Home > Arte e restauro > Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

articolo pubblicato da: elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Graziano Ciacchini: parla di cosmopolitismo e sperimentalismo artistico

    D: Come valuti il termine "cosmopolitismo artistico"? Ti senti un artista cosmopolita? R: Valuto il termine cosmopolita come un bellissimo termine, mi suggerisce contaminazione in crescere e quindi ben venga il cosmopolitismo artistico, se sinonimo di contributo alla esplorazione di concetti comuni. Non lo accetto se dev'essere sinonimo di appiattimento ed omologazione commerciale. Mi sento cosmopolita, perché credo di lavorare su elementi riconoscibili e condivisibili. Magari soltanto a livello di sensazione, ma quando dipingo mi sento in comune con un tutto!

    D: Come valuti il termine "sperimentalismo artistico"? Ti senti un artista di ricerca sperimentale? R: Anche questo termine che sotto certi aspetti riguarda concetti già espressi nella risposta precedente, lo ritengo positivo, anche se devo precisare che dal mio punto di vista la sperimentazione è quella che investe in ricerca dentro gli stati d'animo più che nelle tecniche pittoriche, un po' come, se non sbaglio, fu lo sperimentalismo letterario.

     

    D: Quali sono i 3 artisti del passato che senti più vicini al tuo modus pingendi? R: Il pittore che forse amo di più è Edward Hopper, il quale nelle sue tele rappresenta il sentire, il mondo delle sensazioni, della ricerca interiore. Il secondo che possiede tutt'altra modalità espressiva è Lorenzo Viani, pittore degli ultimi. Ricordo di essere rimasto letteralmente folgorato da una mostra che si intitolava “Ai confini della mente” che raccoglieva opere realizzate da Viani all'interno del manicomio di Maggiano, dove era direttore il suo amico Mario Tobino. Il terzo posto è aperto a tanti nomi, a tutti quei nomi e soprattutto a quelle opere che mi hanno colpito principalmente per la capacità di rappresentare uno stato della mente. Da De Chirico a Sironi, da Magritte, fino ai toscani del '900.

Graziano ciacchini | ciacchini | artista | italiano | pittore | pittura | mostra | poesia | poeta | cromatismo | colori | sogni | dipinto | quadro | elena gollini | art blog | arte | hopper | viani | de chirico | maggiano | sironi | magritte | tobino | cosmopolitismo | sperimentalismo | artistico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La pittura di Graziano Ciacchini tra mondo reale e mondo ideale


Lo sguardo narrato in pittura da Graziano Ciacchini


Graziano Ciacchini: nei suoi quadri celebra l'apogeo dell'essenza temporale


Mostra di Graziano Ciacchini "Isole Mute"


Graziano Ciacchini artefice di profondi intrecci pittorici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Intervista all'artista Alessandro Zucca: Astrattismo bipolare e ispirazione artistica

Intervista all'artista Alessandro Zucca: Astrattismo bipolare e ispirazione artistica
Alessandro Maria Zucca è un giovane artista che sta ottenendo molteplici successi e riconoscimenti da parte della critica italiana. È considerato come l'ideatore del concetto di “Astrattismo Bipolare” che ci spiegherà nell'intervista a seguire. D: Cosa intendi con il concetto di "Astrattismo Bipolare" applicato alla tua espressione pittorica? R: Come il (continua)

Intervista al poliedrico artista PierGió: artisti si nasce o si diventa?

Intervista al poliedrico artista PierGió: artisti si nasce o si diventa?
Architetto, pittore e scultore, PierGió, nome d'arte di Pierluigi Di Michele, è un artista poliedrico, sempre pronto a sperimentare nuove tecniche. Le sue forme antropomorfe, che nascono da anni di ricerca, sono rivelatrici del suo inconscio, che con difficoltà convive con la razionalità e gli schemi ufficiali. Di seguito, l'intervista fatta al noto artista. D: Da arti (continua)

La magia poetica di Alessandro Sammarini

La magia poetica di Alessandro Sammarini
Il processo creativo di Alessandro Sammarini vive di incessanti sostituzioni di idee e di stimoli, che si avvicendano e si concretizzano in quella che nell'atto creativo si può individuare come formula semantica esclusiva e identificativa, assumendo anche un significato di simbologia concettuale e metaforica. Desideroso di agire e muoversi in campo libero e aperto, si orienta verso una poet (continua)

Graziano Ciacchini artefice di profondi intrecci pittorici

Graziano Ciacchini artefice di profondi intrecci pittorici
La poetica artistica di Graziano Ciacchini si può allineare a quanto dichiarato da Pablo Picasso nella celebre frase che pronunciò: "Dipingo ciò che vedo come lo sento". Graziano appartiene alla generazione di pittori al passo con i tempi, consapevoli, colti, preparati, che utilizzano l'arte in modo raffinato e ricercato e imprimono sulla tela dei percorsi figurali, (continua)

Matteo Fieno il pittore delle donne

Matteo Fieno il pittore delle donne
La gestualità bilanciata e l'armonia del movimento contraddistinguono il fare pittorico di Matteo Fieno, che dimostra una consolidata maestria nella capacità di rappresentare e rievocare, con un imprinting quasi fantastico e fiabesco, figure femminili che acquistano particolare valenza iconica e simbolica e al contempo hanno un significato personale e soggettivo. Dalle raffigurazioni (continua)