenere un orientamento prudente, precisando inoltre che verranno utilizzati tutti gli strumenti disponibili per perseguire l'obiettivo di stabilità dei prezzi, incluse eventuali nuove misure restrittive se sarà il caso. Tagliare troppo presto rischierebbe di aumentare la pressione sulla Lira e riportare la valuta nella spirale della morte che minacciava in estate.

Come procede la Lira sui mercati

A proposito di valuta, quella turca sta beneficiando (come la maggior parte di quelle dei mercati emergenti) della debolezza del dollaro USD. La Lira turca ha guadagnato molto terreno (oltre un punto percentuale) sia contro il dollaro (UsdTry) che contro l'euro (EurTry). Ricordiamo che il 2018 è stato un anno nerissimo per la valuta turca. Basta prendere un operatore qualunque dall'elenco broker forex autorizzati Consob per constatare che la Lira ha chiuso l'anno con una perdita del 28% (peggior risultato annuale in 17 anni).

turchia | banca | lira | broker autorizzati consob | miglior broker cfd | cfd trading broker |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Assemblea dei Soci Banca della Marca, il Presidente Gianpiero Michielin: l’istituto è solido e sano e ha sempre risposto presente quando imprese e comunità ci hanno chiesto aiuto


Il team di volley femminile ha un nuovo sponsor ufficiale: stagione 18-19 sostenuta da Banca Valsabbina


Banca del territorio, quali opportunità dalla crisi? Dal convegno di Cabel Holding un nuovo modo di fare banca


Banca Valsabbina destina 50 milioni di euro alle imprese innovative


Banca Valsabbina: il 2014 si chiude con un utile superiore ai 14 milioni


Servizio innovativo per Banca Valsabbina: per pagare basta un click


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni. La svalutazione competitiva dello Yuan Che le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorn (continua)

Investimenti, dopo il rally è giusto abbandonare l'oro?

Gli investimenti in oro si sono rivelati un buon affare in questa prima metà del 2019, visto che la quotazione è tornata oltre quota 1400 dollari l'oncia come non accadeva da tempo. I numeri degli investimenti in oro Chi avesse investito circa 10mila in un Etf che replica il prezzo del metallo prezioso, oggi avrebbe un capitale di 11.125 euro. Parliamo di un guadagno dell'11,25%. M (continua)

La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa

Come era prevedibile, la Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse al livello attuale. Tuttavia, ha confermato in modo evidente che si sta marciando verso un ormai prossimo taglio del costo del denaro. Il FOMC vota per non toccare i tassi La due giorni di meeting dell'istituto centrale americano si è concluso con un voto non unanime del Fomc. L'organo di politica monetari (continua)

Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali

Sui mercati è tornata a spirare in modo forte l'avversione al rischio, dando così una spinta ai beni rifugio come lo yen. La valuta giapponese è così arrivata ai massimi delle ultime due settimane nei confronti del dollaro, mentre sul biglietto verde pesano i timori di escalation delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e la discesa dei rendimenti sulla curva dei Treas (continua)

Commissioni, eToro decide di dare un taglio a quelle in Europa

Fare investimenti su internet diventa più conveniente grazie all'impegno di una delle società più attive del settore. Stiamo parlando di eToro, che ha annunciato un taglio netto alle commissioni praticate ai propri clienti per le operazioni su azioni stock ed ETF. La nuova politica di commissioni Le nuove condizioni si applicheranno alla clientela europea, rendendo quindi l' (continua)