Home > Altro > Conservare le staminali del cordone ombelicale: cos定 una biobanca

Conservare le staminali del cordone ombelicale: cos定 una biobanca

articolo pubblicato da: digitalpr | segnala un abuso

Conservare le staminali del cordone ombelicale: cos定 una biobanca

 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

 

Le cellule staminali del cordone ombelicale sono dotate di un grande potenziale dal punto di vista terapeutico. Aumentano sempre più, infatti, gli studi e le ricerche sull’impiego di queste cellule nel trattamento di malattie ad oggi senza cura. Anche il Ministero della Salute si è espresso sull'utilità in campo terapeutico delle cellule staminali cordonali, elencando oltre 80 patologie trattabili con queste cellule nel D. Lgs. del 18 novembre 2009 [1].

 Dove è possibile conservare queste cellule così preziose? Esistono delle strutture dedicate, chiamate biobanche, adibite specificatamente alla conservazione del sangue del cordone ombelicale. Ecco nel dettaglio che cosa sono e come avviene la conservazione delle cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale.

 Una biobanca è una struttura che si occupa di crioconservare per anni i campioni biologici umani (es. cellule staminali del sangue cordonale) al fine di renderli disponibili all'occorrenza.

 Per farlo, queste strutture devono osservare numerosi standard di qualità e attenersi a procedure scrupolose affinché questi siano utilizzabili in un trapianto.

 Quando la struttura riceve il campione di sangue con le staminali cordonali, dà avvio alla procedura per la sua corretta conservazione. Per prima cosa la sacca contenente il sangue cordonale viene trasferita presso un laboratorio di ricezione, all'interno del quale verrà registrata (anche tramite scansione di un codice a barre) inserendo nel database della biobanca dati importanti per la sua futura identificazione, quali il nome del donatore, il volume del campione e la data di arrivo.

 In seguito, il sangue cordonale viene portato presso il laboratorio di ematologia, dove verrà sottoposto a una serie di analisi volte a valutarne la qualità, la presenza di patologie infettive (es. epatite B o C), il gruppo sanguigno del donatore, il conteggio delle cellule nucleate (staminali comprese). Il sangue del cordone ombelicale viene poi processato in una stanza sterile e sottoposto ad altri test di qualità.

 Successivamente, il sangue viene depositato in una sacca, appositamente dedicata alla crioconservazione, al cui interno viene inserito anche un agente crioprotettivo per impedire alle staminali di congelare. La crioconservazione avviene all'interno di speciali contenitori chiamati biocontainers, utilizzando azoto, di solito in forma gassosa. La temperatura sarà abbassata gradualmente finché si arriverà a -196° C.

 Alcuni risultati hanno mostrato come la crioconservazione consenta alle staminali di mantenere inalterate le potenzialità proliferative e differenziative per oltre 24 anni [2].

 

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

 

 Fonti:

 1. Decreto ministeriale 18 novembre 2009

2 Broxmeyer, H.E. et al. Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood. Blood. 117:4773-4777.

cordone ombelicale | cellule staminali | staminali | staminali cordonali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista esclusiva a Andrea Mazzoleni, Vice Presidente di Beike Europe


Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Domande e risposte pi frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


Cellule staminali del cordone ombelicale: scopriamo come vengono raccolte e conservate


Cordone ombelicale: perch importante la conservazione del tessuto?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti

Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Le cellule staminali cordone ombelicale sin dalla loro scoperta, avvenuta negli anni ‘80, sono state considerate come la fonte di staminali con la percentuale maggiore di applicazioni in campo della medicina rigenerativa. Queste cellule possiedono un potenziale terapeutico molto grande, e ciò rende possibile il loro impiego nel trattamento d (continua)

Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno

Allattamento: l'effetto protettivo per il tumore al seno
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il cancro al seno è una delle neoplasie maggiormente diagnosticate nella popolazione femminile [1]. Si tratta di una malattia che in Italia colpisce più di cinquantamila donne ogni anno. Nonostante questa percentuale così alta si tratta della neoplasia con i tassi di sopravvivenza più alti, e le probabilit&agrav (continua)

Gravidanza e ipertensione: quali sono i rischi?

Gravidanza e ipertensione: quali sono i rischi?
A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Ogni futura mamma deve affidarsi a un ginecologo di fiducia che possa programmare controlli di routine e percorsi di diagnosi prenatale, quali possono essere i test di screening non invasivi, come il test del DNA fetale, o esami più invasivi quali l'amniocentesi e la villocentesi. Questi esami prenatali permettono di controllare la salute (continua)

Tumore al seno: si pu allattare dopo?

Tumore al seno: si pu allattare dopo?
A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica Il tumore al seno è una delle forme tumorali con il tasso di incidenza maggiore tra le donne [1]. Molte che si sono ammalate di cancro al seno, dopo il trattamento, desiderano avere un figlio, ma allo stesso tempo si chiedono se sia possibile poi allattarlo normalmente. È importante sapere che l'allattamento naturale, anche dopo il tr (continua)

Autismo e cellule staminali del cordone ombelicale

Autismo e cellule staminali del cordone ombelicale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente  Le cellule staminali del cordone ombelicale sono uno strumento terapeutico molto potente di cui servirsi per trattare numerose patologie, come neoplasie e disordini congeniti del sistema immunitario1. Sono in corso alcuni studi mirati a valutare i risultati del trattamento dello spettro autistico con le staminali del cordone ombelicale.  Il d (continua)