Home > Economia e Finanza > L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe

L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe


 

Che il 2019 sia iniziato sotto ottimi auspici per il mercato nostrano dell’equity crowdfunding è ormai un dato di fatto. Dopo la quotazione in Borsa di CrowdFundMe, il primo portale italiano a varcare la soglia di Piazza Affari, un segnale chiaro è arrivato: il mondo del fintech e del finanziamento dal basso è stato ufficialmente legittimato a entrare nei salotti dell’alta finanza. Ma sono i numeri a parlare: durante il primo trimestre 2019 la raccolta sulle varie piattaforme è stata di 13,5 milioni di euro contro i dieci dell’ultimo trimestre 2018 (Fonte: Crowdfunding Buzz).

 

«CrowdFundMe ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2018 mettendo a segno un +109% con 24 campagne chiuse con successo e ricavi per 390 mila euro». Racconta Tommaso Baldissera Pacchetti Ceo dell’azienda. «E anche il 2019 è partito nel migliore dei modi. Con la campagna di Winelivery che si è conclusa a gennaio, abbiamo raccolto 1,2 milioni di euro da 381 investitori. Il mercato dell’equity crowdfunding è in fortissima crescita (oltre il 100%) come dimostrano gli studi. Ma ciò che ci sorprende positivamente è l’apertura del legislatore. I portali di equity crowdfunding potranno, infatti, andare a emettere mini-bonds e vi è anche una forte apertura da parte della Consob verso le cripto-attività così come mostrato nella consultazione recentemente aperta dalla Consob stessa».

 

Perché il crowdfunding funziona

Nel corso del 2018 sono state 30 le campagne lanciate da CrowdFundMe, contro le 17 del 2017, per un totale di 61 campagne complessive. L’incidenza percentuale del numero delle campagne concluse con successo sul numero di quelle lanciate, mostra una crescita pari al 50% nel 2016, del 74% nel 2017 e dell’80% nel 2018. Sono numeri che danno il quadro del potenziale di CrowdFundMe, ma parlano anche di un mercato generale in espansione e di uno strumento prezioso per le startup.

«Solo poco tempo fa, io e Benedetto Pirro eravamo due ragazzi che provavano a realizzare qualcosa di grande. Ci ritrovavamo a parlarne al bar dell’università, ci chiedevamo dove recuperare i fondi per partire. Oggi siamo alla guida di un’azienda quotata, ma la nostra anima da startup ci lega con un forte filo di empatia alle aziende che raccolgono fondi sulla nostra piattaforma. Noi crediamo che l’equity crowdfunding rappresenti una grande opportunità per i giovani e le PMI perché è un sistema altamente meritocratico. Se il progetto è buono, gli investitori arrivano. Se arrivano fondi si creano posti di lavoro e si contribuisce a far girare l’economia reale. Nel nostro Paese, questa è una grande rivoluzione perché per la prima volta, al centro di tutto, c’è un progetto e non importa se ti trovi a Milano, a Matera o a Frosinone. L’equity crowdfunding rappresenta una rivoluzione perché offre a tutti le stesse possibilità: è democratico e meritocratico allo stesso tempo».

 

Le emittenti di CrowdFundMe

Nei suoi quattro anni di vita, CrowdFundMe ha raccolto capitali per giovani società che oggi sono diventate aziende affermate. Oltre alla già citata Winelivery, ricordiamo CleanBnB che ha raccolto oltre 620mila euro e ormai riconosciuta come uno dei principali player italiani nel mercato degli affitti a breve termine o Glass To Power che in due round ha raccolto la cifra record di 2.433.750 euro, solo per citarne alcune. Una percentuale così alta di successo è dovuta a tanti fattori: la qualità della proposta, ma anche la reputazione e l’affidabilità di una piattaforma rodata e all’avanguardia che riesce a catalizzare l’interesse non solo di investitori professionali, ma anche di persone comuni che normalmente non avrebbero accesso a questo genere di investimento. «Alla base del nostro successo c’è una selezione attenta delle giovani aziende che decidiamo di supportare» spiega Tommaso Baldissera Pacchetti.  «Offrire a tutti la possibilità di investire in società non quotate facendo anche informazione a riguardo è una delle nostre mission. Dai nostri dati risulta che circa il 30% dei nostri investitori retail non aveva mai investito in alcun strumento finanziario prima di conoscerci. Questo per noi è un risultato fantastico, hanno creduto nei nostri prodotti come primissimo approccio al mondo finanziario».

