Home > Altro > Sindrome dell’X fragile: quando si manifesta

Sindrome dell’X fragile: quando si manifesta

articolo pubblicato da: digitalpr | segnala un abuso

Sindrome dell’X fragile: quando si manifesta

 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 

La sindrome del cromosoma X fragile (FXS) è una condizione genetica ereditaria di tipo recessivo che si può manifestare in entrambi i sessi, anche se i sintomi sono più evidenti nei maschi. Come può una coppia che desidera avere un bambino scoprire il proprio rischio di trasmissione di malattie genetiche? Oggi esistono test preconcepimento per individuare, con anticipo, il rischio di essere portatori sani di una malattia genetica recessiva, come proprio la FXS o, per esempio, la fibrosi cistica.

La sindrome dell’X-fragile è caratterizzata da:

·         ritardo mentale lieve-grave;

·          disturbi comportamentali;

·         anomalie fisiche.

Si presenta in circa 1 maschio su 4.000 nati e 1 femmina su 7.000. Dal 2001, il Ministero della Salute ha inserito la sindrome dell’X fragile nella categoria “malattie rare”, in quanto, globalmente, i casi sono meno di 5/10.000 nati [1].

 

La FXS è stata descritta nel 1943 da Martin e Bell (infatti è anche nota come sindrome di Martin-Bell) come una forma di disabilità mentale. Tuttavia, le basi molecolari della sindrome sono state delucidate solamente nel 1991, quando un team di scienziati ha isolato il gene mutato responsabile della malattia. Il gene in questione è FMR1 (Fragile X Mental Retardation 1), che si trova sul braccio lungo del cromosoma X. Nei pazienti affetti da FXS, tale braccio presenta una rottura, da cui la nomenclatura “X-Fragile” [1, 2].  

 

Normalmente nel gene FMR1 ci sono tra le 6 e le 53 ripetizioni della tripletta di nucleotidi composta da CGG. Nella popolazione questa tripletta può essere ripetuta in maniera molto variabile. In base a quante ripetizioni si trovano è possibile distinguere quattro casi:

normale, quando ci sono massimo 45 ripetizioni di CGG nel gene FMR1;
intermedio, quando le ripetizioni sono nell’intervallo 45-55;
pre-mutazione, quando si hanno fino a 200 ripetizioni di CGG;

mutazione completa, oltre 200 ripetizioni, che provocano la sindrome.

 

Nella malattia, dunque, nel gene FMR1 è presente un’espansione della tripletta CGG che supera le 200 ripetizioni.

Cosa comportano queste ripetizioni a livello funzionale? La proteina prodotta dal gene FMR1 (denominata appunto FMRP, Fragile X Mental Retardation Protein) ha funzione “regolativa”, cioè̀ aiuta altre proteine a essere funzionali. Attraverso molteplici interazioni con altre proteine, FMRP regola processi cellulari importanti, come la sintesi proteica a livello delle sinapsi dei neuroni, ed è per questo fondamentale per il normale sviluppo neurologico. In caso di malattia, il gene FMR1 non è più in grado di produrre la proteina FMRP e la sua mancanza determina la sindrome [1].

I sintomi della X-fragile sono molto variabili da persona a persona, sia per tipologia che per intensità [1]. Le disabilità si suddividono in:

-          cognitive, come disabilità intellettiva, difficoltà di apprendimento e nel linguaggio, difficoltà motorie e dell’equilibrio;

-          comportamentali, i soggetti tendono ad essere iperattivi, a tratti aggressivi, timidi e ansiosi, e ad avere difficoltà nel prestare attenzione. I bambini manifestano comportamenti di tipo autistico;

-          fisiche, tra cui scarso tono muscolare, ipersensibilità delle giunture, viso stretto e allungato, fronte e mandibole prominenti, orecchie larghe e sporgenti, piedi piatti, prolasso della valvola mitrale e macroorchidismo nei maschi [1, 4].

 

Per ragioni molecolari non ancora del tutto descritte, le ripetizioni di tipo intermedio e pre-mutato tendono a espandersi durante la trasmissione alla generazione successiva. Per questo, se i membri di una coppia hanno già̀ delle ripetizioni queste possono espandersi fino a portare alla comparsa della sindrome nel figlio [3].

