Home > Altro > Ricerca Ricoh: innovazione, un concetto poliedrico per le Pmi europee

Ricerca Ricoh: innovazione, un concetto poliedrico per le Pmi europee

articolo pubblicato da: Ricoh Italia | segnala un abuso

La maggior parte delle Pmi pensa di essere innovativa, ma quando si tratta di definire cosa sia l’innovazione, le opinioni sono molto differenti. Questo è quanto emerge da una nuova ricerca Ricoh. Innovazione e Pmi dovrebbe essere un binomio inscindibile. Per avere successo in un panorama concorrenziale, una Pmi deve essere agile e, per guadagnare vantaggio competitivo, deve essere in grado di distinguersi. Non sorprende quindi che il 62% delle Pmi intervistate in una ricerca Ricoh si ritenga un’azienda innovativa. Per il restante 38% non è invece così. “Per le aziende che vogliono prepararsi per il futuro – commenta David Mills, CEO di Ricoh Europe – è giunto il momento di fare i conti con l’innovazione e comprendere cosa essa comporti in azienda”. Naturalmente, questo è più facile a dirsi che a farsi. È interessante notare come le Pmi coinvolte nello studio Ricoh considerino la finanza come l’area più innovativa della propria attività (56%), seguita dall’IT (48%), dal marketing (48%) e dalle vendite (47%). Il focus è dunque verso l’interno dell’azienda e questo contrasta con il fatto che il 60% degli intervistati descriva l’innovazione come ‘sviluppo di nuovi prodotti’ ponendo dunque l’accento sulla creazione di valore verso l’esterno. Emerge dunque una certa confusione in relazione a cosa sia l’innovazione. Questa confusione potrebbe essere la ragione per la quale dalla ricerca Ricoh emergono molte preoccupazioni. Il 59% delle Pmi ritiene che l’innovazione sia più semplice se affrontata a piccoli passi, la stessa percentuale sostiene che essa rappresenti una priorità assoluta, mentre il 47% afferma di temere i cambiamenti rilevanti. Sebbene il 56% delle Pmi desideri aumentare i profitti e il 54% voglia far crescere la propria attività nei prossimi 12 mesi, soltanto il 30% è disposto ad adottare nuovi modi di lavorare entro tale scadenza ed un ulteriore 30% ammette di non sapere da che parte cominciare per intraprendere un cammino di cambiamento. Questi risultati evidenziano la necessità di ridefinire il concetto di innovazione. “Fare innovazione spiega David Mills – non significa buttarsi a capofitto senza riflettere, ma trovare il tempo per comprendere a fondo come migliorarsi anche in funzione alle nuove esigenze dei clienti. Significa lasciare alle persone il tempo di pensare oltre il quotidiano per immaginare nuovi modi di lavorare. Inoltre, significa essere pronti a correre rischi e a fidarsi di coloro vogliono dare un contributo all’innovazione. Per una Pmi l’innovazione e le modalità in cui attuarla dipendono interamente dallo specifico contesto in cui essa opera. Innovazione potrebbe voler dire concentrarsi sui processi alla base delle attività oppure creare un nuovo prodotto o servizio. Non c’è un modo giusto o sbagliato di innovare. Ciò che è importante è essere disposti a farlo”. Quando le Pmi avranno un quadro più chiaro di cosa significhi realmente innovare, potranno delineare un percorso ben strutturato verso il futuro.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Innovazione e Pmi: un percorso che parte da oggi


Ricoh a drupa 2020


L’innovazione di Ricoh premiata da Buyers Lab


Ricerca Ricoh: le Pmi e la sfida dell’innovazione


Ricoh a emissioni zero entro il 2050


Ricoh: un doppio festeggiamento per la stampa di produzione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I rigorosi test di sicurezza effettuati da Keypoint Intelligence promuovono i multifunzione intelligenti di Ricoh

 Il superamento delle valutazioni attesta la capacità di Ricoh di offrire soluzioni in grado di proteggere le informazioni e il business delle aziende.    Keypoint Intelligence - Buyers Lab, organizzazione indipendente che valuta le soluzioni hardware per il document imaging, ha effettuato rigorosi testi di sicurezza sui multifunzione e i dispositivi di stampa di differenti (continua)

Sodexo sceglie Ricoh e la pausa pranzo diventa smart

Sodexo sceglie Ricoh e la pausa pranzo diventa smart
L’azienda leader nel settore della ristorazione collettiva sceglie gli Smart Locker refrigerati di Ricoh per offrire ai propri dipendenti il servizio Lunchbox. Fondata nel 1966 da Pierre Bellon e oggi presente in 67 Paesi in cui ogni giorno serve 100 milioni di consumatori, Sodexo è leader mondiale nei servizi che migliorano la qualità della vita. In Italia sin dal 1974, Sodex (continua)

L’innovazione di Ricoh premiata da Buyers Lab

 Ricoh IM C300, multifunzione intelligente a colori A4, è stato premiato da Keypoint Intelligence - Buyers Lab come “Outstanding Colour MFP for Mid-Size Workgroups”.   I riconoscimenti BLI Picks vengono assegnati due volte all’anno ai prodotti e ai sistemi per l’ufficio che hanno registrato le migliori prestazioni durante i rigorosi test di laboratorio co (continua)

Intelligenza Artificiale e Robotica: la carta vincente è l’integrazione con le competenze delle persone

 Da una nuova ricerca Ricoh emerge come la maggior parte dei dipendenti delle aziende europee mostri grande ottimismo nei confronti dell’innovazione tecnologica. IA e Robotica sono protagoniste della trasformazione degli ambienti di lavoro, a patto che l’uomo resti al centro.    Le nuove tecnologie stanno profondamente cambiando le aziende. La ricerca Ricoh “The (continua)

Ricoh nominata da Quocirca leader nei Managed Print Services

 Per l’ottavo anno consecutivo, la società di analisi Quocirca riconosce Ricoh come leader nel mercato dei servizi di stampa gestiti grazie alla sua capacità di rispondere alle esigenze dei moderni ambienti di lavoro.    L’edizione 2019 del report Managed Print Services (MPS) Landscape di Quocirca conferma Ricoh come leader nel settore dei servizi di stam (continua)