Home > Informatica > Facebook subisce il più grave blackout di sempre

Facebook subisce il più grave blackout di sempre

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Facebook subisce il più grave blackout di sempre

Mercoledì 13 marzo molti utenti in tutto il mondo non sono stati in grado di utilizzare alcuni tra i loro servizi preferiti per un periodo di tempo prolungato.

Si è trattato dell’interruzione più lunga nella storia di Facebook, ma attualmente la causa del disservizio non è stata resa pubblica.

I fan di Facebook non sono stati gli unici a risentirne, infatti ne sono stati coinvolti anche gli utenti di Instagram e WhatsApp (entrambi di proprietà dello stesso gruppo) che hanno segnalato problemi nell’ottenere l’accesso ai servizi collegati ai due celebri social.

Per informare gli utenti sui disagi dovuti al momentaneo disservizio, Facebook ha deciso di utilizzare proprio Twitter, il suo più grande rivale tra i social media, pubblicando questo tweet: “Siamo consapevoli che alcune persone stanno riscontrando dei problemi di accesso alle app legate a Facebook. Stiamo lavorando per risolvere il problema il prima possibile “.

Le interruzioni che hanno avuto inizio mercoledì pomeriggio (ora degli Stati Uniti) e hanno colpito utenti di tutto il mondo, compresa l’Europa, le Americhe e in alcune parti dell’Asia.

Tra le voci circolate con più insistenza quella che ha destato maggior scalpore vede Facebook vittima di un qualche tipo di attacco informatico, tra i più citati figura il cosiddetto DDoS (Distributed Denial of Service) che avrebbe visto dei criminali inondare la rete della compagnia fino a farla collassare. Queste indiscrezioni sono state rapidamente smentite da Facebook con un comunicato ufficiale in cui si afferma che: “Al momento stiamo riscontrando problemi che potrebbero causare il rallentamento o il fallimento di alcune richieste API. Stiamo esaminando il problema e stiamo lavorando a una soluzione “.

 

In un’email a Wired, il portavoce di Facebook Tom Parnell ha dichiarato: “Posso confermare che il problema non ha nulla a che fare con tentativi di violazione dall’esterno”.

Mentre l’azienda si è affrettata a liquidare l’insinuazione che il disservizio potesse essere dovuto a un possibile attacco DDoS, vale la pena notare che nell’ultimo anno ci sono stati diversi incidenti su larga scala che hanno causato il blackout di molti siti Web. Abbiamo scoperto come a volte questi attacchi siano stati mossi con l’intento di colpire lo scambio di criptovalute Bitfinex , come per esempio il massiccio attacco a GitHub o il  più grande attacco DDoS registrato che ha raggiunto 1,7 terabit al secondo (Tbps), battendo il precedente record di 1,35 Tbps.

ESET Italia invita gli utenti a cogliere l’occasione per cambiare la password di accesso ai servizi Facebook e ad abilitare se possibile l’autenticazione a due fattori (2FA).

ESET | Facebook |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I Re Magi Precari protagonisti assoluti del web


Francesco Pavolucci, intervista sui rischi e sicurezza sulle strade


Extreme investe negli Energy Server Bloom per una maggiore sostenibilità e vantaggi ambientali


Catapano Giuseppe, Equitalia dilazione sdoppiata


Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”


Marketing su Facebook e GDPR: cosa cambia?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Le forze armate venezuelane sotto attacco di cyber spie che rubano gigabyte di documenti riservati

Le forze armate venezuelane sotto attacco di cyber spie che rubano gigabyte di documenti riservati
I ricercatori di ESET hanno scoperto una campagna di cyber spionaggio in corso contro obiettivi di alto profilo in America Latina. Più della metà dei computer attaccati appartiene alle forze armate venezuelane ma tra gli obiettivi ci sono anche Istituzioni come la Polizia e i Ministeri dell’Istruzione e degli Affari Esteri. La maggior parte degli attacchi – circa il 75% (continua)

ESET scopre una nuova famiglia di ransomware che attacca i dispositivi Android via SMS

ESET scopre una nuova famiglia di ransomware che attacca i dispositivi Android via SMS
I ricercatori di ESET hanno individuato la nuova famiglia di ransomware Android/Filecoder.C, che utilizza la lista di contatti della vittima per inviare SMS contenenti link malevoli. Android/Filecoder.C si è diffuso attraverso alcuni topic di Reddit con contenuti per adulti e, per un breve periodo di tempo, anche tramite forum della nota community di sviluppatori Android XDA. Android / F (continua)

No More Ransom: 108 milioni di ragioni per celebrare il suo terzo anniversario

No More Ransom: 108 milioni di ragioni per celebrare il suo terzo anniversario
ricorre il terzo anniversario di No More Ransom, iniziativa che ha aiutato dal luglio 2016 più di 200.000 vittime di ransomware a recuperare i propri file senza dover pagare alcun riscatto. Con utenti da 188 paesi, il progetto è diventato un punto di riferimento importante per le vittime del ransomware, registrando nella sua breve durata già oltre 3 milioni di visite individ (continua)

ESET: attenzione alla versione gratuita di FaceApp Pro, è una truffa!

ESET: attenzione alla versione gratuita di FaceApp Pro, è una truffa!
Dopo il boom di FaceApp della scorsa settimana, si è diffusa in rete la convinzione che sia disponibile al download gratuito una variante Pro, contenente ulteriori filtri per modificare il volto. In realtà, mentre la versione base di FaceApp è gratuita, alcune funzionalità Pro sono a pagamento. Secondo i ricercatori di ESET, i truffatori hanno sfruttato l’ondata (continua)

ESET scopre la nuova e pericolosa vulnerabilità di Windows CVE 2019 1132

ESET scopre la nuova e pericolosa vulnerabilità di Windows CVE 2019 1132
Lo scorso giugno, i ricercatori ESET hanno identificato un exploit zero-day utilizzato per un attacco nell’Europa orientale. L’exploit sfrutta una vulnerabilità di escalation dei privilegi locali in Microsoft Windows, in particolare una funzione del puntatore NULL nel componente win32k.sys. Una volta che l’exploit è stato scoperto e analizzato, è stato seg (continua)