Home > Cultura > La Mostra del CCDU torna ospite della citta d'arte

La Mostra del CCDU torna ospite della citta d'arte

articolo pubblicato da: carletta | segnala un abuso

La Mostra del CCDU torna ospite della citta d'arte
Torna a Firenze la mostra del CCDU “Diritti Umani e psichiatria: storia di errori e orrori psichiatrici” Dal 30 aprile al 6 maggio - Auditorium del Duomo - via de’ Cerretani, 54 La mostra del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani sulla storia della psichiatria fa di nuovo tappa all’Auditorium del Duomo. “I visitatori ci chiedevano a gran voce una maggiore enfasi sulla realtà italiana - dice il presidente Roberto Cestari - e li abbiamo accontentati, aggiungendo alcuni pannelli dal contenuto originale. L’impatto della legge 180 è spesso sopravvalutato: lo stesso Basaglia, il cui nome viene impropriamente usato per riferirsi a questa legge, la criticò fortemente; disapprovando l’omologazione della psichiatria alla medicina. Il nuovo materiale getta una luce inaspettata sulla psichiatria nel Belpaese che, con l’eccezione di poche isole felici, sembra aver dimenticato gli insegnamenti di Basaglia e Antonucci.” La mostra s’inserisce nella campagna promossa dal CCDU e dai Radicali per riformare il TSO in senso garantista, riforma tanto più necessaria visto il preoccupante aumento di decessi sotto TSO. Lo scrittore ed umanitario L. Ron Hubbard afferma “ I Diriti Umani Devono Essere Resi Un Fatto Non Un Sogno Idealistico” Dal 30 aprile al 6 maggio Auditorium al Duomo - via de’ Cerretani, 54 Inaugurazione martedì 30 aprile alle 17:30 Ingresso gratuito - orario 10,00-19,00 www.ccdu.org - www.facebook.com/ccdu.org www.ccdu.org

psichiatria | controllo sociale | ccdu |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti

In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti
I volontari della Chiesa di Scientology si impegnano per fermare l’epidemia di morti per overdose in Colorado (dove la marijuana è stata legalizzata nel 2014) informando i giovani prima che ne facciano uso. "Lo scorso anno sono morti più cittadini del Colorado per overdose di droga rispetto a qualsiasi anno precedente nella storia dello stato." Questo è solo uno dei tanti titoli di giornale pubbl (continua)

L’importanza di promuovere una vita senza droghe

L’importanza di promuovere una vita senza droghe
I giovani ascoltano gli atleti professionisti, e loro possono usare questo potere per incoraggiarli a vivere senza droghe. Quando chiediamo ai bambini chi ammirano di più, le risposte sono spesso riferite a personaggi dello sport. Ecco perché gli atleti professionisti sono i partner perfetti per “Un Mondo Libero dalla Droga”, la campagna di prevenzione contro gli stupefacenti sostenuta dalla Chie (continua)

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani adottata da migliaia di insegnanti

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani adottata da migliaia di insegnanti
Gioventù per i diritti umani fornisce materiale didattico agli insegnanti della NEA (National Educators Association). La National Educators Association (NEA) è la più grande organizzazione di impiegati professionisti degli Stati Uniti, con membri di tutti i livelli di istruzione. Molti insegnanti nel campo degli studi sociali, della storia, del governo e altri campi sono alla ricerca un modo vali (continua)

I volontari della campagna La Verità sulla Droga pianificano la loro attività per il dopo Coronavirus

I volontari della campagna La Verità sulla Droga pianificano la loro attività per il dopo Coronavirus
I volontari di “Un Mondo Libero dalla Droga” non si fanno bloccare dal Coronavirus, si danno da fare pianificando distribuzioni di opuscoli informativi sugli stupefacenti in tutta la regione Toscana, lezioni gratuite nelle scuole e partecipazione ad eventi popolari, non appena l’emergenza Covid-19 permetterà loro di riprendere questa importante campagna informativa, poiché i pericoli delle droghe (continua)

Il COVID-19 e la campagna La Verità Sulla Droga

Il COVID-19 e la campagna La Verità Sulla Droga
I volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si organizzano per il dopo coronavirus, pianificando eventi ed interventi nelle scuole per diffondere i loro materiali informativi La maggior parte delle informazioni che si sentono sulle droghe derivano da chi le vende o le spaccia, e che sicuramente è ben lungi dal mettere in guardia il cliente dai possibili danni che le droghe faran (continua)