Home > Economia e Finanza > L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe

L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe


 

Che il 2019 sia iniziato sotto ottimi auspici per il mercato nostrano dell’equity crowdfunding è ormai un dato di fatto. Dopo la quotazione in Borsa di CrowdFundMe, il primo portale italiano a varcare la soglia di Piazza Affari, un segnale chiaro è arrivato: il mondo del fintech e del finanziamento dal basso è stato ufficialmente legittimato a entrare nei salotti dell’alta finanza. Ma sono i numeri a parlare: durante il primo trimestre 2019 la raccolta sulle varie piattaforme è stata di 13,5 milioni di euro contro i dieci dell’ultimo trimestre 2018 (Fonte: Crowdfunding Buzz).

 

«CrowdFundMe ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2018 mettendo a segno un +109% con 24 campagne chiuse con successo e ricavi per 390 mila euro». Racconta Tommaso Baldissera Pacchetti Ceo dell’azienda. «E anche il 2019 è partito nel migliore dei modi. Con la campagna di Winelivery che si è conclusa a gennaio, abbiamo raccolto 1,2 milioni di euro da 381 investitori. Il mercato dell’equity crowdfunding è in fortissima crescita (oltre il 100%) come dimostrano gli studi. Ma ciò che ci sorprende positivamente è l’apertura del legislatore. I portali di equity crowdfunding potranno, infatti, andare a emettere mini-bonds e vi è anche una forte apertura da parte della Consob verso le cripto-attività così come mostrato nella consultazione recentemente aperta dalla Consob stessa».

 

Perché il crowdfunding funziona

Nel corso del 2018 sono state 30 le campagne lanciate da CrowdFundMe, contro le 17 del 2017, per un totale di 61 campagne complessive. L’incidenza percentuale del numero delle campagne concluse con successo sul numero di quelle lanciate, mostra una crescita pari al 50% nel 2016, del 74% nel 2017 e dell’80% nel 2018. Sono numeri che danno il quadro del potenziale di CrowdFundMe, ma parlano anche di un mercato generale in espansione e di uno strumento prezioso per le startup.

«Solo poco tempo fa, io e Benedetto Pirro eravamo due ragazzi che provavano a realizzare qualcosa di grande. Ci ritrovavamo a parlarne al bar dell’università, ci chiedevamo dove recuperare i fondi per partire. Oggi siamo alla guida di un’azienda quotata, ma la nostra anima da startup ci lega con un forte filo di empatia alle aziende che raccolgono fondi sulla nostra piattaforma. Noi crediamo che l’equity crowdfunding rappresenti una grande opportunità per i giovani e le PMI perché è un sistema altamente meritocratico. Se il progetto è buono, gli investitori arrivano. Se arrivano fondi si creano posti di lavoro e si contribuisce a far girare l’economia reale. Nel nostro Paese, questa è una grande rivoluzione perché per la prima volta, al centro di tutto, c’è un progetto e non importa se ti trovi a Milano, a Matera o a Frosinone. L’equity crowdfunding rappresenta una rivoluzione perché offre a tutti le stesse possibilità: è democratico e meritocratico allo stesso tempo».

 

Le emittenti di CrowdFundMe

Nei suoi quattro anni di vita, CrowdFundMe ha raccolto capitali per giovani società che oggi sono diventate aziende affermate. Oltre alla già citata Winelivery, ricordiamo CleanBnB che ha raccolto oltre 620mila euro e ormai riconosciuta come uno dei principali player italiani nel mercato degli affitti a breve termine o Glass To Power che in due round ha raccolto la cifra record di 2.433.750 euro, solo per citarne alcune. Una percentuale così alta di successo è dovuta a tanti fattori: la qualità della proposta, ma anche la reputazione e l’affidabilità di una piattaforma rodata e all’avanguardia che riesce a catalizzare l’interesse non solo di investitori professionali, ma anche di persone comuni che normalmente non avrebbero accesso a questo genere di investimento. «Alla base del nostro successo c’è una selezione attenta delle giovani aziende che decidiamo di supportare» spiega Tommaso Baldissera Pacchetti.  «Offrire a tutti la possibilità di investire in società non quotate facendo anche informazione a riguardo è una delle nostre mission. Dai nostri dati risulta che circa il 30% dei nostri investitori retail non aveva mai investito in alcun strumento finanziario prima di conoscerci. Questo per noi è un risultato fantastico, hanno creduto nei nostri prodotti come primissimo approccio al mondo finanziario».

