Home > Scuola e Università > Nasce un libro dal laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria Smaldone di Salerno

Nasce un libro dal laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria Smaldone di Salerno

articolo pubblicato da: silviadecesare | segnala un abuso

Nasce un libro dal laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria Smaldone di Salerno

Attraverso Il progetto DiSegnare Storie le associazioni Duna di Sale e Saremo Alberi Libroteca hanno condotto un laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria F. Smaldone di Salerno da cui è scaturito il libro in italiano e LIS – Lingua dei Segni Italiana dal titolo Attraverso Il progetto DiSegnare Storie le associazioni Duna di Sale e Saremo Alberi Libroteca hanno condotto un laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria F. Smaldone di Salerno da cui è scaturito il libro in italiano e LIS – Lingua dei Segni Italiana dal titolo “Re Nasone e il profumo della Felicità”, che sarà qui presentato in anteprima. Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. Se ne discuterà venerdì 15 febbraio alle 10 nel corso di una conferenza stampa convocata nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno. "Il progetto si proponeva di coinvolgere gli alunni dell’Istituto Smaldone per Bambini sordi di Salerno in un percorso di scrittura creativa volto a sviluppare un testo originale in lingua Italiana da tradurre in LIS. I laboratori si sono svolti nei mesi marzo aprile e maggio 2018, tutti i venerdì come da cronoprogramma per un totale di 15 ore, cui se ne sono aggiunte altre 6 nei mesi di novembre e dicembre, per ultimare gli scatti fotografici necessari al libro - spiegano Daria Limatola, presidente dell'associazione Duna di Sale e Vincenzo Aliberti, legale rappresentante di Saremo Alberi - Il libro costituisce non solo una prova tangibile del lavoro fatto ma, per la prima volta dopo anni di collaborazione con l’Istituto abbiamo finalmente un “prodotto” che potremo utilizzare per future prossime iniziative. Potremo venderlo per ottenere altri fondi a sostegno dello Smaldone, potremo proporlo come strumento didattico nelle classi, o utilizzarlo in laboratori aperti al giovane pubblico da tenersi in contesti extrascolastici, come alcune delle manifestazioni letterarie che le nostre due associazioni, Duna di Sale e Saremo Alberi conducono da anni, anche insieme. Questo libro “ Il Re Nasone e il profumo della felicità” ha un testo semplice, lasciato così volutamente perché da un lato rimanda al fatto che per i bambini sordi che ne hanno seguito l’evoluzione è scritto in una lingua “straniera”, dall’altro era quanto di più simile ci fosse alla sintassi della LIS che, ricordiamolo, si discosta molto da quella della lingua italiana. Tuttavia nella sua semplicità sicuramente risponde allo scopo – ossia quello di fare da ponte tra chi parla la lingua dei segni e chi no, e di fornire uno strumento per l’apprendimento e la promozione della lettura".

, che sarà qui presentato in anteprima. Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. Se ne discuterà venerdì 15 febbraio alle 10 nel corso di una conferenza stampa convocata nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno. "Il progetto si proponeva di coinvolgere gli alunni dell’Istituto Smaldone per Bambini sordi di Salerno in un percorso di scrittura creativa volto a sviluppare un testo originale in lingua Italiana da tradurre in LIS. I laboratori si sono svolti nei mesi marzo aprile e maggio 2018, tutti i venerdì come da cronoprogramma per un totale di 15 ore, cui se ne sono aggiunte altre 6 nei mesi di novembre e dicembre, per ultimare gli scatti fotografici necessari al libro - spiegano Daria Limatola, presidente dell'associazione Duna di Sale e Vincenzo Aliberti, legale rappresentante di Saremo Alberi - Il libro costituisce non solo una prova tangibile del lavoro fatto ma, per la prima volta dopo anni di collaborazione con l’Istituto abbiamo finalmente un “prodotto” che potremo utilizzare per future prossime iniziative. Potremo venderlo per ottenere altri fondi a sostegno dello Smaldone, potremo proporlo come strumento didattico nelle classi, o utilizzarlo in laboratori aperti al giovane pubblico da tenersi in contesti extrascolastici, come alcune delle manifestazioni letterarie che le nostre due associazioni, Duna di Sale e Saremo Alberi conducono da anni, anche insieme. Questo libro “ Il Re Nasone e il profumo della felicità” ha un testo semplice, lasciato così volutamente perché da un lato rimanda al fatto che per i bambini sordi che ne hanno seguito l’evoluzione è scritto in una lingua “straniera”, dall’altro era quanto di più simile ci fosse alla sintassi della LIS che, ricordiamolo, si discosta molto da quella della lingua italiana. Tuttavia nella sua semplicità sicuramente risponde allo scopo – ossia quello di fare da ponte tra chi parla la lingua dei segni e chi no, e di fornire uno strumento per l’apprendimento e la promozione della lettura".



