Home > Cultura > SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO
In previsione della ricorrenza internazionale del “Giorno della Memoria”, che commemora, il 27 gennaio di ogni anno, le vittime dell’Olocausto; l’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” e l’Associazione Musicale “A. Coletti” propongono il doppio concerto “Non dimentichiamo. Testimonianze e musiche di autori Ebrei”, nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 gennaio 2019, rispettivamente a San Vendemiano (Tv) e Solighetto (Tv). Enrico Nadai ed Elena Lucca interpreteranno alcuni brani di autori di ascendenza ebraica (ma non solo), come Herbert Pagani, che hanno colto e fatto propri i temi universali della “pace” e, in special modo, della “memoria”. I due cantanti, sotto il coordinamento artistico della Prof. di Canto Loredana Zanchetta, saranno accompagnati da Leonardo Mariotto e Elia d’Errico, al violino; Claudio Doni al mandolino, Tiziano Vettoretti alla chitarra, Nicola Boatin al basso e Giovanni Tonon al pianoforte. Già nel 2018, l’Associazione Musicale “Toti dal Monte” aveva promosso il “Concerto poesia e musica”, invitando il proprio pubblico ad intraprendere un immaginario viaggio in treno verso i lager, dove ebrei ed altre categorie di indesiderati (minoranze etniche, testimoni di Geova, zingari, omosessuali, disabili e malati di mente) furono deportati durante l’occupazione nazista. In quella occasione, oltre ad una serie di brani musicali scelti, furono proposte anche alcune letture, tratte dal grande patrimonio delle opere autobiografiche lasciateci dai sopravvissuti. Diversamente, quest’anno, ricorderemo il giorno in cui le truppe sovietiche aprirono i cancelli di Auschwitz, attraverso le parole e le memorie di coloro che, pur non avendo vissuto in prima persona le deportazioni, si sono fatti carico del difficile compito di raccontare l’indicibile al mondo intero. In particolare, Elisa Nadai e Sofia Facchin leggeranno alcuni reportage di Vasilij Grossman, giornalista ebreo e corrispondente di guerra per il periodico russo “Stella Rossa”, che partecipò attivamente alla liberazione di alcuni campi di concentramento nazisti. Con ingresso libero e gratuito, i due appuntamenti rispetteranno i seguenti orari: – sabato 26 gennaio 2019, ore 17:00, presso l’Auditorium della Scuola di Musica “A. Coletti” di San Vendemiano (Tv), in collaborazione con la Scuola di Musica “A.Colletti” e il Comune di San Vendemiano; – domenica 27 gennaio 2019, ore 17:00, presso la Sala Conferenze di “Villa Brandolini” di Solighetto (Tv), con l’organizzazione dell’Associazione Musicale “Toti Dal Monte”, il contributo del Comune di Pieve di Soligo e la collaborazione dell’Università degli Adulti di Pieve di Soligo. Per l’importanza della ricorrenza, nonché per la responsabilità che abbiamo come singoli, tutta la cittadinanza è invitata. SOFIA FACCHIN

filosofia | cultura | arte | università | storia | libro | lettura | romanzo |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE
Si faccia un salto in libreria. Superati i sacri limini di religione, narrativa, scienza e filosofia si arriverà nel compartimento “Self-help” dove i libri, prima di essere comperati, sono costretti a promettere qualcosa di grande al loro futuro lettore. Alcuni risolveranno i problemi di memoria; altri i problemi di autostima; altri ancora dicono di assicurare il raggiungimento del successo. Ci si (continua)

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA
Domenica 13 ottobre 2019, l’antica Abbazia di Santa Bona, a Vidor (Tv), sarà aperta al pubblico per ospitare il concerto di Solidarietà, “Non solo Vivaldi”, con la Piccola Orchestra Veneta, e i suoi solisti. Con le voci dei cantanti Enrico Nadai ed Elena Lucca e la partecipazione del soprano Angelica Casonato. IMG-20190707-WA0015 “Non solo Vivaldi” è un concerto esclusivo, ma aperto a tut (continua)

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...
Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova (continua)

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO
ono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla par (continua)