Home > Arte e restauro > Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

articolo pubblicato da: elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

    D: Come valuti il termine "cosmopolitismo artistico"? Ti senti un artista cosmopolita? R: Valuto il termine cosmopolita come un bellissimo termine, mi suggerisce contaminazione in crescere e quindi ben venga il cosmopolitismo artistico, se sinonimo di contributo alla esplorazione di concetti comuni. Non lo accetto se dev'essere sinonimo di appiattimento ed omologazione commerciale. Mi sento cosmopolita, perché credo di lavorare su elementi riconoscibili e condivisibili. Magari soltanto a livello di sensazione, ma quando dipingo mi sento in comune con un tutto!

    D: Come valuti il termine "sperimentalismo artistico"? Ti senti un artista di ricerca sperimentale? R: Anche questo termine che sotto certi aspetti riguarda concetti già espressi nella risposta precedente, lo ritengo positivo, anche se devo precisare che dal mio punto di vista la sperimentazione è quella che investe in ricerca dentro gli stati d'animo più che nelle tecniche pittoriche, un po' come, se non sbaglio, fu lo sperimentalismo letterario.

     

    D: Quali sono i 3 artisti del passato che senti più vicini al tuo modus pingendi? R: Il pittore che forse amo di più è Edward Hopper, il quale nelle sue tele rappresenta il sentire, il mondo delle sensazioni, della ricerca interiore. Il secondo che possiede tutt'altra modalità espressiva è Lorenzo Viani, pittore degli ultimi. Ricordo di essere rimasto letteralmente folgorato da una mostra che si intitolava “Ai confini della mente” che raccoglieva opere realizzate da Viani all'interno del manicomio di Maggiano, dove era direttore il suo amico Mario Tobino. Il terzo posto è aperto a tanti nomi, a tutti quei nomi e soprattutto a quelle opere che mi hanno colpito principalmente per la capacità di rappresentare uno stato della mente. Da De Chirico a Sironi, da Magritte, fino ai toscani del '900.

Graziano ciacchini | ciacchini | artista | italiano | pittore | pittura | mostra | poesia | poeta | cromatismo | colori | sogni | dipinto | quadro | elena gollini | art blog | arte | hopper | viani | de chirico | maggiano | sironi | magritte | tobino | cosmopolitismo | sperimentalismo | artistico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Graziano Ciacchini conclude con ottimi riscontri la mostra personale a Bolgheri


Graziano Ciacchini artista sempre in evoluzione


L'immediata espressività della pittura di Graziano Ciacchini


Emozioni allo stato puro nella pittura di Graziano Ciacchini


La pittura di Graziano Ciacchini tra mondo reale e mondo ideale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le visioni reali e immaginarie della pittura di Cristina Arena in mostra online a cura di Elena Gollini

Le visioni reali e immaginarie della pittura di Cristina Arena in mostra online a cura di Elena Gollini
La prima impressione nell'osservare attentamente le opere pittoriche realizzate da Cristina Arena ed esposte nella photogallery della piattaforma online curata dalla dottoressa Elena Gollini, è quella di avere davanti delle suggestive rappresentazioni rievocative, dotate di raffinata e ricercata compiutezza stilistica. La mostra intitolata simbolicamente "Il mio mondo" raccoglie v (continua)

La pittura di Alessandro Giordani nel perfetto connubio tra passione e riflessione

La pittura di Alessandro Giordani nel perfetto connubio tra passione e riflessione
L'artista contemporaneo Alessandro Giordani procede il suo percorso di ricerca pittorica tenendo ben saldo il motore trainante del perfetto connubio tra passione e riflessione. La dottoressa Elena Gollini ha messo in evidenza le componenti qualificanti del suo fare creativo e ha dichiarato: "Alessandro con la sua pittura di eclettica e multiforme connotazione, deve la sua formazione evolutiva (continua)

L'eterno divenire della pittura di Davide Romanò

L'eterno divenire della pittura di Davide Romanò
Arte come un continuo incessante divenire. Questo assioma rispecchia la convinzione di Davide Romanò secondo cui ogni quadro rappresenta la tappa di un lungo percorso, un capitolo di un libro infinito, un frammento di un'opera che non può essere mai totalmente completata e limitata nella sua esplicazione interpretativa. La dottoressa Elena Gollini ha descritto analiticamente questo o (continua)

La pittura senza confini di Davide Romanò

La pittura senza confini di Davide Romanò
Il poliedrico artista Davide Romanò è senza dubbio una figura di calibro nell'attuale panorama artistico contemporaneo e merita una giusta considerazione di interesse. In lui si riuniscono e si rispecchiano il talento innato e la voglia di sperimentare, come una sfida entusiasmante e avvincente, per andare sempre oltre e al di là del già visto e del già rappresen (continua)

Massimo Caramia artista del marmo: tradizione e innovazione in perfetto connubio

Massimo Caramia artista del marmo: tradizione e innovazione in perfetto connubio
L'artista del marmo Massimo Caramia ha di recente ottenuto il patrocinio istituzionale dal Comune di Pietrasanta per il progetto di ricerca denominato "Il marmo dai 1000 volti" che lo vede impegnato in prima linea nel portare avanti la promozione capillare, connessa a uno straordinario blocco di origine medicea di sua proprietà. Al contempo prosegue la sua apprezzata attivit&agrav (continua)