Home > Esteri > Lava e cenere non fermano i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology in Guatemala

Lava e cenere non fermano i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology in Guatemala

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Lava e cenere non fermano i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology in Guatemala


Volcán de Fuego in Guatemala è uno dei vulcani più attivi dell'America centrale, ma la sua eruzione del 3 giugno 2018 si è dimostrata la più letale, uccidendo almeno 110 persone, la maggior parte delle quali viveva nei villaggi sulle sue pendici. Non è stata la lava ad essere fatale, ma un torrente "piroclastico", una massa rapidissima di cenere e particelle di lava, che raggiunge velocità fino a 700 kmh, ed è rovente.

Questo stesso tipo di eruzione distrusse la città romana di Pompei.

La lava bollente che ancora bloccava le strade rendeva ancora più difficile gli sforzi dei soccorritori. Con oltre 3.500 evacuati, sono stati allestiti dei rifugi mentre le famiglie cercavano i dispersi e i morti. Entro un giorno dalla prima eruzione, i Ministri Volontari di Scientology guatemalteca erano sul posto e sono stati presto raggiunti da un gruppo di Ministri provenienti dal Messico e dalla Costa Rica.

I volontari della Chiesa fondata da L. Ron Hubbard hanno fornito prima di tutto generi di prima necessità, dai prodotti per l'igiene personale per quelli che avevano perso la loro casa, a nuovi stivali per i vigili del fuoco (così incrostati di cenere e fango da essere inutilizzabili). Hanno poi effettuato procedure di assistenza di Scientology per alleviare il disagio mentale. Quindi, per assicurare che i locali fossero preparati per qualsiasi emergenza futura, il team di Ministri Volontari ha poi tenuto seminari di formazione tratti dai 19 capitoli del Manuale di Scientology. Hanno addestrato il sindaco della città di San Juan Alotenango e il suo staff personale sui corsi amministrativi di base per l’organizzazione. Dopo il corso, lo staff della città ha elaborato un nuovo organigramma, aggiungendo una sezione per prevenire e gestire i disastri.

Il sindaco ha espresso la sua gratitudine per le cure dei Ministri: "Siete arrivati all'inizio del disastro", ha detto, "Ora ci avete addestrati riguardo all’organigramma e questo è diventato per noi un'azione chiave dato che eravamo in uno stato di confusione. Usando l’organigramma possiamo ottenere risultati migliori dato che ora sappiamo cosa fare e chi deve fare cosa."

I Ministri hanno anche unito le loro forze con l'esercito per costruire case temporanee per coloro che si trovavano nei rifugi. Hanno formato anche studenti universitari, infermiere e Boy Scout che avevano contribuito allo sforzo dei soccorsi.

Entro due mesi dalla prima eruzione, i Ministri avevano aiutato direttamente oltre 13.400 persone e addestrato 639 individui nella tecnologia per aiutare se stessi e gli altri.


Fonte notizia: http://www.volunteerministers.org


Scientology | Ministri Volontari | Guatemala | eruzione Volcan de Fuego | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Una Nuova Chiesa di Scientology apre nel Cuore di Mosca


La Chiesa di Scientology di Melbourne : prima Chiesa ideale di Scientology sotto la Croce del Sud


2001-2011: Il Movimento dei Ministri Volontari 10 Anni di Aiuto Indiscriminato


La campagna di Gioventù per i Diritti Umani è stata adottata dall’Università Pubblica del Guatemala


La manutenzione della stufa a pellet è importante: scopri come fare con una semplice pulizia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Recupero tossicodipendenti e spaccio di droga

Recupero tossicodipendenti e spaccio di droga
Sembra un paradosso, ma il responsabile di un centro di recupero per tossicodipendenti è stato arrestato per possesso e spaccio di droga. Spesso la realtà è così incredibile che supera l’immaginazione: chi avrebbe potuto immaginare che il responsabile di un centro di recupero per tossicodipendenti venga arrestato per detenzione e spaccio di droga? E cosa avranno pensato le famiglie che avevano affidato i loro ragazzi nelle mani di quella persona perché li tirasse fuori dal tunnel della droga? Il fatto è accaduto in provincia (continua)

Enorme carico della “droga dell’ISIS” sequestrato a Salerno

Enorme carico della “droga dell’ISIS” sequestrato a Salerno
Il gigantesco traffico internazionale, proveniente dalla Siria, era diretto in Europa tramite il porto di Salerno. 14 tonnellate, 85 milioni di pasticche, 1 miliardo di euro. Questi sono i numeri impressionanti del mega-sequestro di “Captagon” ad opera della Guardia di Finanza. Il carico era nascosto in grossi rotoli di carta, cavi all’interno, in modo da non essere rilevato dai normali controlli. Il Captagon è una amfetamina, in grado di inibire stanchezza, dolore e paura. L’ISIS ha fatto ampio uso di (continua)

In calo la marijuana, in crescita la cocaina

In calo la marijuana, in crescita la cocaina
La marijuana è una droga tutt’altro che leggera, ma non ci sono dubbi che esistano droghe più pericolose come la cocaina e le droghe sintetiche il cui uso, guarda caso, è in aumento. La marijuana è una “droga leggera” e “non porta a droghe pesanti”. Questi sono i due mantra, falsi e criminali, che hanno sicuramente contribuito ad ingannare centinaia di migliaia di giovani, ingannevolmente indotti a provare la cannabis e ad entrare così nella spirale degradata della tossicodipendenza. Innumerevoli studi dimostrano che un’alta percentuale di giovani fumatori di spinelli, (continua)

Droga e sesso in carcere

Droga e sesso in carcere
Come nella serie TV “Vis a Vis”, un omicidio di una guardia carceraria sarebbe legato a uno sporco giro di droga e sesso tra agenti e detenute. Teresa Trovato Mazza, detta Sissy, giovane guardia carceraria, fu trovata nel 2016 in un lago di sangue in un ascensore dell’ospedale di Venezia, con un colpo alla testa. Morirà dopo un lungo coma due anni dopo. La morte fu archiviata come suicidio, ma recentemente una detenuta del carcere dove la vorava Sissy ha rivelato come storie di droga e sesso fossero all’ordine del giorno tra gli a (continua)

A Lecce si spaccia davanti ai cancelli delle scuole superiori

A Lecce si spaccia davanti ai cancelli delle scuole superiori
Agli orari di entrata e uscita dalle scuole superiori, una banda di giovanissimi spacciatori riforniva di droga gli altrettanto giovanissimi studenti tossicodipendenti. A Lecce è stata sgominata una banda di trafficanti e spacciatori di droga, 15 adulti e un gruppetto di minorenni sotto il loro controllo. Le indagini erano iniziate nel 2017, in occasione del sequestro di dosi di hashish a dei minorenni. Mentre gli adulti gestivano il traffico, i ragazzi spacciavano tra i loro coetanei, sfruttando i momenti di concitazione all’entrata e all’uscita davanti ai (continua)