Home > Arte e restauro > È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte

È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte

scritto da: CSArt | segnala un abuso

È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte


 Ricerca artistica, attenzione ai giovani e sguardo rivolto al sociale: con il progetto “È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte” il Gruppo Dino Zoli di Forlì si fa ancora una volta promotore di iniziative tese a valorizzare il rapporto tra arte, nuove generazioni e impresa. Il collettore è la Fondazione Dino Zoli, punto di riferimento culturale per il gruppo societario, che nel 2018 ha lanciato il programma “Who’s next” per sostenere e promuovere la creatività emergente. 

Dal 30 marzo al 9 giugno 2019, Dino Zoli Textile, Fondazione Dino Zoli e Accademia di Belle Arti di Bologna, in collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei / Musei Civici d’Arte Antica e con il patrocinio del Comune di Forlì, presentano un progetto dedicato all’abitare che abbraccerà arte e design, immaginario e memoria.
In esposizione, 29 sedute originali, nate dall’incontro tra gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, i ragazzi delle cooperative sociali “La Fraternità” (all’interno del Progetto Recooper) e “Arca di Noè” di Bologna e i tessuti della Dino Zoli Textile.
A partire dai racconti dei ragazzi delle cooperative sociali, fatti di parole, ma anche di immagini e suoni, gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, nell’ambito del Corso di Decorazione per l’Architettura, hanno realizzato diversi pattern tessili, stampati su tessuti Dino Zoli Textile. L’archivio dei segni e il patrimonio orale raccolti durante gli incontri sono stati rielaborati graficamente dagli studenti in stampe tessili dalle nuove narrazioni.
La collezione “Jointly”, presentata in anteprima presso il Museo Civico Medievale di Bologna in occasione della XIV Giornata del Contemporaneo e prodotta in occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale (2018), sarà oggetto di un allestimento completamente rinnovato per garantire al visitatore un’esperienza immersiva ed emozionale. 
«Il percorso espositivo – spiegano le curatrici Nadia Stefanel e Vanna Romualdi – si suddividerà in due sezioni: una prima parte dedicata ai “Luoghi”, in cui 90 elementi distribuiti nello spazio restituiranno l’intera palette cromatica delle 29 sedute con un tappeto sonoro costituito dalle registrazioni fatte nei luoghi di lavoro dei ragazzi delle cooperative sociali; una seconda parte dedicata alle “Persone”, attraverso tre ambienti in cui ognuno potrà abitare le proprie intimità, anche quelle scomode, ripercorrendo lo spazio della memoria. Gli ambienti saranno sigillati e la visione delle sedute contenute al loro interno sarà garantita solo da alcune feritoie che imporranno al visitatore una vista difficile, così come difficile è entrare in relazione con gli altri, anche con coloro che ci stanno a fianco e che amiamo».
«L’incontro con Vanna Romualdi e, grazie a lei, con l’Accademia di Belle Arti di Bologna – dichiara Monica Zoli, socia Dino Zoli Textile – risale a diversi anni fa, con un’escalation di intensità nelle collaborazioni fino a giungere a questo emozionante progetto espositivo congiunto. La nostra non è una semplice sponsorizzazione, ma una partecipazione coinvolgente alla mostra che ben riflette le molteplici sfaccettature che compongono la nostra identità aziendale: ricerca, creatività, attenzione sociale, amore per l’arte, interrelazione con i giovani e collegamento stretto con la Scuola ad ogni livello».
Il titolo della mostra, “È QUI”, tratto da una frase stampata su una delle sedute esposte, rende simbolicamente presente la relazione frutto della mescolanza delle diverse identità, fatta di desideri, emozioni e ricordi che hanno ispirato il percorso di lavoro. Ed è partendo da qui che gli studenti Bingjie An, Xi Chen, Hanssen Diaz, Arianna Fiorentino, Xue Jiang, Samira Khajavi, Ghazaleh Kohandel, Debora Ester Lago, Weiguo Lai, Ruobi Li, Baoyi Liu, Ruiqi Ma, Elora Ndini, Ailar Noori, Sara Ruggeri, Yuxiang Wang, Ning Yu, Luo Zhang, Liyuan Zheng, Yianxi Zhou hanno sviluppato la loro sperimentazione, fatta di quell’esperienza iniziale di incontro unita ai personali linguaggi di ricerca. 
Per le cooperative sociali hanno partecipato: Francesco Ahmetovic, Gloria Arietano, Jabbi Bakary, Paola Ballestrazzi, Nura Basic, Daniele Belletti, Fabio Bergami, Elisa Bortolotti, Alessio Cantelli, Fioravante Caruso, Libero Colombo, Cristian Iacoviello, Valeria Lucifora, Manuela Maestria, Enrico Marengo, Massimiliano Nascetti, Florentina Nicolai, Andrea Pasetti, Gianluca Scagnet, Tania Seghetti, Valentino Vandelli. 
La mostra, che sarà inaugurata sabato 30 marzo alle ore 18.00, sarà visitabile fino al 9 giugno 2019, da martedì a giovedì ore 9.30-12.30, da venerdì a domenica ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00, chiuso lunedì e festivi. Ingresso libero. Per informazioni: tel. +39 0543 755770, info@fondazionedinozoli.com, www.fondazionedinozoli.com.
Dino Zoli Textile nasce nel 1972 da un’intuizione di Dino Zoli che porta a Forlì una produzione che non aveva precedenti sul territorio. Attenzione all’ambiente, intuito, visione strategica e predisposizione per l’innovazione tecnologica hanno portato l’azienda a prosperare sia sul mercato italiano che su quello internazionale: oggi esporta in oltre 69 paesi nel mondo ed è riconosciuta come un partner affidabile, innovativo, che ha fatto della qualità Made in Italy, del servizio puntuale, della ricercatezza dei materiali e delle lavorazioni il proprio elemento distintivo. L’azienda produce e commercializza tessuti per arredamento: uniti, jacquard, stampati, outdoor, microfibre e tessuti tecnici in ampie gamme colori, stoccate nei magazzini dell’azienda a Forlì e disponibili per la pronta consegna. La produzione è principalmente in Italia con l’utilizzo di un reparto produttivo con orditoi e telai jacquard, oltre a macchinari per stampa, finissaggi e nobilitazioni varie. Da oltre vent’anni personale Dino Zoli lavora nella branch cinese per il controllo dell’avanzamento della produzione e qualitativo: producendo anche all’estero articoli creati dall’Ufficio Stile interno si ottengono tessuti più adatti all’applicazione industriale, nel rispetto della specificità ed esclusività Dino Zoli. Una parte della produzione è destinata a specifica clientela che richiede il custom made con particolari caratteristiche tecnico-creative. Oltre al settore del mobile imbottito e dell’arredamento, la produzione viene proposta e venduta anche in altri numerosi settori tra i quali, a titolo esemplificativo, Motorhome, Abbigliamento e Accessori. Venticinque anni fa è stata fondata la partecipata Dino Zoli Brasile che si occupa di commercializzare in Brasile e nel mercato sudamericano i tessuti per l’arredamento sviluppati in Italia. La fitta rete commerciale della società è presente in maniera capillare in tutti gli stati brasiliani e la sede operativa è situata nello stato di San Paolo.

