Home > Cibo e Alimentazione > Da Acquamatta un nuovo menù per celebrare San Valentino

Da Acquamatta un nuovo menù per celebrare San Valentino

scritto da: Studio Magazine | segnala un abuso

Da Acquamatta un nuovo menù per celebrare San Valentino


 

Un regalo per tutti gli innamorati, e soprattutto quelli del gusto: in occasione di San Valentino, il ristorante Acquamatta presenterà un menù tutto nuovo, che porterà in tavola sperimentazioni originali in pieno stile del locale, tra innovazione e tradizione. I nuovi piatti saranno alla carta a partire dal 14 febbraio, a inaugurare una stagione di grande cucina già rivolta alla primavera. Con gustose novità dietro l’angolo, Acquamatta sa come conquistare il cuore dei suoi avventori.

Nel mezzo della pianura e delle risaie, a Semiana, località fra Mede e Lomello in provincia di Pavia, il ristorante Acquamatta rappresenta un’isola felice per gli amanti della buona tavola. Laddove sorgeva un mulino ottocentesco, oggi troviamo un locale moderno e innovativo, ma profondamente legato alla tradizione culinaria di una zona ricca di storia e cultura. Tra pareti decorate con attrezzi agricoli di un passato contadino insieme a opere d’arte contemporanea, l’aria che si respira pare a metà fra due tempi e mondi distanti, eppure riuniti nel nome del gusto.

Ad accogliere i clienti è il caloroso benvenuto della titolare Andréia Saito, 35 anni, brasiliana con nonni di origine giapponese, da undici anni in Italia e con una lunga esperienza nel settore della ristorazione. “Prima di Acquamatta avevo sempre lavorato in ristoranti, sia Brasile sia  in Italia”, racconta Andréia. “ Lavoravo in un ristorante a Vigevano quando mi è stato proposto il progetto di trasformare questo vecchio mulino in un moderno ristorante. Così ho potuto imparare anche cosa significhi gestire la sala, consigliare i vini migliori, coordinare il lavoro di tutto il personale ed occuparmi degli aspetti amministrativi di un’impresa come questa”. Impresa che avrebbe dato vita, con Acquamatta, non solo a una grande esperienza culinaria, ma anche a un nuovo modo di pensare il legame con il territorio.

Green soul, anima verde: nel payoff del ristorante è racchiusa tutta la sua essenza e la sua filosofia di rispetto della natura, sia in termini di tutela dell’ambiente (un sistema idroelettrico che sfrutta lo storico mulino rendono Acquamatta completamente autosufficiente e a impatto zero), sia di amore per la tradizione contadina locale e uso di prodotti stagionali a kilometro zero. “La Lomellina ha i suoi prodotti e le sue ricette peculiari - spiega Andréia -, per questo nel nostro menù il riso è un ingrediente immancabile.” Ma Acquamatta vuol dire anche innovazione: “Ci piace molto fondere piatti e ricette anche molto diversi, cercando un equilibrio che sia rispettoso delle tradizioni ma possa offrire anche qualcosa di innovativo”.

Una grande sfida di sperimentazione gastronomica, accolta dallo chef Alessandro Cerutti. 32enne dalle origini radicate in terra pavese, l’autore delle prelibatezze di Acquamatta fa dell’innovazione e della cura meticolosa dei dettagli la sua missione: “Mi piace molto lavorare su piatti elaborati, con tecniche moderne di cottura della carne, come quella a bassa temperatura, utilizzando ingredienti fra loro molto diversi. Una particolare attenzione è rivolta anche all’aspetto estetico, curando al massimo l’impiattamento.” Anche le storiche pietanze della memoria contadina sono ripresentate in chiave moderna, in un incontro sospeso nel tempo.

Esempi di questo connubio si trovano in tutti i piatti proposti, legati ai prodotti della stagione e del territorio. Oltre all’ampia scelta alla carta, Acquamatta offre anche una selezione di viaggi del gusto, menù degustazione presentati in tre varianti: menù di carne, di pesce e della tradizione, con piatti come il risotto con salame sotto grasso e fagioli di Saluggia o la coscia d’anatra al forno con patate; e, fra i dessert, l’eccezionale torta di riso.

Riso che, nelle sue diverse interpretazione, è senza ombra di dubbio protagonista del menù, espressione di una cucina “di confine” in molti sensi: geografico, a metà fra Lombardia e Piemonte; di incontro fra culture culinarie ed esperienze personali diverse; sperimentale nell’accostare ricette sempre sospese fra tradizione ed innovazione.

