Home > Arte e restauro > Mario Tozzi: Geometria della purezza

Mario Tozzi: Geometria della purezza

articolo pubblicato da: CSArt | segnala un abuso

Mario Tozzi: Geometria della purezza

Dal 23 febbraio al 30 marzo 2019 la Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia (Viale dei Mille, 44/B), in collaborazione dell’Archivio Tozzi, ospiterà una mostra monografica dedicata a Mario Tozzi, un grande maestro nel ‘900 che sta vivendo un felice e fortunato momento storico.
Protagoniste dell’esposizione saranno diverse opere rappresentative del periodo più ricercato dell’artista, quello dei fondi bianchi di Suna (indicativamente da metà anni ’60 a metà anni ‘70), che prende il nome dalla località sul lago Maggiore nella quale Tozzi ha risieduto per tanti anni.
Si tratta di opere che fanno parte della maturità del pittore, caratterizzate da fondi bianchi, gessosi e spatolati, che ricordano l’intonaco e l’affresco.
Accanto a questi dipinti trovano spazio in mostra opere precoci, del secondo decennio del ‘900, che mostrano già una grande perizia pittorica e una straordinaria sensibilità cromatica, come “Notturno” del 1912, una chicca per collezionisti.
La pittura di Tozzi è enigmatica e fuori dal tempo, la sua ricerca ruota intorno ad una gamma cromatica raffinata e selezionata che gioca sui toni del bianco e del rosa, tingendosi talvolta di nero e illuminandosi di azzurro.
Le sue figure femminili sono ieratiche e lontane come divinità, protette da una geometria silenziosa abitata da piccole figure stilizzate, oggetti e linee che costituiscono quasi un lessico misterioso dell’artista.
Nato nel 1895 a Fossombrone, vicino a Urbino, Mario Tozzi vive gran parte della sua vita a Suna, sul Lago Maggiore, nella residenza di famiglia. Negli anni ‘20 si trasferisce insieme alla moglie, di origine francese, a Parigi. Artista colto e raffinato, grazie alla ricchezza della sua formazione, fonda il “Groupe des Sept” (conosciuto come “Les Italiens de Paris”) con Campigli, De Pisis, Paresce, De Chirico, Savinio e Severini. “Mostri sacri” dell’Arte Italiana, questi giovani artisti domineranno la scena artistica nella Parigi degli anni ‘20 e arriveranno ad affermarsi a livello internazionale.
Mario Tozzi (Fossombrone, 30 ottobre 1895 – Saint-Jean-du-Gard, 8 settembre 1979) è un artista chiave per il ‘900 italiano. Con uno stile dai volumi puri muove la sua ricerca sul corpo umano, quello femminile in particolare, studiandone la sacralità nelle forme geometrizzanti e lo sguardo, vuoto sul mondo esteriore e tutto rivolto a quello interiore.
La mostra, ad ingresso gratuito, verrà inaugurata sabato 23 febbraio alle ore 17.00 e sarà visitabile fino al 30 marzo 2019, dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00, il giovedì dalle 10.00 alle 13.00. Per informazioni: tel. 0522 580605, cell. 338 3731881, info@galleriadebonis.com, www.galleriadebonis.com.

Galleria de Bonis | Mario Tozzi | arte contemporanea |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Massimo Paracchini consegue il Premio Eccellenza Europea delle Arti


Intervista di Alessia Mocci a Mario Raso ed al suo Morgete fragranze incise d’agave


Adriana Fenzi intervista Guido Guglielminetti per UNFOLDINGROMA MAGAZINE


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


Mario Putin e Serenissima Ristorazione tra i promotori di Villa Veneta come modello di cultura e impresa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Michelangelo Galliani vincitore del Franco Cuomo International Award per l'Arte 2019

Michelangelo Galliani vincitore del Franco Cuomo International Award per l'Arte 2019
 È lo scultore Michelangelo Galliani, titolare della cattedra di Tecniche del Marmo e delle Pietre dure presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino, il vincitore del Franco Cuomo International Award per l’Arte 2019. Michelangelo Galliani tratta la scultura quasi come un progetto di design e lavora in maniera unica la materia plasmando dal marmo e dal piombo forme di straord (continua)

Nicoletta Moncalieri. Enigmi e voluttà

Nicoletta Moncalieri. Enigmi e voluttà
 Nozze d’argento tra BFMR & Partners e l’arte contemporanea. Venerdì 6 dicembre, presso lo studio di Dottori Commercialisti e Revisori Legali con sede in Piazza Vallisneri 4 a Reggio Emilia, sarà inaugurata la venticinquesima mostra, dedicata all’artista modenese Nicoletta Moncalieri. In tredici anni di attività, BFMR & Partners ha promosso vent (continua)

Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos

Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos
 Alla Galleria Reggio Arte ReArt (Viale Umberto I, 42/B – Reggio Emilia), tre artisti affrontano il tema del tempo, tra epifanie, visioni, rimandi mitologici e riflessioni sulla caducità della vita. Curata da Giuseppe Berti con opere di Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio, l’esposizione, intitolata “Chronos”, sarà inaugurata sabato 30 novembr (continua)

Buonanotte e Sogni d'Oro al Museo

Buonanotte e Sogni d'Oro al Museo
Una notte alla Fondazione Dino Zoli di Forlì per piccoli amanti dell’arte, tra favole, magici acchiappasogni e morbidi lettoni. Nell’ambito della mostra “Gradazioni di luce. Geografie di sguardi tra storia e contemporaneità”, un percorso interamente a misura di bambino, con lettura romanzata delle opere, laboratori d’arte e sogni condivisi. Dopo i tanti (continua)

Le vigne di Matilde. Quattordici artisti interpretano il territorio

Le vigne di Matilde. Quattordici artisti interpretano il territorio
Nelle terre che appartennero un tempo alla Grancontessa Matilde di Canossa, quattordici artisti reggiani interpretano il territorio attraverso una cospicua selezione di dipinti, fotografie e vignette raccolte nella mostra “Le vigne di Matilde”, in programma dal 23 novembre al 24 dicembre 2019 presso la Cantina Albinea Canali (Via Tassoni 213, Reggio Emilia). L’esposizione, all (continua)