Home > Sport > 1 MESE AL TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO. ANCHE LUCA FACCHINETTI NEL PARTERRE D’ÉLITE

1 MESE AL TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO. ANCHE LUCA FACCHINETTI NEL PARTERRE D’ÉLITE

articolo pubblicato da: newspower | segnala un abuso

1 MESE AL TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO. ANCHE LUCA FACCHINETTI NEL PARTERRE D’ÉLITE
 Triathlon del Lago di Caldaro l’11 maggio in Alto Adige
L’azzurro – campione italiano assoluto 2016 - iscritto alla 31.a edizione
1.5 km di nuoto, 40 km in bici e 10 km di corsa in ‘formato olimpico’
Iscrizioni a 70 euro entro il 2 maggio – 100 euro per squadra per il contest in pedalò

Un campione italiano assoluto alla trentunesima edizione del Triathlon del Lago di Caldaro, prevista per l’11 maggio in Alto Adige. Luca Facchinetti, trentenne classe 1988 di Cervia, venne infatti eletto Campione Italiano Assoluto di triathlon nel 2016, mentre gli sfuggì per un battito di ciglia la qualifica alle Olimpiadi di Rio dove si presentò nelle vesti di commentatore tecnico negli studi RAI.
Professionista dal 2010, è stato capace di ottenere anche uno splendido sesto posto in Coppa del Mondo in occasione della tappa messicana di Huatulco. Campione italiano 2017 e 2018 nella Mixed Relay e medaglia di bronzo ai campionati italiani individuali di triathlon olimpico, un’altra prova “olimpica” spetta allo specialista romagnolo, quella che si svolgerà nei pressi del Lago di Caldaro, bacino lacustre balneabile più caldo dell’arco alpino e che per questo permette che l’omonimo Triathlon si svolga come appuntamento d’apertura dell’intera stagione agonistica. “Facco” ha iniziato dedicandosi al nuoto sin dal 2006, cominciando poi ad approcciarsi gradualmente allo sport delle tre discipline, facendo conquiste prima nella categoria junior e poi nella nazionale under 23, assieme alla quale partecipò a due Campionati Europei e ad un Campionato del Mondo classificandosi in diciassettesima posizione. Il sogno olimpico non è tuttavia sfumato, e l’impegno è quello di prepararsi al meglio per raggiungere finalmente l’obiettivo dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Oltre a Facchinetti, ad un mese dal via 200 atleti tra i quali svettano Thomas Steger, Lisa-Maria Dornauer e Philipp Mock hanno già confermato la propria adesione al Triathlon Internazionale del Lago di Caldaro. Le iscrizioni sono aperte alla cifra di 70 euro entro il 2 maggio e porteranno gli sfidanti ad affrontare 1.5 km di frazione natatoria all’interno del Lago di Caldaro, 40 km in bicicletta e 10 km di corsa.
Il team organizzatore capitanato dal presidente Werner Maier aspetta i concorrenti ricordando anche la sfida di beneficenza che vedrà quattro protagonisti per… pedalò sfidarsi in favore dell’associazione Südtiroler Sporthilfe (100 euro per squadra la quota di partecipazione).
 
Info: www.kalterersee-triathlon.com

newspower | triathlon lago di caldaro | caldaro | triathlon | alto adige |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FACCHINETTI E LA SEBOK “VOLANO” A CALDARO. TRIATHLON SPETTACOLO CON MAIRHOFER SUL PODIO


TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO ANCHE SU… PEDALÒ. STEGER E DORNAUER “COPPIA ILLUSTRE”


SABATO TRIATHLETI “OLIMPICI” A CALDARO. LA 31.a EDIZIONE PRESENTATA DA INTERNORM


TRIATHLON SULLA STRADA DEL VINO DELL’ALTO ADIGE


Jabra indica la via per la qualità delle performance nel settore degli auricolari con l’ampliata ‘famiglia’ Elite


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UNA TUTA “SPECIAL EDITION” ALLA MARCIALONGA, È LA GARA CLOU PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO

UNA TUTA “SPECIAL EDITION” ALLA MARCIALONGA, È LA GARA CLOU PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO
Domenica attesa gara tra le Valli di Fiemme e di Fassa Gli atleti del Team Robinson Trentino con un nuovo look, dedicato alla regina delle granfondo Debertolis punta su tutti, ma in particolare occhi su Panzhinskiy e Panisi Un’attenzione particolare anche alla 45 km con Cerutti e Caterina Piller     Marcialonga, appuntamento topico per il Team Robinson Trentino. L’eve (continua)

IL TEAM ROBINSON TRENTINO A SEEFELD. OBBIETTIVI IMPORTANTI PER PANZHINSKIY, PANISI & C

IL TEAM ROBINSON TRENTINO A SEEFELD. OBBIETTIVI IMPORTANTI PER PANZHINSKIY, PANISI & C
Gilberto Panisi è reduce da una buona prova in Alpen Cup Alexander Panzhinskiy mira alla classifica degli sprinter Dopo il secondo posto alla ‘Rampa con i Campioni’ Florian Cappello punta alla Pustertaler Il Team Robinson è 2° nella speciale gara per la tuta più bella del circuito Visma Ski Classics     Weekend all’insegna di Visma Ski C (continua)

LA ‘PRIMA’ DI CATERINA E L’ARREMBANTE FLORIAN. LA VENOSTA PORTA BENE AL TEAM ROBINSON TRENTINO

LA ‘PRIMA’ DI CATERINA E L’ARREMBANTE FLORIAN. LA VENOSTA PORTA BENE AL TEAM ROBINSON TRENTINO
Seconda “trasferta” per il Team Robinson Trentino lo scorso weekend in Vallelunga alla inedita “La Venosta”, tappa di Visma Ski Classics, a cui si sono aggiunte anche una gara amatoriale in classico ed una in tecnica libera del circuito “Challenger”. Gara spettacolare, quella di sabato scorso, bella ma altrettanto dura, soprattutto per chi non è ancora (continua)

C’É LA VENOSTA, ARRIVA ANCHE LA KOWALCZYK, PANZHINSKIY PUNTA ALLO SPRINT, GLI ALTRI ALLA CLASSIFICA

C’É LA VENOSTA, ARRIVA ANCHE LA KOWALCZYK, PANZHINSKIY PUNTA ALLO SPRINT, GLI ALTRI ALLA CLASSIFICA
“Le cose di ogni giorno raccontano segreti A chi le sa guardare ed ascoltare Per fare un tavolo ci vuole il legno Per fare il legno ci vuole l'albero Per fare l'albero ci vuole il seme Per fare il seme ci vuole il frutto Per fare il frutto ci vuole il fiore” Sono le prime strofe di una canzone che tanti anni fa si cantava allo Zecchino d’Oro, ma interpretata anche da Sergio Endrigo. È (continua)

OTTAVO TROFEO PASSO PAMPEAGO. A SETTEMBRE TORNA LA CLASSICA CRONOSCALATA

OTTAVO TROFEO PASSO PAMPEAGO. A SETTEMBRE TORNA LA CLASSICA CRONOSCALATA
Ottava edizione del Trofeo Passo Pampeago il 15 settembre Da Tesero al Passo di Pampeago tra le salite mitiche del Trentino 10.5 chilometri e 1.019 metri di dislivello da completare Tappa prestigiosa Südtirol.Berg.Cup La storia del ciclismo passa dalla Val di Fiemme e da Pampeago, terreno di caccia dove si materializzarono alcune tra le sfide del Giro d’Italia più entusiasmanti che gli appas (continua)