Home > News > I doni dello sport: colori, tramonti, natura, sensazioni, emozioni, voglia di vivere

I doni dello sport: colori, tramonti, natura, sensazioni, emozioni, voglia di vivere

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

I doni dello sport: colori, tramonti, natura, sensazioni, emozioni, voglia di vivere


Correrò la mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/ I doni dello sport, tramonti, lune, luci, colori, partenze, ripetute, fatica, lavori, amicizia, relazioni, incontri, sensazioni, emozioni, ciclicità dell'esperienza, arrivi, benessere, performance, risultati. Cosa spinge persone a fare sport, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare, per non mollare, per occuparsi di se stessi, per far parte di un gruppo o una squadra con progetti di gare; per condividere momenti, viaggi e incontri; superarsi, ricordare momenti passati insieme. Questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza. A volte lo sport diventa una droga, una dipendenza, ma ben venga se fa stare in piedi; se cura spirito, corpo e mente; ben venga se fa stare con la gente, se fa vedere sempre tante strade aperte davanti da poter scegliere, da potersi sperimentare. La compagnia diventa una grande risorsa per affrontare allenamenti e gare, soprattutto se si tratta di sport di endurance che comporta tante ore di allenamento in condizioni anche avverse. E’ importante sentirsi sereni e praticare sport in pura libertà apprezzando quello che viene in termini di risultati e il benessere che se ne ricava di natura fisica, psicologica, relazionale, emotiva. Aspetti che incidono sul benessere e la performance nello sport non sono solamente l’allenamento fisico e la nutrizione (energia) ma anche l’allenamento mentale volto a gestire sia gli allenamenti duri e faticosi e le gare che comportano ansia e stress ma anche allenamento mentale per invogliare le persone sia a stili di vita più adeguati, consoni, salutari sia all’importanza della nutrizione nello sport non solo per sperimentare benessere ma anche per raggiungere elevate performance, per prevenire eventuali problemi. Lo sport promuove il benessere fisico e sociale e va inteso non solo come performance volta al raggiungimento di prestazioni eccellenti, ma anche come incentivo all’aggregazione sociale, strumento di prevenzione e promozione della salute. Lo sport è una marcia in più nel corso della vita, aiuta a risolvere situazioni, a essere sempre pronti per affrontare la vita in tutte le sue sfaccettature. Interessante quello che scrive il CONI sul Bilancio di sostenibilità 2016: “Lo sport è un veicolo di inclusione, partecipazione e aggregazione sociale nonché uno strumento di benessere psicofisico e di prevenzione. Inoltre, svolge un ruolo sociale fondamentale in quanto strumento di educazione e formazione che permette lo sviluppo di capacità e abilità essenziali per la crescita equilibrata di ciascun individuo. Nella consapevolezza di tale valore, il CONI si impegna affinché la pratica sportiva sia sempre più diffusa soprattutto tra i giovani, garantendo il diritto allo sport nelle aree territoriali più disagiate sviluppando e consolidando partnership con istituzioni pubbliche e organizzazioni private che garantiscono la sostenibilità economica delle iniziative di carattere sociale.” Gli atleti sperimentano di far parte di una squadra che diventa una rete sociale, una base sicura di riferimento che si occupa e si preoccupa per loro, per il loro benessere e per la loro miglior performance individuale e di squadra, senza pretese impossibili e senza pressioni incalzanti. Interessante quanto riportato sul libro bianco: “La partecipazione a una squadra, principi come la correttezza, l’osservanza delle regole del gioco, il rispetto degli altri, la solidarietà e la disciplina rafforzano la cittadinanza attiva, e lo stesso si può dire dell’organizzazione dello sport a livello amatoriale, che si basa su società senza fini di lucro e sul volontariato. Lo sport inoltre offre ai giovani possibilità interessanti di impegno e partecipazione alla società, e può aiutarli a rimanere lontani dal crimine.” Si può iniziare a praticare sport con il semplice cammino. Camminare insieme è aggregazione, socializzazione, condivisione. In cammino avviene progettualità, elaborazione e desensibilizzazione dei problemi. Il cammino può diventare parte di uno stile di vita che aiuta ad affrontare le giornate con positività, il cammino aiuta ad apprezzare l'alternanza fatica e riposo, tensione e rilassamento. Il cammino avvicina persone, culture e mondi con ogni modalità, un passo alla volta scoprendo se stessi e nuove consapevolezze, prendendo direzioni verso mete o un obiettivo pianificato. Correrò la mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere per raccogliere fondi destinati al progetto Joy Summer Camp, il Camp Sportivo Estivo a vocazione sociale, che oltre ad ospitare i bambini e ragazzi vittime del terremoto del Centro Italia di quasi tre anni fa, ospiterà anche i bambini dei quartieri di Genova colpiti dal crollo del Ponte Morandi. http://www.sportsenzafrontiere.it/news/2019/01/joy-2019-parti-con-noi/ Sport Senza Frontiere crede nello sport come un efficace strumento di cambiamento sociale e pertanto si adopera per garantire il diritto allo sport, renderlo accessibile a chi più ne ha bisogno, portarlo lì dove non c’è e diffonderne principi e valori. Cliccate qui per sostenere la mia iniziativa! https://www.retedeldono.it/it/bdonations/49623 Sport Senza Frontiere sotto la guida di operatori qualificati e in collaborazione con una rete solidale di partner e associazioni sportive, organizza percorsi sportivi gratuiti per bambini e adolescenti che si trovano in una situazione di grave disagio sociale. La missione è l’inclusione sociale, attraverso lo sport, di bambini e ragazzi che vivono in condizioni socio economiche svantaggiate. Per questo promuove l’inclusione, l'integrazione sociale e il benessere psicofisico per bambini e giovani svantaggiati, progettando e organizzando percorsi sportivi assistiti. Insieme possiamo riuscire ad aiutare i bambini e i ragazzi che vivono in condizioni di emarginazione sociale. http://www.sportsenzafrontiere.it/ La passione per uno sport permette di sperimentarsi, condurre un sano stile di vita fatto di fatica e gioie, di relazioni, di mete e obiettivi da costruire, di situazioni da sperimentare. Lo sport aiuta a elaborare situazioni e problemi, aiuta a trovare soluzioni, a progettare. Cliccate qui per saperne di più e sostenere la mia iniziativa! https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere/matteo.simone/42km-di-corsa-per-sport-senza-frontiere Matteo SIMONE +393804337230 Psicologo, Psicoterapeuta http://www.kenyarunningcamp.com https://ilsentieroalternativo.blogspot.it http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Rollo Aloisio: la gara della mia vita il derby tra Manfredonia e Foggia


Un mondo dietro lo sport, tanta fatica e impegno con passione e determinazione


Musica al tramonto: la Sardegna testimonial jazz per Tramonti di Musica e Musica sulle Bocche, dal 7 agosto al 1 settembre


Una domenica alla Cantina Tagliafierro


Gildo Tomaiuolo: mi sono sentito Campione quando ho fatto il record mondiale


Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare

Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare
Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare, fa mettere in gioco, fa sperimentare benessere e performance. Lo sport permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi, fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi.Non c’è un’età per iniziare o per cambiare uno sport, importante è quello che si spe (continua)

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre
Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.Qua (continua)

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica
Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire.L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; p (continua)

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore
Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedend (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?
Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad (continua)