Home > Altro > ALLA FESTA DI PRIMAVERA DI SCHIO SI BRINDA ALLA NUOVA STAGIONE

ALLA FESTA DI PRIMAVERA DI SCHIO SI BRINDA ALLA NUOVA STAGIONE

scritto da: Studiocru | segnala un abuso


 Venerdì 12 aprile alle 20.00 al Lanificio Conte di Schio il Consorzio Colli Berici e Vicenza propone una degustazione di vini abbinata ai migliori formaggi della zona

Un brindisi in onore della primavera. Venerdì 12 aprile 2019 il Lanificio Conte di Schio (Vicenza) ospiterà alle ore 20 la I tesori enologici della Provincia di Vicenza, dove il Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza e il Consorzio Breganze DOC, assieme ad altre realtà consortili del vicentino, porteranno in assaggio alcune delle loro etichette più rappresentative accompagnate dai formaggi delle Latterie Vicentine.

L’evento si inserisce all’interno della Festa di Primavera organizzata dal Comune di Schio, in programma dal 12 al 14 aprile, e sarà condotto da Giovanni Ponchia, Direttore del Consorzio Colli Berici e Vicenza e del Consorzio Gambellara, da Manuel Xausa, Coordinatore del Consorzio Breganze DOC, e da Diletta Tonello, Vicepresidente del Consorzio Lessini Durello.

A rappresentare l’area berica saranno il Vicenza DOC Pinot grigio 2018 e il Tai Rosso DOC Colli Berici 2016 e, accanto a questi, verranno proposti i vini di altre quattro realtà del territorio: il Lessini Durello DOC Spumante, il Gambellara DOC Classico 2018, il Nero d’Arcole DOC 2016 e il Breganze DOC Torcolato 2014. Ad accompagnare i calici saranno i formaggi delle Latterie Vicentine e le specialità di De Pretto Ricevimenti, mentre a conclusione della degustazione si assaggerà il gateau della Pasticceria Ezio Sbabo.

La masterclass sarà accompagnata dall’intervento I vini del nostro territorio: incontro di cultura del vino del Wine Trainer & Degustatore Ufficiale FISAR Andrea Da Ros, che racconterà storie e curiosità dei tesori enologici del vicentino.

La rassegna Festa di Primavera continuerà quindi nelle giornate successive con installazioni floreali nelle piazze, mercati a tema con piante, prodotti per orti e giardini e piccole aree gourmet che animeranno la cittadina scledense.

Il costo della serata è di 15 euro, per prenotazioni è possibile contattare l'Ufficio Promozione del Territorio - Serv. Sviluppo Economico al numero 0445-691301 o tramite email info@visitschio.it

La degustazione è realizzata in collaborazione con Ascom Confcommercio Schio, Fisar Vicenza, De Pretto Ricevimenti, Latterie Vicentine, Fonte Margherita e Pro Loco Schio.

Ufficio Stampa:

Carlotta Flores Faccio

Michele Bertuzzo

festa della primavera | schio | colli berici e vicenza doc | degustazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SABATO 13 OTTOBRE, A SCHIO (VI), UNA GIORNATA TUTTA DEDICATA A PETER GABRIEL


I FINANZIERI “ARRESTANO” CARRARA A MILLEGROBBE, LA REGINETTA RIMANE SEMPRE LA BICHUGOVA


Brusciano per la 142esima Festa dei Gigli.Il Sindaco Giosy Romano è testimonial in "social media" e l’artista Filippo Di Pietrantonio è autore del manifesto ufficiale. (Scritto da Antonio Castaldo)


Brusciano: Habemus Ente Festa! Il Consiglio Comunale ha votato i quattro componenti ed il Sindaco Montanile ha nominato il Presidente e il Direttore Amministrativo. (Scritto da Antonio Castaldo)


IL CHALLENGE GIORDANA INCORONA I VINCITORI. PREMIAZIONI SABATO A ISOLA DELLA SCALA (VR)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

VILLA CORDEVIGO RIAPRE IL 18 GIUGNO: ALLA GUIDA DEL RISTORANTE OSELETA, STELLA MICHELIN, ORA C’È MARCO MARRAS

VILLA CORDEVIGO RIAPRE IL 18 GIUGNO: ALLA GUIDA DEL RISTORANTE OSELETA, STELLA MICHELIN, ORA C’È MARCO MARRAS
Giuseppe D’Aquino lascia dopo dieci anni per una nuova esperienza professionale e lo sostituisce, in piena continuità, il suo ex sous chef Il Villa Cordevigo Wine Relais & Spa di Cavaion Veronese (VR), primo hotel cinque stelle lusso del Garda Veronese, e il suo ristorante Oseleta, stella Michelin, si apprestano alla riapertura. L’albergo e l’annesso bistrot gastronomico riaprono agli ospiti il 18 giugno, mentre l’attività del ristorante riprenderà in estate con una significativa novità: dopo dieci anni, lo chef Giuseppe D’Aquino (continua)

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS
Riaprono a Oderzo i locali di chef Breda: prudenza e distanziamento, ma senza rinunciare a coperti. A pranzo il bistrot Nyù, a cena il Gellius, tutti i giorni il bar della piazza centrale Riaprono le porte del Gellius. Da domani sera, venerdì 5 giugno, il ristorante stellato di Oderzo (TV) tornerà ad ospitare appassionati e gourmet di tutta Italia dopo tre mesi di chiusura. Erano infatti i primi giorni di marzo quando, per precauzione, in piena ondata Covid-19 lo chef e patron Alessandro Breda aveva deciso di chiudere il ristorante, l’annesso bistrot Nyù e il bar della piazza (continua)

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET
Dall’8 giugno in diretta Facebook Cantina Tramin dialoga con l’alta ristorazione che riparte. Con Schöneck, Il Pagliaccio, Agli Amici e Uliassi A partire dall'8 giugno per quattro lunedì Cantina Tramin incontrerà alcuni protagonisti della ristorazione di qualità nel format Tramin e la nuova vita della cucina d'autore. Appuntamento alle ore 18,00 con chef, titolari e sommelier di quattro ristoranti stellati italiani coinvolti in un ciclo di conversazioni con l'enologo Willi (continua)

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA
Il rebranding sottolinea il forte legame della tradizione del Prosecco con il territorio di Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia, e i consumatori italiani ritengono inscindibile il connubio fra il nome Asolo e il nome Prosecco L’Asolo Prosecco cresce e vara la sua nuova strategia, totalmente indirizzata a mettere in luce, sia nei vini che nella comunicazione, il fortissimo legame fra la tradizione locale del Prosecco, le colline del territorio di Asolo e dei paesi vicini.Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019 e aver messo a segno un’ulteriore crescita a doppia cifra nel primo quadrimestre 2020 (+ (continua)

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI
La Tenuta toscana tra Bolgheri e Castagneto Carducci si propone nella Penisola con i suoi quattro vini a firma dell’enologa Elena Pozzolini Tenuta Sette Cieli si affaccia sul mercato del vino italiano grazie alla collaborazione con il distributore Pellegrini. L’Azienda vitivinicola, i cui terreni sono situati tra Bolgheri e Castagneto Carducci, ha deciso di destinare il 25% della sua produzione all’Italia, mentre il 75% continuerà a rivolgerla all’estero, in particolare a US, Svizzera, Regno Unito, Benelux, Germania, Russia, (continua)