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Laboratori di scrittura creativa e editoria a Viareggio


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


“Ti Olio!”, Il mondo dell’oro verde della terra in tavola tra degustazioni e cooking contest a Ceraso


"ACT LAB 2.0": arte e cultura alla Sanità


Call di selezione per il prossimo laboratorio internazionale e interculturale di ricerca e creazione teatrale del Teatro Simurgh In Cerca dell’Attore Antico per un Teatro Moderno.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Il tributo a Leonardo da Ravello a Paestum

Il tributo a Leonardo da Ravello a Paestum
Dopo essersi esibiti il 1 giugno alle nella prestigiosa cornice dell’Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello, oggi 4 giugno nei Templi di Paestum va in scena il “Tributo a Leonardo” con120 minuti di danza, che traducono in passi i percorsi di vita, i disegni e le opere d’arte del genio italiano della pittura e della meccanica. Il progetto Tributo a Leonardo da Vinci è n (continua)

Danza: all'Auditorium di Ravello il "Tributo a Leonardo" del Polo Regionale

Danza: all'Auditorium di Ravello il
Dopo aver spalancato le braccia alla musica l’Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello è pronto ad accogliere, sabato 1 giugno alle 19.30, il “Tributo a Leonardo”, 120 minuti di danza che traducono in passi i percorsi di vita, i disegni e le opere d’arte del genio italiano della pittura e della meccanica. Ad interpretare il linguaggio dell’ars coreutica saranno la (continua)

Fabula tra i banchi per costruire insieme ai ragazzi l'edizione 10 dell'evento

Fabula tra i banchi per costruire insieme ai ragazzi l'edizione 10 dell'evento
Cosa sogna la generazione Z, quali sono i suoi miti e a chi vorrebbe stringere la mano? A questi interrogativi cercherà di rispondere la macchina del Premio Fabula, già al lavoro per un decennale con il botto. In vista dell’evento in programma a settembre, sette giorni (forse dieci) di creatività e grandi ospiti, incontri e laboratori, la squadra ed il suo capitano ha pe (continua)

41esimo Saggio Spettacolo per il Professional Ballet di Pina Testa

41esimo Saggio Spettacolo per il Professional Ballet di Pina Testa
Dopo un anno alla sbarra scandito da partecipazioni cinematografiche, rassegne prestigiose, corsi di formazione e onorevoli traguardi (quattro gli allievi vincitori di audizioni presso enti lirici e altrettanti quelli che hanno portato a casa il primo posto ai concorsi nazionali) per il Professional Ballet di Pina Testa è tempo di andare in scena. Da sabato 1 fino a martedì 4 giugn (continua)

VIVIAMOCILENTO: DAL 26 AL 28 APRILE LO SLOW FESTIVAL CON CRISTIANO DE ANDRE', ORNELLA VANONI E STEFANO BOLLANI

VIVIAMOCILENTO:  DAL 26 AL 28 APRILE LO SLOW FESTIVAL CON CRISTIANO DE ANDRE',  ORNELLA VANONI E STEFANO BOLLANI
 Musica d'autore, passeggiate tra storia e cultura, degustazioni, giochi all'aria aperta per bambini e ragazzi. VIVIAMOCILENTO è lo slow Festival che dal 26 al 28 aprile, grazie alla sensibilità e all'impegno del sindaco Stefano Pisani, si svolgerà nella terra che dal 1998 l’UNESCO ha dichiarato Patrimonio mondiale dell’Umanità. (continua)