Home > Arte e restauro > Matteo Fieno: l'anima della pittura declinata al femminile

Matteo Fieno: l'anima della pittura declinata al femminile

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Matteo Fieno: l'anima della pittura declinata al femminile


L'artista Matteo Fieno canalizza la sua virtuosa vena creativa dentro una sintassi pittorica, che si rivolge alla centralità della donna, nella sua incantevole bellezza ideale e nella sua ammaliante capacità seduttiva. La donna come corpo e anima, come passione e sentimento, come carne e spirito. Nella sua ricerca si "respira" un grande coinvolgimento mentale, che lascia affluire la pienezza di un linguaggio davvero pregnante, che si snoda e si dipana su un "labirinto esistenziale" disposto su piani e livelli intercalari. Matteo assorbe gli stimoli esterni e li metabolizza con quelli interni: il risultato fluisce come una sorgente d'acqua cristallina che sgorga libera da preconcetti, pregiudizi e costrizioni. La sua pittura è un inno all'universo-donna, al suo potere comunicativo plurisensoriali e pluridimensionale. Matteo si muove passo dopo passo supportato da un articolato patrimonio emozionale, che controlla e che orienta per trarne la miglior resa ad effetto scenico.

Prossimamente sarà in mostra con una serie di quadri presso importanti contesti espositivi di livello internazionale. In particolare, a Barcellona sarà protagonista insieme ad altri nove artisti con quattro opere sul tema dell'interpretazione dell'animo umano. L'evento si terrà dal 6 al 16 Giugno. Inoltre, è stato selezionato per il prestigioso "Premio Città di Parigi Artexpo" che si terrà sempre a Giugno nel contesto della Galleria Thuiller nel cuore del Quartiere Marais, a pochi passi dal celebre Museo Picasso. Due iniziative che accentuano la proiezione di cosmopolitismo di Matteo e il suo desiderio di confrontarsi con un pubblico estero.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/2019/05/03/matteo-fieno-lanima-della-pittura-declinata-al-femminile/


matteo fieno | fieno | artista | artisti | italia | italiano | mostra | collettiva | barcellona | parigi | paris | artexpo | marais | museo | picasso | art | art | artisti | arte contemporanea | mostra | esposizione | opera | opere | quadro | quadri | elena gollini | art blog | gollini | matteo fieno arti |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roberto Re: vivere in arte

Roberto Re: vivere in arte
Nella pittura di Roberto l'emozione ha vita propria, si fa spazio vissuto e narrato nella gestualità dell'azione creativa, compiuta con abile destrezza per ottenere una perfetta sintesi di forma e contenuto. Il modus operandi artistico di Roberto Re è senza dubbio strettamente e inscindibilmente legato alle sue concezioni esistenziali e al suo legame con quanto lo circonda, con il suo pregresso di esperienze, con le sue conoscenze acquisite e consolidate nel tempo. Nel contestualizzare la produzione informale si ripropone di coltivare la perizia e la tecnica strumentale, per ottimizzarne al megl (continua)

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà

Federico Colli: voli pindarici tra sogno e realtà
Federico lavorando con meritato successo anche in ambito sportivo, è abituato a darsi dei traguardi e delle mete di arrivo e anche nell'arte immette questa virtuosa intraprendenza e determinazione, che si riflette e si rispecchia nelle scelte di percorso stilistico. L'intraprendenza creativa appassionata di Federico Colli lo spinge verso funambolici voli pindarici, dove mente e cuore viaggiano insieme in perfetta sintonia e dove si sostanzia e si profila una sospensione, che resta in bilico tra sogno e realtà, tra reale e immaginario. Nell'approfondire i tratti e gli aspetti salienti del suo fare artistico la Dott.ssa Elena Gollini ha dichiarato: “Feder (continua)

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte
“Il marmo dai 1000 volti” è un pregevole e ambizioso progetto che prende vita dalla grande sensibilità intuitiva del maestro del marmo Massimo Caramia, in collaborazione con la dottoressa Elena Gollini. Il patrocinio istituzionale conferito dal Comune di Pietrasanta ha ulteriormente amplificato la portata e la rilevanza sociale e collettiva di questo articolato progetto di ricerca, che ha co (continua)

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani

L'intenso paradigma semantico nella pittura di Alessandro Giordani
"Alessandro Giordani è in primis un artista del cuore, un pittore del sentimento, un creativo nel trasporto dell'anima, che non cerca una propria auto celebrazione sterile e un esibizionismo estremo, ma compie una sua selezione semantica ben precisa e ponderata, per trasferire dentro la sua arte pittorica un intenso paradigma di significati pregnanti a cui dare voce e pensiero riflessivo, d (continua)

L'arte di Davide Romanò sulla scia del simbolismo pittorico

L'arte di Davide Romanò sulla scia del simbolismo pittorico
I pittori simbolisti cercarono di fissare sulla tela le emozioni e come scrisse il poeta Jean Moréas di "vestire l'idea in forma sensibile". Così come i poeti simbolisti erano convinti che ci fosse una corrispondenza tra il suono, il ritmo e il significato delle parole, così i pittori simbolisti pensavano che il colore e la linea potessero esprimere i sentimenti. Nella scia dei simbolisti so (continua)