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’equity crowdfunding fa bene all’ambiente. Le campagne di successo su CrowdFundMe


Startup: 5 errori da evitare per una campagna di equity crowdfunding che funzioni


Il crowdfunding di RepUP raggiunge l’obiettivo in pochi giorni. “Così aiutiamo i ristoratori a guadagnare di più”


Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore


Equity crowdfunding? 10 consigli di Dynamo per non bruciarsi la campagna


Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori

Open Seed: 10 punti deboli delle startup  che fanno fare marcia indietro agli investitori
Informazioni poco chiare, numeri fantasiosi, mercato troppo piccolo, lentezza nella scalabilità: ecco perché tante idee vengono scartate Sui conti bancari italiani è presente una liquidità immobilizzata che ha superato i 1700 miliardi di euro. Eppure, dall’altra parte esiste un’economia reale composta da startup e pmi innovative che non riesce a trovare i fondi necessari per poter crescere ed evolversi». A raccontarlo è Lorenzo Ferrara, Presidente e co-founder di Open Seed, veicolo d’investimento nato nel 2016, con lo sco (continua)

I turisti stranieri hanno voglia di Italia: 5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura

I turisti stranieri hanno voglia di Italia:  5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura
«La concorrenza è altissima, soprattutto da altri Paesi. Serve un’offerta turistica di alta qualità che si concentri sugli ospiti con maggiore capacità di spesa» Paolo Zennaro, Ceo di Welcomeasy Se il Governo permetterà alle regioni di ospitare, senza troppe restrizioni o quarantene, europei e americani, che già da febbraio stanno prenotando hotel e case vacanza nel nostro Paese, l’estate 2021 potrebbe rappresentare lo spartiacque tra crisi e inizio della ripresa per il settore turistico italiano. Si tratta di una buona notizia per l’intera economia nazionale. «Secondo l’analisi (continua)

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro
“In un periodo come questo, il delivery può fare la differenza per la sopravvivenza di un locale, soprattutto per quelli più decentrati e non serviti dai grandi player. Noi abbiamo deciso di andare proprio lì, dove gli altri non arrivano”. Damiano Vassalli, TvbEat Nell'era dell'epidemia da Covid-19, caratterizzata dal continuo altalenarsi tra aperture e chiusure e dall’impossibilità di spostarsi, il desiderio di maggiori servizi a domicilio è esploso anche nelle numerose province italiane. Questa è la necessità che Damiano Vassalli e Andrea Togni hanno percepito, grazie agli anni di esperienza come imprenditori, nella loro provincia. Volendo supportare (continua)

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero
Il nuovo modello di licensing consente agli MSP di erogare servizi di Cyber Protection su più endpoint, integrando funzionalità di backup, antimalware e gestione della protezione all'avanguardia, con costi ridotti o nulli ra le numerose iniziative per la settimana della Cyber Protection 2021 previste da Acronis, leader globale nella Cyber Protection, l'azienda ha presentato oggi la nuova versione a costo zero di Acronis Cyber Protect Cloud, la soluzione dedicata ai service provider che ha già ottenuto numerosi riconoscimenti. Avvalendosi di un nuovo e redditizio modello di licensing, i service p (continua)

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore
Nel 2020 le startup italiane hanno raccolto 683 milioni di euro. L’equity crowdfunding ha addirittura segnato un +53% rispetto al 2019. Ora più che mai serve uno strumento che aiuti gli investitori a ridurre i rischi «Investire in startup non significa speculare, ma dare una mano all’economia reale sostenendo la crescita di giovani aziende che saranno protagoniste del nostro futuro. Oggi, grazie anche alla diffusione dell’equity crowdfunding, comprare quote di una startup e sentirsi parte di un progetto innovativo è alla portata di tutti. In realtà, per farlo in maniera proficua, limitando al minimo il rischio (continua)