Home > Informatica > Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +


ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, ha ricevuto la certificazione VBSpam + nella VBSpam Email Security Comparative Review di marzo 2019. 

 

La review ha analizzato 11 soluzioni di sicurezza e-mail complete e sette blacklist, per misurare le loro prestazioni rispetto a vari flussi di e-mail indesiderate. VBSpam è una certificazione attribuita dal prestigioso Virus Bulletin alle soluzioni di sicurezza e-mail aziendali, che fornisce informazioni sulle prestazioni delle principali tecnologie di filtro anti-spam.

 

ESET Mail Security per Exchange Mail Server ha ottenuto il punteggio più alto di SPAM +, classificandosi al primo posto insieme al prodotto della concorrenza FortiMail.

 

Oltre a testare il tasso di rilevazione delle e-mail di spam, la review di marzo 2019 ha visto il debutto della sottocategoria di e-mail "phishing", relativa alle e-mail contenenti collegamenti che portano a una pagina falsa di accesso o ancora a download di malware. ESET è stato l'unico prodotto recensito a non aver mancato alcuna rilevazione, garantendo un tasso di cattura di phishing del 100%.

 

Negli ultimi mesi le campagne spam hanno colpito società di tutte le dimensioni, mettendo a rischio l’intera infrastruttura di molte aziende. Per tutte queste realtà è sempre più indispensabile dotarsi di una valida soluzione antispam che protegga server e workstation, evitando ai dipendenti di cadere vittima di questi inganni. Questo importante riconoscimento conferma una volta ancora l’eccezionale efficacia del filtro antispam di ESET e premia tutti gli sforzi che ogni giorno l’azienda compie per proteggere le imprese e gli utenti di tutto il mondo.

 

Tutti i dettagli sulla prova e le metodologie di test sono disponibili nel seguente articolo del VB100: https://www.virusbulletin.com/virusbulletin/2019/03/vbspam-comparative-review/


Fonte notizia: https://www.virusbulletin.com/virusbulletin/2019/03/vbspam-comparative-review/


ESET | Virus Bulletin | spam |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Riprendi il controllo dei tuoi social media con l’aiuto di Avast

Riprendi il controllo dei tuoi social media con l’aiuto di Avast
Emma McGowan, Senior Writer in Avast, spiega come riprendere il controllo della propria privacy online I social media sono entrati in scena proprio nello stesso periodo dello smartphone e la combinazione dei due si è rivelata irresistibile. Eravamo come bambini con un nuovo giocattolo; volevamo di più, di più, di più. E, come i bambini, non pensavamo davvero alle conseguenze. Ma oggi, a più di 13 anni dal rilascio dell’iPhone e 16 anni dal rilascio di Facebook, i consumatori sono più consapevo (continua)

Il nuovo programma bug bounty di Avast offre ricompense ancora più cospicue

Il nuovo programma bug bounty di Avast offre ricompense ancora più cospicue
In un mondo ideale, ogni azienda avrebbe un software impeccabile. Niente buchi. Nessun bug. Ermetico. Ma nel mondo reale, ogni azienda ha delle vulnerabilità che, se non rilevate, possono minacciare la sicurezza, anche delle stesse società di cybersecurity. Ecco perché Jaya Baloo, Chief Information Security Officer (CISO) di Avast, ha rilanciato il programma Avast Bug Bounty, con un nuovo look, nuove regole e una nuova Hacker Hall of Fame. “Puoi trovare così tante cose da solo”, dice Baloo. “Quello che vuoi in un mondo ideale è fornire software che non abbia problemi; che sia semplicemente perfetto nella prima esecuzione dei tuoi test. Ma non è sempre possibile. Non siamo perfetti. “Le regole del bug bounty sono piuttosto semplici: usa il modulo di invio per inviare una descrizione dettagliata del bug riscontrato in un softwar (continua)

Avast: 7 app fake legate a Minecraft truffano più di 5 milioni di utenti su Google Play

Avast: 7 app fake legate a Minecraft truffano più di 5 milioni di utenti su Google Play
Si tratta di app "fleeceware" che offrono nuove skin, sfondi colorati o modifiche per il gioco ma addebitano agli utenti in modo sproporzionato centinaia di euro al mese Il team di Avast ha identificato un'ondata di app mobile dannose su Google Play Store rivolte ai gamers, in particolare ai fan del popolare videogioco Minecraft. Queste cosiddette applicazioni "fleeceware" offrono nuove skin, sfondi colorati o modifiche per il gioco, ma addebitano agli utenti in modo sproporzionato centinaia di euro al mese. Avast ha segnalato sette di queste app a Google ma (continua)

Garantire il futuro dei dispositivi connessi

Garantire il futuro dei dispositivi connessi
Ecco come utenti, legislatori e fornitori possono fare la loro parte. I consigli degli esperti di Avast Sicuramente, i dispositivi connessi giocheranno un ruolo di primo piano nelle nostre vite future. Saranno ovunque: collegheranno al web gli oggetti nelle nostre case, nei nostri luoghi di lavoro, nelle nostre auto e nei nostri edifici pubblici, monitorando l’utilizzo e offrendo accesso immediato a informazioni e servizi. Alcune stime dicono che le connessioni IoT triplicheranno in soli sei an (continua)

Future Time diventa distributore delle soluzioni di sicurezza Trend Micro

Future Time diventa distributore delle soluzioni di sicurezza Trend Micro
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia la partnership per la distribuzione dei prodotti Trend Micro, leader globale di cybersecurity. L’accordo riguarda la commercializzazione dell’intero portafoglio delle soluzioni Trend Micro, che grazie alla sua esperienza di oltre 30 anni, a un centro di ricerca tra i più sviluppati al mondo e a una rete globale di contrasto alle minacce, è in grado di garantire una sicurezza efficace ed efficiente per workload cloud, endpoint, email, dispositivi IIoT e reti, proteggendo così le aziende (continua)