Non esiste una cura per la FXS. Per questo, conoscere il proprio rischio di trasmettere la mutazione è estremamente importante. I soggetti affetti sono affiancati da una équipe di medici e svolgono una serie di terapie fisiche, chirurgiche, farmacologiche e psicologiche per migliorare o alleviare i sintomi [5].

 

È possibile conoscere il proprio rischio riproduttivo con il test preconcepimento Igea. Per effettuarlo basta un semplice prelievo di sangue. Questo test identifica le più̀ comuni malattie genetiche recessive, autosomiche o legate al cromosoma sessuale X.

 

Visita il sito web di Sorgente Genetica: www.sorgentegenetica.it

 

Fonti:

  1. https://www.xfragile.net/la-sindrome-x-fragile/caratteristiche/
  2. Variation of the CGG repeat at the fragile X site results in genetic instability: resolution of the

Sherman paradox. Fu YH,Kuhl DP,Pizzuti A,Pieretti M,Sutcliffe JS,Richards S,Verkerk

AJ, Holden JJ, Fenwick RG Jr, Warren ST, et al. Cell. 1991 Dec 20;67(6):1047-58.

  1. https://www.xfragile.net/la-sindrome-x-fragile/ereditaria/
  2. www.nichd.nih.gov. "What are the symptoms of Fragile X syndrome?".
  3. What is X Fragile Syndrome? www.cdc.gov

 

test genetico | malattia genetica recessiva | test genetico preconcepimento | mutazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le patologie correlate a delezioni e microdelezioni


Scopri tutto quello che c’è da sapere sulla sindrome di Down


Sindrome di Usher: Insieme per Sconfiggere la Disabilità


Quali sono le principali anomalie cromosomiche?


ATEROSTAR® FORTE: da Stardea il nuovo integratore specifico per migliorare l'efficienza cardiovascolare


Solide radici per un territorio fragile


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Leucodistrofia metacromatica: come capire se si è portatori sani della malattia

Leucodistrofia metacromatica: come capire se si è portatori sani della malattia
A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica Una coppia che programma una gravidanza può effettuare un test genetico preconcepimento per conoscere il rischio di tramettere al feto malattie genetiche gravi di cui i futuri genitori possono essere portatori sani inconsapevoli. Il vantaggio di questa tipologia di esami è quello di conoscere il proprio rischio riproduttivo nel mettere all (continua)

Cordone ombelicale: clampaggio e conservazione

Cordone ombelicale: clampaggio e conservazione
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente  Il clampaggio del cordone ombelicale è il termine tecnico usato per descrivere quello che più comunemente chiamiamo "taglio del cordone". Si tratta dell'operazione necessaria a dividere mamma e bimbo al momento del parto. Le coppie che scelgono la conservazione cordone ombelicale sono dubbiose sul clampaggio, soprattutto per (continua)

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente   La conservazione cordone ombelicale è un argomento molto discusso, e tutte le famiglie dovrebbero essere informate sulla possibilità di prelevare e conservare o donare le cellule staminali cordonali del proprio bimbo. Il cordone ombelicale è un organo attraverso cui avviene il passaggio di sostanze nutritive e ossigeno tra ge (continua)

I geni del cancro: come si forma un tumore?

I geni del cancro: come si forma un tumore?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica Nel 2015 i tumori maligni hanno causato 8.8 milioni di decessi [1]. Sono la seconda causa di morte al mondo e si stima che un individuo su sei circa muore a causa di un cancro [1]. Per questo la prevenzione tumore al seno, e non solo, è importante. Oggi sappiamo molto di pi&ugr (continua)

Caratteristiche e diagnosi delle malattie rare

Caratteristiche e diagnosi delle malattie rare
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica Con la scelta di avere un figlio, la vita di entrambi i membri della coppia cambia radicalmente e la loro prima preoccupazione diventa la salute del nascituro. In alcuni casi, inconsapevolmente, i genitori possono essere portatori sani di qualche patologia che può essere ereditata dal figlio. La coppia può identificare il rischio di (continua)