Home > News > A Olbia la verità sulla marijuana per sfatare il mito delle “droghe leggere”

A Olbia la verità sulla marijuana per sfatare il mito delle “droghe leggere”

articolo pubblicato da: ignazio deriu | segnala un abuso

A Olbia la verità sulla marijuana per sfatare il mito            delle “droghe leggere”

 

 

Una pericolosa disinformazione sta passando tra le nuove generazioni: le droghe leggere sono un diversivo “innocente” del fine settimana e per stare in allegria tra amici. Niente di più falso e lo sanno molto bene chi con strategia criminale sta disseminando queste bugie in collaborazione di media ragionevoli e politici che nelle proposte di legge dovrebbero vedere il bene comune e non la rovina delle nuove  generazioni. Il falso mito della cannabis light o terapeutica sta portando a diffondere l’opinione comune che l’uso di cannabis e marijuana sia innocuo.

 Recentissimi studi in varie università europee e statunitensi, hanno dimostrato la pericolosità causata dal consumo di queste sostanze, denunciando un fortissimo aumento degli interventi di pronto soccorso legati all’abuso di alcol e marijuana, molto spesso associate tra loro. Secondo i medici dello University of Colorado Hospital, i consumatori di “cannabis commestibile” hanno mostrato nella metà dei casi alterazioni mentali, inclusi attacchi d’ansia, rispetto a una quota inferiore a un terzo relativa a coloro che avevano fumato marijuana e manifestazioni psichiatriche, con una differenza: chi consuma prodotti alimentari con cannabis tende a manifestare una sintomatologia acuta, mentre chi la fuma è più propenso a mostrare sintomi di depressione.

Nel 2018 in Italia le autorizzazioni per la vendita di prodotti contenenti cannabis light sono aumentate del 75% rispetto all’anno precedente. C’è chi addirittura, vorrebbe istituire la giornata mondiale della cannabis- light, quasi ci fosse tanto da festeggiare per la diffusione delle droghe.

 Come non impegnarsi con tutte le energie per ostacolare il dilagare di questa cultura dello sballo? La campagna di informazione dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della missione della Chiesa di Scientology di Olbia proseguirà anche questa settimana nella giornate di mercoledì 24 e giovedì 25 in via Vittorio Veneto e a Poltu Quadu e continuerà ad oltranza finché ogni ragazzo gallurese sarà informato su ciò che le droghe fanno realmente al corpo e alla mente, confutando, una volta per tutte, le menzogne  degli spacciatori.  

 “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere” scriveva il filosofo L. Ron Hubbard, oggi più che mai sono parole attuali, osservando tanti adolescenti dipendenti da un’idea ancor prima che da una sostanza. Info: www.noalladroga.it  



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marijuana, una via verso l'abuso di droghe


La piccola sportiva italiana


DISTRIBUZIONE DI OPUSCOLI INFORMATIVI SULLA DROGA A PADOVA


Droghe “leggere” sono davvero cosi leggere?


SECONDO GLI STUDENTI DELL'IPIA DI OLBIA, "UN DROGATO E' SENZA FUTURO!"


Marijuana: verso l'abuso di droghe


 

Stesso autore

Stop violazioni dei Diritti Umani a Cagliari

Stop violazioni dei Diritti Umani a Cagliari
Passeggiando per la centralissima via Mameli a Cagliari e rivolgendosi agli utenti che entravano uscivano dalla Mediateca, così come facendosi vivi nelle attività commerciali della zona, i volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology hanno fatto conoscere a centinaia di persone i trenta articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.   Nei (continua)

Cagliari: il quartiere di San Benedetto contro la droga

 Cagliari: il quartiere di San Benedetto contro la droga
  Le incessanti iniziative dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, hanno visto ancora una volta l'impegno ad informare i cittadini su quanti danni comporti far parte del mondo della droga, da consumatore o da spacciatore.   Con una distribuzione di materiale informativo avvenuta nella serata di lunedì 20 maggio, sono stati c (continua)

Volontari rafforzano il lavoro delle forze dell'ordine con l'informazione sulla droga

Volontari rafforzano il lavoro delle forze dell'ordine con l'informazione sulla droga
  I liberi cittadini devono darsi da fare per creare una nuova idea riguardo la droga. Lasciare questo compito esclusivamente nelle mani delle forze dell'ordine è sostanzialmente un'arresa in quanto il momento del loro intervento arriva praticamente solo dopo che dei crimini sono stati commessi.   I volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Sc (continua)

Dal mare ai Diritti Umani: studenti ricevono educazione sui loro diritti

Dal mare ai Diritti Umani: studenti ricevono educazione sui loro diritti
Pronto per una nuova iniziativa all'istituto nautico di Cagliari i volontari di Uniti per i Diritti Umani: con altre due conferenze sui trenta articoli della Carta Universale dei Diritti dell'Uomo, decine di studenti riceveranno informazione su che cosa sia questo importantissimo documento che le Nazioni Unite pubblicarono nel 1948.   Ciò che maggiormente fa spavento è il fa (continua)

Oristano ancora bersaglio degli antidroga

Oristano ancora bersaglio degli antidroga
  Procedono con cadenza settimanale le iniziative di prevenzione portate avanti dai volontari antidroga di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology che, nella serata di martedì 21 maggio, con centinaia di libretti informativi a disposizione dei cittadini di Oristano, continueranno a rendere noti i reali effetti della droga.   Contrari a tutte q (continua)