Fonte notizia: http://www.fondazionedinozoli.com


Fondazione Dino Zoli | Dino Zoli Textile | Accademia di Belle Arti di Bologna | Musei Civici d Arte Antica | Vanna Romualdi | Nadia Stefanel |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”


Visit Brescia - Montagne, laghi, colline tappezzate di vigneti: il caleidoscopio di proposte turistiche della provincia di Brescia


arte da mangiare approda ad HOMI


Premio ANGAMC 2020 alla carriera di Roberto Casamonti


NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA: difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche


Visit Brescia – Primavera: le emozioni da vivere in provincia di Brescia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987
Arte e design al CAMeC della Spezia con la mostra monografica "Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987", a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti. In esposizione, circa sessanta opere dell'artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant'anni. Arte e design al CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dal 28 ottobre 2021 al 27 febbraio 2021, ospiterà la mostra monografica Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987, a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti, con circa sessanta opere dell’artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant’anni. L’esposizione, che sarà aper (continua)

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono
I temi cari del Movimento romantico indagati da una cinquantina di artisti contemporanei che propongono nuovi percorsi di ricerca attraverso "Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono", collettiva in sei atti alla scoperta di luoghi storici e sedi museali in provincia di Modena. Nella provincia “romantica” di Modena, che tra la fine del ‘700 e per tutto l’800 ha vissuto un periodo di forte sviluppo culturale attraverso le arti e l’archeologia, andrà in scena, dal 17 ottobre 2021 al 16 gennaio 2022, “Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono”, esposizione collettiva in sei atti che condurrà lo spettatore alla scoperta delle sedi museali e dei teso (continua)

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione
Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali. Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurati (continua)

Claudio Olivieri. Infinito visibile

Claudio Olivieri. Infinito visibile
Prima mostra istituzionale allestita dopo la scomparsa di Claudio Olivieri, "Infinito visibile" comprende una trentina di opere, tra olii su tela e tecniche miste su carta, tutte di proprietà dell'Archivio Claudio Olivieri. L’attività dell’Archivio Claudio Olivieri si apre con la mostra “Infinito visibile”, ospitata dall’8 ottobre (opening ore 17.00-19.15) al 21 novembre 2021 all’interno della Galleria Arte Contemporanea di Palazzo Ducale di Mantova, città nella quale l’artista ha trascorso l’infanzia. Prima mostra istituzionale allestita dopo la scomparsa di Claudio Olivieri (Roma, 1934 - Milano, 2019), “Inf (continua)

Omar Galliani. Il disegno non ha tempo

Omar Galliani. Il disegno non ha tempo
Il grande disegno di Omar Galliani in mostra al Museo Marca di Catanzaro Il Museo MARCA di Catanzaro ospita la grande personale di Omar Galliani “Il disegno non ha tempo”, a cura di Vera Agosti, dal 9 ottobre al 31 dicembre 2021. La frase emblematica, scelta per il titolo dell’esposizione, sottolinea l’eternità del disegno, data dalla forza dell’opera. Omar Galliani è un maestro della pratica artistica, conosciuto a livello internazionale, che vanta in parti (continua)