Home > Sport > Fjällräven Polar 2019: per la prima volta anche un italiano

Fjällräven Polar 2019: per la prima volta anche un italiano

scritto da: Bluwomud | segnala un abuso

Fjällräven Polar 2019: per la prima volta anche un italiano


 

Ritorna Fjällräven Polar, il celebre evento outdoor invernale che ogni anno, nel mese di aprile, chiama a raccolta 20 persone comuni provenienti da tutto il mondo per vivere un’esperienza unica: percorrere 300 km a bordo di una slitta trainata da cani, alla scoperta della natura più selvaggia e incontaminata del Circolo Polare Artico. A promuoverlo ed organizzarlo, già dal 1997, Fjällräven: storica azienda svedese produttrice di abbigliamento e attrezzatura outdoor, nota non solo grazie ai suoi prodotti iconici e funzionali (tra tutti l’inconfondibile zainetto Kånken) ma anche grazie alla sua attenta politica di rispetto e sensibilizzazione nei confronti dell’ambiente.

 

Fjällräven Polar nasce proprio per incoraggiare e sostenere le attività all’aria aperta a contatto con la natura, e il suo obiettivo è quello di dimostrare che chiunque, dotato della giusta preparazione e del giusto equipaggiamento, può prendere parte a un'avventura invernale in condizioni ambientali per molti versi estreme.

 

In partenza il prossimo 8 aprile, l’edizione 2019 di Fjällräven Polar vedrà, per la prima volta nella storia del concorso, un italiano: si chiama Lorenzo Bertolotto, ha 29 anni ed è originario di Torino. Dopo la laurea in architettura presso la Cooper Union di New York e un’esperienza da vero cowboy in un ranch del Montana, Lorenzo si è trasferito a Rotterdam, dove attualmente lavora per uno studio di architettura paesaggistica e urbanistica. La sua video-candidatura ha sbaragliato gli oltre 2.180 aspiranti partecipanti, conquistando la Giuria del concorso che lo ha scelto per prendere parte alla spedizione.

 

Per Lorenzo, però, non si è trattato del primo tentativo. “Ci avevo già provato l’anno scorso – racconta – ma senza successo. Venni a conoscenza di Fjällräven Polar sfogliando le pagine di un quotidiano italiano e, deciso a mettermi in gioco, creai un breve video di presentazione senza però ottenere tanti voti. Ciononostante, a distanza di qualche giorno, mi ritrovai a riflettere sul fatto che quel video rappresentava la cosa più creativa che avevo fatto nell'ultimo anno. Fu come una boccata di aria fresca. Mi guardai dentro e capii che dovevo cambiare direzione e iniziare ad investire di più in ciò che amavo davvero. Decisi così di inviare quello stesso video, al posto della classica lettera di presentazione, a uno studio di architettura del paesaggio specializzato in resilienza e cambiamenti climatici di Rotterdam che mi piaceva moltissimo. Un azzardo forse, una piccola follia. Eppure, funzionò: poco dopo mi contattarono dallo studio per un’offerta di lavoro.          

 

Trasferitosi a Rotterdam, Lorenzo non ha mai smesso di pensare al Polar e ha così deciso di candidarsi anche per l’edizione 2019. Questa volta con un nuovo video, che riprende in parte la storia del primo tentativo e racconta cosa fa Lorenzo oggi. “La selezione avviene per area geografica. – spiega Bertolotto - Tutti i Paesi sono raggruppati in 10 diverse Regioni (l’Italia fa parte di quella Mediterranea) e, per ognuna di queste, vengono selezionati 2 concorrenti: il primo eletto dal pubblico votante, il secondo dalla Giuria del concorso. Per recuperare i voti, sono sceso nei pub di Rotterdam e Amsterdam. Iniziavo conversazioni con tutti e distribuivo i miei volantini con il codice QR. Ho collezionato in tutto 1.754 voti! Un bel traguardo, ma non abbastanza per battere gli oltre 17 mila del primo classificato. Il mio profilo ha però attirato l’attenzione della Giuria che, con mia grande felicità, ha deciso di assegnarmi il secondo posto.”


Il 5 aprile Lorenzo raggiungerà a Sigtuna (Svezia) gli altri fortunati avventurieri per una prima fase di preparazione. Da lì, il gruppo si sposterà a Signaldalen (Norvegia), da dove prenderà il via la spedizione. Meta: Väkkäräjärvi (Svezia). Durante il viaggio Lorenzo sarà chiamato a guidare la sua slitta, prendersi cura dei
cani, farsi da mangiare ed allestire il proprio accampamento, supportato dai preziosi consigli di un team di esperti ed equipaggiato con l’attrezzatura Fjällräven.  Sono molto emozionato all’idea di partire e di potermi immergere nelle meraviglie della tundra subartica.  Sarà interessante mettermi alla prova in un ambiente naturale completamente nuovo e poter ridefinire i miei limiti. – dichiara il giovane torinese - Indipendentemente da come andrà, sono certo che Fjällräven Polar saprà cambiarmi la vita, ancora una volta”.  

Sarà possibile seguire l’avventura di Lorenzo tramite il canale Facebook Fjällräven Italia (@FjallravenItaly).

 

 

 

 

Fjällräven - www.Fjällräven.com

Fjällräven è l’azienda svedese leader in Nord Europa nella produzione e fornitura di capi di abbigliamento, accessori e attrezzature outdoor senza tempo. Caratterizzata da una forte cultura dell’innovazione che dal 1960, anno della sua fondazione, ad oggi ha determinato lo sviluppo di nuove idee rivoluzionarie nel settore, Fjällräven da sempre studia e realizza prodotti funzionali e di lunga durata, agendo responsabilmente nei confronti dell’uomo, degli animali e della natura, con l’intento di ispirare le persone a scoprire e mantenere attivo l’interesse della vita all’aria aperta. Nel corso degli anni l’azienda ha anche dato vita a due celebri eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che attraggono ogni anno migliaia di partecipanti.

