Home > Altro > Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale

Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Tantissimi sono i dubbi e gli interrogativi che possono sorgere in una coppia quando è in attesa di un bimbo. Spesso le incertezze riguardano le modalità di raccolta, conservazione o donazione delle staminali del cordone ombelicale. Affronteremo in questo articolo gli interrogativi più diffusi e daremo loro risposta.

 La conservazione privata del cordone ombelicale quali vantaggi e problemi può avere? Tra i vantaggi elenchiamo sicuramente la disponibilità immediata, in caso di necessità, del campione di cellule staminali, oltre che la compatibilità totale con il bimbo dal cui cordone ombelicale sono state prelevate. Un possibile problema potrebbe essere la quantità di cellule staminali presenti nel campione di sangue prelevato. Se il numero di staminali fosse insufficiente per un trapianto (in relazione al peso corporeo del ricevente) è possibile ottenere un’espansione (aumento in vitro) delle cellule staminali, per accrescerne il numero e permetterne l'infusione.

In Italia la conservazione privata delle cellule staminali del cordone ombelicale è legale? La legislatura italiana sancisce che la conservazione privata del sangue cordonale deve avvenire presso banche del cordone (dette biobanche) site all’estero (come indicato nel Decreto Ministeriale 18 novembre 2009). Per procedere con la conservazione privata, è necessario il nulla osta per esportare il campione presso la struttura scelta.

 Dopo il parto chi può prelevare il campione di sangue dal cordone ombelicale del mio bambino? Il personale che si occupa di questa mansione, di solito, comprende gli infermieri, le ostetriche e i ginecologi.

È possibile conservare le cellule staminali del cordone ombelicale se si decide di partorire in casa? Sì, occorrerà prendere il kit per il prelievo che la biobanca scelta per la conservazione del campione avrà consegnato assieme ai documenti riguardanti la procedura da seguire per il corretto prelievo, e consegnare tutto all’ostetrica che assisterà al parto.

In caso di parto gemellare potrò conservare due campioni? Se aspetti due gemelli omozigoti, è sufficiente un solo campione di sangue (la compatibilità delle cellule staminali è del 100%). Sarà necessario un doppio prelievo, quindi una conservazione doppia, se i gemelli sono eterozigoti.

Tra i vari membri di una famiglia, la compatibilità delle cellule staminali come viene calcolata? In caso un fratello abbia bisogno del campione di staminali conservato, come si procede? Le probabilità che le cellule staminali conservate siano compatibili tra parenti diminuiscono con la riduzione del grado di parentela tra chi dona e chi riceve. L’istocompatibilita è ereditaria: i genitori del bimbo donatore sono compatibili fino al 50%, i suoi fratelli fino al 25%. Per determinare la compatibilità tra le staminali conservate e il ricevente occorre eseguire gli esami di tipizzazione HLA (Human Luekocyte Antigen). Tramite l’analisi di un campione di sangue cordonale una prima tipizzazione base può essere fatta al momento della crioconservazione, oppure dopo, con un prelievo semplice di sangue. Se la compatibilità è confermata da questo primo esame di base, si analizza prima il DNA e poi la MLC (Mixed Linfocyte Culture) che restituisce il grado definitivo di compatibilità.

 

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

 

cordone ombelicale | cellule staminali | staminali | staminali cordonali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Cordone ombelicale: clampaggio e conservazione


Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole


Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)