Home > Sport > L’ALBINO DEL ROCK MASTER. ALBINO MARCHI CI HA LASCIATO

L’ALBINO DEL ROCK MASTER. ALBINO MARCHI CI HA LASCIATO

scritto da: Newspower | segnala un abuso

L’ALBINO DEL ROCK MASTER. ALBINO MARCHI CI HA LASCIATO


 

Albino Marchi si è arrampicato fin lassù, che più in alto non si può.

Oggi, dopo una lunga e sopportata malattia “l’Albino del Rock Master” ci ha lasciato per sempre. In queste situazioni c’è sempre la caccia all’aggettivo per descrivere un uomo speciale.

Per Albino Marchi non servono tante parole. Fondatore e presidente del comitato Rock Master e dei Campionati Mondiali di arrampicata di Arco, ha dato un impulso ed una svolta importante al mondo del climbing.

Tenace, capace, esperto e da sempre lungimirante, ha lavorato fino all’ultimo sul progetto di questo 2019 che rivede ad Arco, insieme al Rock Master, il Campionato Mondiale giovanile.

Sembrava burbero alla vista, ma era solo per nascondere la dolcezza di un uomo che ha regalato all’arrampicata e allo sport in generale momenti indimenticabili. Sembrava indistruttibile, ma questa vigliacca malattia ce lo ha portato via.

Le sue grandi orme ora saranno la via illuminante per i suoi collaboratori, che si sono stretti intorno ai famigliari, come tutti gli arrampicatori sportivi che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di apprezzarne l’impegno.


Fonte notizia: http://www.rockmasterfestival.com


newspower | albino marchi | rock master | arco | arrampicata |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BUONA LA PRIMA PER ROCK MASTER FESTIVAL, NOVE GIORNI IN VERTICALE CON GRANDI NUMERI


ROCK MASTER FESTIVAL IN VETRINA, DA SABATO ARCO (TN) PROTAGONISTA IN VERTICALE


Pass Laureati Puglia: una grande occasione per i giovani che vogliono specializzarsi dopo la laurea


ISCRIZIONI APERTE !! XIV edizione Master Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media - Università di Roma Tor Vergata


MASTER IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA


AD ARCO (TN) L’ARRAMPICATA SI FA FESTIVAL. INIZIATIVE A 360° NEL GARDA TRENTINO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT

 MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT
10 anni di Marcialonga Story, sabato 29 gennaio 2022, antipasto della Marcialonga Partenza dallo Stadio del Fondo di Lago di Tesero con arrivo a Predazzo Apertura ufficiale iscrizioni venerdì 29 ottobre Lo sci di fondo del presente e del passato nelle Valli di Fiemme e Fassa La Marcialonga è storia e tradizione dello sci di fondo, e non solo italiano. E di “Story” si parla ormai da 10 anni, con l’evento di una vigilia della Marcialonga delle Valli di Fiemme e di Fassa sempre vivace.Mancano poco più di tre mesi alla Marcialonga Story del 29 gennaio, che apre le iscrizioni per scrivere il decimo capitolo. La Marcialonga Story è nata nel 2013 come ‘limited edition’ per f (continua)

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)