Home > Cultura > L’uso di droga si diffonde e molti la vorrebbero libera: cosa si può fare?

L’uso di droga si diffonde e molti la vorrebbero libera: cosa si può fare?

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

L’uso di droga si diffonde e molti la vorrebbero libera: cosa si può fare?

La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

Ecco che ogni settimana i volontari della Chiesa di Scientology, aderenti all’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”, spendono il loro tempo libero a diffondere l’informazione corretta sulla droga in tutta la Toscana. Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è infatti quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

In tutto il mondo occidentale le campagne a favore della legalizzazione della droga, e a favore dell’uso di droga, si fanno sempre più intense e pervadono i media. I risultati si fanno vedere: in molti stati degli USA e in Canada la marijuana è oramai legale, a Denver (capitale del Colorado) anche i funghi allucinogeni sono stati depenalizzati. I giovani sono così liberi di assumere droghe che danneggiano gravemente la loro salute fisica e mentale.

L’aspetto più triste di tutta la faccenda e che tali sostanze stupefacenti vengono spacciate come “terapeutiche” e “innocue”. Niente è più lontano dalla verità, tutte le droghe senza eccezioni sono sostanze tossiche che danneggiano la mente e il corpo. Chi porta avanti tali campagne che promuovono l’uso di droga è perfettamente consapevole che sta spingendo la sua nazione e il pianeta verso un futuro di tossicodipendenza e degradazione sia fisica che mentale.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Droga | Un mondo libero dalla droga | Toscana | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CLUB DELLA GIOVENTÙ LIBERA DALLA DROGA


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


CONTINUA A PADOVA LA CAMPAGNA INFORMATIVA PER DIRE NO ALLA DROGA!


Giornata di Porte Aperte nella Chiesa di Scientology di Roma.


Massimiliano De Luca: Non pensavo di riuscire a correre per 42 chilometri


Alex Schwazer assapora il successo dopo quasi 4 anni di squalifica per doping


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Consumo di droga e violenza sessuale

Consumo di droga e violenza sessuale
Una recente sentenza della cassazione ha stabilito che all’imputato, accusato di violenza sessuale, non poteva essere riconosciuta l’aggravante a causa dell’uso di sostanze stupefacenti, in quanto la vittima della violenza aveva assunto la droga per suo conto, senza essere spinta dal criminale violentatore. Indipendentemente dalla decisione della Corte di Cassazione, è in (continua)

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana
Nel 2014 l’allora presidente dell’Uruguay spinse il suo paese a liberalizzare tutte le droghe leggere. Dato che un certo numero di paesi nel mondo stanno per seguire l’esempio della nazione sudamericana, è interessante andare a cedere se il progetto ha funzionato oppure no. Uno dei primi effetti desiderati, cavallo di battaglia di tutte le lotte antiproibizioniste, è (continua)

L’eroina dei poveri: il Kobret

L’eroina dei poveri: il Kobret
Il Kobret è uno stupefacente derivato dagli scarti di lavorazione dell’oppio e dell’eroina, in Italia viene spacciato soprattutto al sud dalla camorra. Si tratta di una sostanza più economica dell’eroina, è una polvere di colore marroncino che si inietta sciola nell’acido citrico, oppure se ne inalano i fumi della combustione. Come la maggior parte deg (continua)

Il bosco degli spacciatori

Il bosco degli spacciatori
È ormai quasi impossibile fare qualche chilometro senza incappare nei controlli della polizia, e questo gli spacciatori non se lo possono permettere. Il traffico di droga sta adottando nuove strategie per cercare di farla franca: consegnare a domicilio con un cane al guinzaglio, oppure nascondersi nel bosco. Nei dintorni di Sarzana uno spacciatore marocchino si era costruito un bivacco nel (continua)

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus
Come evitare di essere fermato dalle forze dell’ordine in tempi di divieto assoluto di circolazione per il contenimento dell’epidemia di coronavirus. Portare il cane al guinzaglio sembrava un trucco brillante, ma quando i finanzieri del comando provinciale di Livorno lo hanno fermato, è stato chiaro che non si trattava di una semplice passeggiata. Lo spacciatore tunisino di 28 a (continua)