Per tutte queste caratteristiche e la sua peculiare storia, Acquamatta, aperto nel 2012 è divenuto un nome conosciuto anche grazie all’esposizione mediatica garantita dalla partecipazione al noto programma tv 4 Ristoranti condotto da Alessandro Borghese, che ha scelto proprio Acquamatta fra i locali più rappresentativi del cosiddetto “triangolo del riso” che unisce la Lomellina a Pavia e Vercelli.

 

 

Ristorante Acquamatta - Cascina Molino della Raina, 6 - 27020 Semiana (PV) - Tel: 0384 331 928 - Tel: 334 732 7545
info@ristoranteacquamatta.it

Ufficio Stampa - Studio Binaschi - Ripa di Porta Ticinese, 39 - 20143 MILANO - Tel: 02.36699126 www.studiobinaschi.it

 

ristorante | acquamatta | cucina | gastronomia | enogastronomia | riso | cucina tipica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Acquamatta: una location suggestiva per matrimoni indimenticabili


Franco Fasulo ad Acquamatta: arte e cucina siciliana incontrano la Lomellina


L’inedita collaborazione tra i due musicisti Armando Corsi e Mauro Culotta partirà dal Rodizio del Pian dei Grilli: due grandi anime unite per una serata di musica indimenticabile


DEGUSTAZIONE DEDICATA ALLA LAVORAZIONE DEL BACCALA’ CON “METODO PORTOGHESE”


Regali San Valentino: tante idee su Swart.it


"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UNITRE MILANO – Lezione magistrale del 14 Febbraio 2020 “L’influenza del pensiero hegeliano sulla filosofia italiana”

Venerdì 14 Febbraio 2020 dalle ore 16:30 presso l’Auditorium UNITRE di Milano in via San Calocero 16, si terrà la lezione magistrale “L’influenza del pensiero hegeliano sulla filosofia italiana”, incontro di approfondimento organizzato dall’Università delle Tre Età, UNITRE MILANO, nell’ambito delle attività di carattere extraac (continua)

Fornello elettrico in vetroceramica AR1F401: praticità e sicurezza a portata di mano

Fornello elettrico in vetroceramica AR1F401: praticità e sicurezza a portata di mano
Massima qualità di cottura in un elettrodomestico compatto dal design moderno: il fornello elettrico in vetroceramica AR1F401 è la soluzione per la cucina firmata Ardes che utilizza un sistema di riscaldamento a infrarossi, più efficiente e sicuro del gas, per offrire una cottura uniforme e sempre ottimale. AR1F401 è dotato di fornello a irraggiamento da 1200W. La pias (continua)

Grande successo di Dynit a Spielwarenmesse 2020: tra idee di business e nuove tendenze del giocattolo

Grande successo di Dynit a Spielwarenmesse 2020: tra idee di business e nuove tendenze del giocattolo
Grande successo registrato da Dynit alla 71esima edizione di Spielwarenmesse, la fiera internazionale del giocattolo punto di riferimento per aziende e operatori di settore tenutasi a Norimberga dal 29 gennaio al 2 febbraio 2020. Nella cornice dell’evento cardine della toy industry, l’azienda bolognese ha mostrato al pubblico le più recenti novità di catalogo e le propost (continua)

UNITRE MILANO – lezione magistrale del 7 febbraio 2020 “Ci cureranno (anche) i robot? Ruolo attuale e prospettiva delle AI impiegate in ambito medico”

UNITRE MILANO – lezione magistrale del 7 febbraio 2020 “Ci cureranno (anche) i robot? Ruolo attuale e prospettiva delle AI impiegate in ambito medico”
Venerdì 7 febbraio 2020 dalle ore 15:00 alle ore 17:00 presso l’Auditorium UNITRE Milano in via San Calocero 16, si terrà una lezione magistrale dal titolo: “Ci cureranno (anche) i robot? Ruolo attuale e prospettiva delle AI impegnate in ambito medico” incontro di approfondimento organizzato dall’Università delle Tre Età, UNITRE MILANO, nell&rsqu (continua)

UNITRE MILANO - Cultura cinofila: le origini evolutive del cane

UNITRE MILANO - Cultura cinofila: le origini evolutive del cane
  Venerdì 31 Gennaio 2020 dalle ore 17:30 presso l’Auditorium UNITRE di Milano in via San Calocero 16, si terrà la conferenza “Cultura cinofila: le origini evolutive del cane”, incontro di approfondimento organizzato dall’Università delle Tre Età, UNITRE MILANO, nell’ambito delle attività di carattere extraaccademico per l&rsqu (continua)