Con 23 sedi in Europa e le diverse filiali situate tra il Nord America e l’Asia, oggi Fjällräven è presente in più di 30 Paesi nel Mondo, dove conta anche numerosi monomarca in punti strategici come New York, Amsterdam e Oslo.

La gamma dei prodotti Fjällräven comprende abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, oltre che zaini, tende e sacchi a pelo.

 

 

Per ulteriori info:

www.bluwom.com | Udine Tel. 0432 886638

Sandra Ferino | sandra.ferino@bluwom.com | +39 349 5327868

Elena Di Giusto | elena.digiusto@bluwom.com | +39 340 4285848


Fonte notizia: https://bluwom.com/news/clienti/fjallraven-polar-2019-per-la-prima-volta-anche-un-italiano/view


Fjällräven | Fjallraven | Polar | spedizione artica | Polo Nord | Scandinavia | Svezia | Norvegia | viaggi | turismo | aurora boreale | musher | slitta | husky | concorso | Lorenzo Bertolotto | ufficio stampa | Blu Wom Udine | Pubblimarket2 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ancora pochi giorni per partecipare al Fjällräven Polar


Moda inverno 2015 di Fjällräven: dalla Svezia arriva lo stile outdoor che contamina la città


7 Small


#GlobalServiceSolutions: Team Pedercini Racing prima prova in Australia


Wassily Kandinsky. “Schichtweise” Il prossimo autunno, nel Palazzo della Gran Guardia,


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Evergreen Life, l’azienda che dona benessere ed occupazione

Evergreen Life, l’azienda che dona benessere ed occupazione
Tra gli incaricati oltre il 50% è donna. Durante il lockdown 3.500 nuovi iscritti alla rete di vendita Se lo scenario nazionale post lockdown non racconta nulla di buono - con 600 mila posti di lavoro persi da febbraio a giugno 2020 ed un tasso di disoccupazione salito all’8,8% (dati ISTAT) – in Italia c’è un business in netta controtendenza: è la vendita diretta, o Network Marketing, metodo di distribuzione basato su reti di incaricati alle vendite che continua a crescere in tutta Europa, con il B (continua)

Arte in spalla: Fjällräven presenta la nuova collezione Kånken Art by Moa Hoff

Arte in spalla: Fjällräven presenta la nuova collezione Kånken Art by Moa Hoff
Fjällräven presenta la nuova edizione limitata dello zaino Kånken disegnata dall’artista Moa Hoff. Un omaggio alla natura, a sostegno del progetto Arctic Fox Initiative. Kånken Art è il risultato che si ottiene invitando artisti di fama ad esprimere il loro personale rapporto con la natura, utilizzando uno zaino Kånken come tela. Per l’edizione 2020 di Kånken Art Fjällräven ha collaborato con l’artista svedese Moa Hoff, la cui gioiosa espressività ha dato vita ad un pattern formidabile che rende Kånken riconoscibile fra mille. Inoltre, nel 2020, per ogni Kån (continua)

Hanwag Ferrata Low: la scarpa low-cut per le avventure alpine

Hanwag Ferrata Low: la scarpa low-cut per le avventure alpine
Hanwag amplia la sua categoria di calzature da alpinismo con due nuovi modelli tecnici low-cut della famiglia Ferrata II: Ferrata Low e Ferrata Light Low. Ottime prestazioni in arrampicata e comfort di camminata si combinando a massima libertà di movimento. È ormai noto che le scarpe da montagna non devono essere per forza degli scarponi. Quello che ancora non si sapeva, però, è che i ramponi si possono applicare anche a scarpe low-cut. Nuova FERRATA LOW di Hanwag apre infatti la via alle scarpe basse semiramponabili, qui proposte in versione “rock” leggera, ma allo stesso tempo estremamente stabile e affidabile.Una scarpa adatta ad alpinisti esperti (continua)

Nuova sedia lui plus di TEAM 7

Nuova sedia lui plus di TEAM 7
L’azienda austriaca TEAM 7 presenta la nuova sedia lui plus, ultima arrivata della collezione lui. Caratterizzata da una nuova seduta ergonomica rialzata sui lati, lui plus offre sostegno e un elevato comfort di seduta. Tra le numerose varianti disponibili per la personalizzazione, anche il nuovo rivestimento in pelle color seppia. Ergonomia, comfort e resistenza sono ciò che accomuna l’intera gamma di sedute firmata TEAM 7. All’interno del suo laboratorio di verifica della sede di Ried im Innkreis, l’azienda austriaca pioniera nel settore dell’arredo ecologico testa le sue creazioni fin dalla prima fase di sviluppo. Nascono così oltre 13 modelli di sedie in legno naturale, perfetta sintesi tra design, qualità dei materiali (continua)

Di Pubblimarket2 il progetto di rebranding per Idealservice

Di Pubblimarket2 il progetto di rebranding per Idealservice
La società cooperativa Idealservice, tra le realtà nazionali più importanti nel settore del facility management, dei servizi ambientali e della gestione di impianti di selezione rifiuti, ha affidato a Pubblimarket2 il progetto di rebranding, presentato ufficialmente a giugno 2020. L’agenzia Pubblimarket2, diretta dall’AD Giacomo Miranda e dal Presidente e responsabile strategico del Gruppo Francesco Sacco, mette a portfolio un nuovo, importante progetto, che l’ha vista lavorare per una delle realtà nazionali di riferimento nel settore dei servizi ambientali e del facility management. Si tratta di Idealservice, società cooperativa che ha chiuso il 2019 con oltre 2,6 milioni (continua)