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’equity crowdfunding fa bene all’ambiente. Le campagne di successo su CrowdFundMe


Startup: 5 errori da evitare per una campagna di equity crowdfunding che funzioni


Il crowdfunding di RepUP raggiunge l’obiettivo in pochi giorni. “Così aiutiamo i ristoratori a guadagnare di più”


Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore


Equity crowdfunding? 10 consigli di Dynamo per non bruciarsi la campagna


Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo
Da Welcomeasy 5 consigli pratici per incentivare e cavalcare la ripresa nel 2022 Le misure di sicurezza per chi viaggia servono e continueranno a servire, probabilmente, ancora fino al 2023 e oltre. Ma il Green Pass per soggiornare nelle strutture ricettive, così come altre possibili limitazioni, non deve per forza fermare il turismo, anzi. Il settore è chiamato a un grande cambiamento che può e deve essere affrontato, per tornare a crescere, passo dopo pas (continua)

La mobilità sostenibile può diventare uno sport? MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì

La mobilità sostenibile può diventare uno sport?  MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì
«Siamo una B Corp a vocazione sociale. Abbiamo sviluppato un gioco che incentiva comportamenti più sostenibili, certifica la riduzione di CO2 e, grazie ai dati raccolti, aiuta a creare piani di mobilità per enti e aziende».  Europa, oltre un quarto delle emissioni di CO2 viene generato dal settore dei trasporti. Per arginare gli effetti del cambiamento climatico, è stato stabilito di azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l'aumento delle temperature a 1,5°C. Investire nell'adattamento climatico rappresenta oggi per le aziende l'unica soluzione per garantirsi una crescita (continua)

Crediti deteriorati? 4Invest NPL risolve il problema e avvia la campagna di crowdfunding

Crediti deteriorati? 4Invest NPL risolve il problema e avvia la campagna di crowdfunding
«Il mercato offre pacchetti di crediti deteriorati del valore di 1 milione per 30 mila euro, con recuperabilità minima al 35%. Noi possiamo aiutare privati e imprese in difficoltà a liberarsi dai debiti» «Secondo Standard & Poor's, nell’anno in corso, le banche italiane vedranno raddoppiare i crediti deteriorati, fino a circa 200 miliardi di euro al lordo delle rettifiche. Questi crediti, che nel nostro Paese derivano soprattutto dall’esposizione alle Pmi, per gli istituti sono spesso difficili da recuperare, a causa della lentezza intrinseca dei processi decisionali e dei percorsi giudiziali (continua)

Caricami porta in Italia il powerbank sharing, un business da oltre 9 miliardi

Caricami porta in Italia il powerbank sharing, un business da oltre 9 miliardi
Si chiama Nomofobia la paura di rimanere con il telefono sconnesso Uno studio condotto da Samsung nel 2019 rilevava un dato molto peculiare: il 36% degli italiani preferirebbe ricevere una ricarica della batteria del telefono piuttosto che un prestito di denaro. Questo dato si pone in un contesto che ci vede tutti perennemente connessi, continuamente coinvolti in interazioni digitali, tanto da far affiorare addirittura una paura, quella di restare scollegati (continua)

DoctorApp supera in pochi giorni l'obiettivo del crowdfunding e incassa 100k dal fondo Apollíon

DoctorApp supera in pochi giorni l'obiettivo del crowdfunding e incassa 100k dal fondo Apollíon
La startup degli appuntamenti per studi medici ha già 100mila utenti attivi e gestisce oltre 32mila prenotazioni al mese  DoctorApp, ha raccolto in meno di una settimana oltre 85mila euro sulla piattaforma di equity crowdfunding Crowdfundme.it. Un accesso alla sanità più rapido e organizzato è un sogno sia per i medici sia per i pazienti. «Tutti noi abbiamo sperimentato la frustrazione di affrontare lunghissime code per un colloquio con il medico di famiglia, senza sapere quando saremmo rius (continua)