Home > Arte e restauro > Intervista – L'artista Matteo Fieno in mostra collettiva a Roma

Intervista – L'artista Matteo Fieno in mostra collettiva a Roma

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Intervista – L'artista Matteo Fieno in mostra collettiva a Roma


L'artista Matteo Fieno è stato intervistato a seguito della sua partecipazione alla Mostra Collettiva a tema "Disegnarte" tenutasi dal 7 al 12 Febbraio 2019, a Roma.

D: La tua recente partecipazione ad una mostra collettiva a Roma ti ha soddisfatto? Avevi già esposto nel contesto romano?
R: Sono rimasto molto soddisfatto di questa esperienza, sia per l'organizzazione della manifestazione che per il feedback ricevuto da parte del maestro Mario Salvo. Non avevo mai esposto prima a Roma.

D: Dove e quando si è svolta l'esposizione? Quale opera hai scelto e perché?
R: Ho avuto il piacere di esporre alla Galleria "Area Contesa Arte" in Via Margutta, a Roma, dal 7 al 12 Febbraio 2019. I lavori da me selezionati per l'esibizione sono stati: "Fossil"1, "Midnight dance"2, "Standing is a falure"3 ed "Exotic in the fog"4 . Ho ritenuto che fossero i più pertinenti con la tematica della mostra ovvero il disegno nell'arte.

D: Come valuti la città di Roma a livello artistico culturale? Rispecchia il suo ruolo elettivo di capitale e di Roma Caput Mundi?
R: Non lo scopro io che Roma è la più bella città del mondo per via delle sue ricchezze artistiche e culturali. La cosa che più mi ispira è il fatto di potersi confrontare con testimonianze che appartengono ad ogni epoca. Merita assolutamente il titolo di "ROMA CAPUT MUNDI".


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/2019/02/20/intervista-lartista-matteo-fieno-mostra-collettiva-roma/


matteo fieno | fieno | intervista | roma | artista | artisti | italia | italiano | fiera | arte | genova | arte genova | varaggio art | art | artisti | arte contemporanea | mostra | esposizione | opera | opere | quadro | quadri | elena gollini | art blog | gollini | matteo fieno artista | exhibition | w |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Romanò fantasista dell'arte

Davide Romanò fantasista dell'arte
Il concetto di fare arte per Davide Romanò racchiude in sé la necessità di fare confluire insieme nella creazione armonia, gusto e attenzione per i particolari. Questi elementi devono essere coordinati nella pianificazione a monte e devono unirsi e fondersi insieme alchemicamente. Per Davide questa esigenza performativa soddisfa sia l'assetto strutturale estetico e formale sia la potenza sos (continua)

Roberto Re: vivere in arte

Roberto Re: vivere in arte
Nella pittura di Roberto l'emozione ha vita propria, si fa spazio vissuto e narrato nella gestualità dell'azione creativa, compiuta con abile destrezza per ottenere una perfetta sintesi di forma e contenuto. Il modus operandi artistico di Roberto Re è senza dubbio strettamente e inscindibilmente legato alle sue concezioni esistenziali e al suo legame con quanto lo circonda, con il suo pregresso di esperienze, con le sue conoscenze acquisite e consolidate nel tempo. Nel contestualizzare la produzione informale si ripropone di coltivare la perizia e la tecnica strumentale, per ottimizzarne al megl (continua)

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà
Federico lavorando con meritato successo anche in ambito sportivo, è abituato a darsi dei traguardi e delle mete di arrivo e anche nell'arte immette questa virtuosa intraprendenza e determinazione, che si riflette e si rispecchia nelle scelte di percorso stilistico. L'intraprendenza creativa appassionata di Federico Colli lo spinge verso funambolici voli pindarici, dove mente e cuore viaggiano insieme in perfetta sintonia e dove si sostanzia e si profila una sospensione, che resta in bilico tra sogno e realtà, tra reale e immaginario. Nell'approfondire i tratti e gli aspetti salienti del suo fare artistico la Dott.ssa Elena Gollini ha dichiarato: “Feder (continua)

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte
“Il marmo dai 1000 volti” è un pregevole e ambizioso progetto che prende vita dalla grande sensibilità intuitiva del maestro del marmo Massimo Caramia, in collaborazione con la dottoressa Elena Gollini. Il patrocinio istituzionale conferito dal Comune di Pietrasanta ha ulteriormente amplificato la portata e la rilevanza sociale e collettiva di questo articolato progetto di ricerca, che ha co (continua)

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani
"Alessandro Giordani è in primis un artista del cuore, un pittore del sentimento, un creativo nel trasporto dell'anima, che non cerca una propria auto celebrazione sterile e un esibizionismo estremo, ma compie una sua selezione semantica ben precisa e ponderata, per trasferire dentro la sua arte pittorica un intenso paradigma di significati pregnanti a cui dare voce e pensiero riflessivo, d (continua)